Jorge Mendes è il “proprietario” del Valencia CF

Il futuro economico del Valencia, ancora una volta, è nelle mani dei piani dell’agente portoghese

Per la seconda settimana sono arrivato in questo angolo dell’incredibile GOAL per poter andare oltre il valencianesimo, per parlare ancora del super agente portoghese, giorgio menes. Ci sono persone che continuano innocentemente a credere che sia un attore secondario nel Valencia CF o che sia solo un buon amico di pietro lim. E mi pongo sempre la stessa domanda. Come si può credere che Mendes abbia spostato oltre 600 milioni di euro in otto anni tra l’acquisto e la vendita al Valencia CF?

Nessuna persona sana di mente darebbe quel livello di affari a un amico se la sua azienda non stesse facendo molti soldi. Nessuno attribuisce alla pubblicità una percentuale elevata delle vendite, se le operazioni svolte dal commerciale provocano perdite continue per la società. Non c’è niente come ripetere scambi costanti con annunci che ti costano denaro. Questo è impensabile in qualsiasi azienda seria, ad eccezione degli annunci che fanno in modo che un proprietario di perdite abbia una “correzione” con un proprietario di perdite. Qualcosa che non si adatta e non lo vede all’arrivo può avere determinati permessi, ma non vederlo dopo otto anni è cieco o voler essere cieco per qualche interesse.

Mende l’ho fatto di nuovo. Aveva rimosso l’albero in 15 giorni e aveva portato Bordalás al suo posto Gattusoè stato rimosso dal centro murty, con il quale non andava d’accordo e che aveva convinto Lim a lasciare il Valencia, e ora che è riuscito a parlare del nuovo allenatore, i 10 nomi dei giocatori quotidiani che verranno con il tecnico italiano e il possibile direttore sportivo per che firmeranno, ora sì, ora reale, ora qualche parola del figlio di Gesù, per cambiare modello. Quando in realtà la persona che vogliono veramente, ha detto di no a loro nella loro condizione, o preferiscono dire dov’è andata Il piano di Ramon desidera inviare e firmare come direttore sportivo. Ecco a cosa servono.

Esso Valencia CF Ha perso da tempo la sua essenza, non più quello che i fan chiamano il suo club. Ora è un’azienda, di proprietà di un uomo di Singapore, che lo ha condiviso con un portoghese e che lo ha utilizzato a suo piacimento per posizionare i propri prodotti. Nessuna vergogna e nessuna pressione, perché a Valencia le persone con cambio di allenatore e quattro DNA e mazze giurano, chiudono gli occhi e fanno altro.

Ho detto la scorsa settimana che Jorge Mendes è un mago e lo sostengo. In effetti, ho imparato ad apprezzare il modo in cui ha continuato. Per tre mesi si era preparato a tutto quello che era successo a Valencia a suo piacimento, ma qui a Valencia è stato scelto solo Lim. Cioè, la persona cattiva è solo Lim, ma quello che prende le decisioni è Mendes. Gattuso è suo, ds anche lui, anche se un nome deve ancora concretizzarsi, per lui sarebbe interessante un acquisto dopo aver eseguito la cessione di Guedes e Soler. Sì, da Soler, perché anche se non era il suo vice, sarebbe lui a fare l’operazione, se fosse fatta, come è avvenuto con Ferran Torres, ed è per questo che ora è in viaggio.

Il Valencia CF non è più un club regolare da molto tempo ed è un club gestito da un agente di calcio che lo utilizza nella sua rete di club per trasferire giocatori di calcio ogni anno. Mendes è un comproprietario del calcio e avere un buon rapporto con lui è sempre stato positivo, ma essere sotto la sua tutela è un dramma tanto grande quanto il club di Mestalla ha sopportato.

Quello che colpisce è che il Valencia non ha aperto gli occhi per dimostrarlo. Ha continuato a vagare liberamente e ad usare il club a suo piacimento. Niente lo ferma e ora è il momento del mercatto. Lì, sa come muoversi come nessun altro. In una settimana sono usciti 40 nomi, nonostante il campionato attuale non permetta al Valencia CF di registrare nessun giocatore se prima non c’è uscita. Jorge ha fatto la sua magia ma il problema è che l’abbiamo beccato con i suoi trucchi molto tempo fa.

Hector Gomez

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.