Kurtatsch affronta apertamente la sua storia – Südtirol News

Cortaccia – Cortaccia sulla Strada del Vino nell’Unterland altoatesino in epoca fascista è diventata un focolaio di resistenza all’abuso di potere e all’oppressione statale.

Quando, dopo l’annessione dell’Alto Adige nel 1922, il Commissariato civile italiano cercò di non consentire la celebrazione del Sacro Cuore di Gesù e del fuoco nella tradizione della lotta per l’indipendenza, un incendio di montagna si accese nel paese di Cortaccia nel pianure di notte. “Alcuni dei valorosi fanno addirittura risplendere enormi fiamme dalle teste del battaglione… alla terraferma.” (“L’inviato del popolo”, 29 giugno 1922)

Quando il canonico Michael Gamper organizza “lezioni sulle catacombe” che sono bandite e perseguitate in tutto il paese, trova un fedele alleato a Cortaccia nella giovane insegnante Angela Nikoletti. In quanto tedesco dell’Alto Adige, non gli è stato permesso di continuare a insegnare nella scuola in quella che oggi è l’Italia. Ora dà lezioni segrete di tedesco ai bambini di campagna a casa di sua zia a Cortaccia. Non rimane nascosto.

SHB

La notte del 14 maggio 1927 fu arrestato dai Carabinieri e, pur avendo un certificato medico di pleurite grave, fu condotto nell’umido e freddo carcere di Termeno e poi nel carcere di Neumarkt.

Il 19 maggio 1927 Angela Nicoletti fu condannata a trenta giorni di reclusione, cinque anni di sorveglianza della polizia ed espulsione dalla sua città natale di Cortaccia. La sua malattia, che peggiorò mentre era in prigione, portò alla sua morte il 30 ottobre 1930. Morì all’età di 25 anni.

SHB/Angela Nicoletti

A Cortaccia, anche il sacerdote Sebastian Kröss di Kurtatsch, il sacerdote Heinrich Schullian, i cooperatori Kerschbaumer e Kofler e un gruppo di giovani cattolici sono stati molestati dalle autorità. La loro casa è stata saccheggiata con l’accusa di “comportamento ostile” contro il fascismo distribuendo libri di canzoni tedeschi.

Dopo la seconda guerra mondiale, la repressione continuò nello spirito del fascismo. A Cortaccia si formò inizialmente la resistenza politica, che, data la natura imprendibile dei politici a Roma, portò in seguito alla partecipazione dei cittadini di Kurtatsch alle attività di resistenza del “Comitato di Liberazione dell’Alto Adige” (BAS).

SHB

Il sociologo del Kurtatsch Armin Gschnell ha presentato uno studio sulla storia contemporanea eccellente e dal design accattivante, pubblicato come libro riccamente illustrato dal “Comitato per l’educazione del Kurtatsch” con il sostegno della Provincia autonoma di Bolzano e della Raiffeisenkasse Salorno.

Come ha osservato il Comitato per l’Educazione nella sua prefazione, per lui era importante “assicurare ai posteri la cultura della commemorazione della resistenza politica degli anni ’50 e ’60”, specialmente intervistando testimoni viventi contemporanei.

SHB

È stato un successo completo e possiamo esprimere la nostra gratitudine e rispetto agli autori e al comitato educativo.

L’immagine di copertina documentava già le spettacolari proteste del 1957. All’epoca, l’esibizione pubblica dei colori tirolesi e l’alzabandiera della bandiera tirolese erano visti dai Carabinieri come un “raduno ribelle”. Una notte, quattro ragazzi di Kurtatsch con colori, pennelli e scale si recarono alla torre della bandiera accanto alla chiesa di Kurtatsch e le diedero un vestito bianco e rosso.

SHB

Altri atti negli anni ’50: appendere le bandiere del Tirolo in luoghi impervi, volantini dipinti a mano, adesivi e manifesti per l’autodeterminazione dell’Alto Adige, l’incendio del fuoco Herz-Jesu e gli incendi di protesta in montagna, l’abbattimento di alberi in Across the street. strada al confine della lingua a Salorno, bruciando il tricolore.

Un atto particolarmente clamoroso è stato l’incendio di una grande croce fiammeggiante alla vigilia del Sacro Cuore di Gesù sul muro del Grauner sopra il villaggio,
che fornisce un alibi appropriato per quell’anno.

Intrepidi scalatori, inclusi i successivi prigionieri politici Hermann Anrather, Luis Hauser Josef Anegg e Kurtatscher Hermann Penz, avevano montato un gran numero di piccoli contenitori di petrolio sulla parete rocciosa, da cui venivano alimentate croci di fuoco.

SHB/Hauser Luis con sua moglie

“Notte di fuoco” – arresto e tortura

Quando i primi arresti avvennero dopo la “Notte del fuoco” dall’11 al 12 giugno 1961 e i nomi di altri co-cospiratori furono presi dagli arrestati sotto la pressione di torture disumane, Luis Hauser, Josef Anegg, Hermann Anrather, Josef anche ha attaccato Kurtatscher Orian e Adolf Pomella durante il disastro.

Sono stati arrestati e orribilmente torturati nella caserma dei Carabinieri a Cortaccia. I resoconti delle loro torture, rilasciati dalla prigione con l’aiuto di un religioso, sono riprodotti come documenti nel libro di Armin Gschnell.

Seguirono processi e prigionia, durante i quali i locali si dimostrarono amici e aiutanti altruisti. Circa 40 giovani donne e uomini aiutano nei lavori agricoli delle famiglie dei detenuti.

SHB

I prigionieri di Kurtatsch e le loro famiglie hanno ricevuto il sostegno di molti cittadini. A scuola, gli insegnanti chiedono agli studenti di scegliere come amico di penna un prigioniero altoatesino che non deve essere per forza di Cortaccia.

Anche dopo essere stati rilasciati dal carcere, la famiglia Kurtatsch ha aiutato i loro concittadini perseguitati a reintegrarsi nella normale vita di tutti i giorni.

SHB

Nel complesso, questo libro offre una rivalutazione esemplare di una sezione tragica della storia contemporanea. Questo è uno studio di storia locale. Tuttavia, offre una visione più profonda degli eventi di quel tempo rispetto alla maggior parte delle spiegazioni storiche generali. Questo libro è interessante da leggere e commuove il lettore internamente.

Il Südtiroler Heimatbund accoglie favorevolmente questa nuova pubblicazione e spera che venga ampiamente diffusa. Ringraziamo sinceramente gli autori e il Comitato per l’educazione di Kurtatsch.

SHB

I libri possono essere ordinati via e-mail a:

ba.kurtatsch@konmail.net

Il cliente riceve quindi un numero di conto che può essere utilizzato per pagare donazioni volontarie.

(Per donazioni “domestiche” (Italia) circa 15 EURO e per donazioni estere circa 20 EURO sembra ragionevole.)

SHB/Armin G Schnell

Da: ka

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.