Italia: perché le elezioni presidenziali di quest’anno sono diverse

Le elezioni presidenziali italiane questa volta sono eccitanti per più di un motivo.

Ma niente di tutto questo è paragonabile alla candidatura di Silvio Berlusconi. Dopo aver guidato quattro governi e dopo diversi impegni con la magistratura, Cavaliere è tornato nell’arena politica centrale. Le possibilità elettorali non sono grandi, ma la domanda è se la politica ne abbia bisogno.

Abbiamo posto questa domanda al Rettore della Scuola di Governo Luiss Giovanni Orsina: “La presenza continua di Berlusconi non significa nulla per la scena politica italiana. In altre parole, significa che la politica è incapace di rinnovarsi e mostra che è completamente smantellata. Istituzioni in questo Paese non può formare una nuova classe di leader politici: “Berlusconi vuole chiudere la sua carriera politica con una standing ovation, con l’intero Paese al suo fianco che riconosce la sua importanza e non c’è modo migliore per farlo che essere eletto presidente”.

Inoltre, a differenza delle precedenti elezioni, quest’anno sembra essere in gioco. Secondo Francesco Clementi, docente di diritto pubblico comparato all’Università di Perugia, “questa volta scopriremo chi sarà il prossimo presidente del Consiglio e chi sarà chiamato ad attuare la NEXT GENERATION EU. Ma queste elezioni garantiranno che il Paese uscirà presto dalla pandemia riguarda anche la totale riorganizzazione dei partiti politici in vista delle elezioni del 2023. C’è un altro aspetto che distingue queste elezioni dalle precedenti elezioni, che questa volta avranno un impatto sull’intera Europa. “Qualunque cosa verrà deciso a Roma avrà un impatto su Bruxelles, Parigi e Londra”.

La credibilità e il prestigio internazionale di Mario Draghi lo rendono un candidato di particolare rilievo. Se eletto presidente, il suo successore è una vera sfida politica.

“Visto quello che è successo, credo sia molto probabile che Draghi sarà costretto a rimanere al suo posto e sarà più facile accettare un nuovo presidente che trovare ‘Draghi n. 2’ per sostituire ‘Draghi n. 1′”, stima Clementi.

L’Italia si è talmente identificata con l’instabilità politica che la frammentazione della scena politica è nota come “italianizzazione”. Un anno prima delle elezioni parlamentari sono emersi i timori di una nuova crisi di governo, che secondo Orsina non è necessariamente una cosa negativa: “Né una crisi di governo né un’elezione anticipata possono essere escluse. Io sono tra coloro che credono che una votazione anticipata possa non essere catastrofico. Non li escludo, anche se lo scenario non è molto probabile. L’Italia è sempre stata instabile in questo, ma sa gestire la sua instabilità. Alla fine trova sempre una soluzione, lo fa sempre”. .

Tuttavia, una cosa è certa. Indipendentemente da chi sostituirà Sergio Matarella, il periodo elettorale aumenterà presto, mettendo forse a repentaglio l’attuazione delle riforme che sono state ritardate. Le riforme del Paese devono accettare gli aiuti europei e salvare la sua economia.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.