La bandiera di Valjevo sventola sul Piz Boa

02/08/2022, 09:53

La bandiera di Valjevo sventola sul Piz Boa

I membri della SPU “Visokogorci” Valjevo, nell’ultima decade di luglio, hanno visitato il massiccio dolomitico del nord Italia e scalato una delle cime più belle e più alte del Gruppo del Sela – il Piz Boe, 3.152 m/slm. Tra i tanti alpinisti provenienti da Spagna, Portogallo, Francia, Germania, Cina, la bandiera di Valjevo sventola sul Piz Boa.

– La strada per una delle vette più belle delle Dolomiti ci ha portato attraverso le bellissime regioni del nord Italia, attraverso molte attrazioni turistiche, dove abbiamo scelto il centro olimpico più famoso d’Italia, Cortina Dampezzo. Abbiamo continuato l’azione anche in Italia, un po’ più vicino alla Slovenia, nel centro invernale di Selo Nevea, dove abbiamo scalato tre cime delle Alpi Giulie Occidentali – il massiccio della Kanina: Monte Sart 2.324 m/dpl, Monte Sart Basso 2.319 m/ dpl e la cima del Grubia 2.240 mslm. Viviamo e dormiamo a velocità superiori ai 2000 m/slm, spesso circondati da camosci alpini – afferma Vladimir Nikolić, presidente della SPU “Visokogorci” e aggiunge:

Visokogorci in cima al Monte Sart (Foto: Visokogorci)

– La strada ci porta anche a splendidi laghi glaciali o glaciali come il Lago di Predil intorno al confine italo-sloveno. Negli ultimi giorni di luglio abbiamo lasciato la nostra azione a Visokogorje per la Slovenia e le Alpi Giulie. Viene scalata la vetta più alta della Slovenia e delle Alpi Giulie e dell’ex SFR jugoslavo, il Triglav, a 2.864 m sul livello del mare. Siamo partiti dalla valle di Vrata, dall'”Alaževo dom”, uno dei sentieri più belli e difficili, il restaurato “sentiero di Bamberg”. Il sentiero è molto pericoloso ed è pensato sia per gli arrampicatori esperti che per quelli che non hanno paura delle altezze. Il tempo di salita è di circa sette ore, il tempo di discesa sullo stesso sentiero è di circa cinque ore, l’altezza del punto di partenza è 1.015. m/dpl, una pista a senso unico di circa 11 chilometri, un dislivello di circa 1849 m/dpl. I gradi più difficili per le ferrate B/C e C/D. A proposito, l’Associazione alpinistica slovena ha dichiarato questo sentiero il sentiero escursionistico più bello e più difficile della Slovenia – afferma Nikoli.

Visokogorci nel Triglav

Visokogorci nel Triglav (Foto: Visokogorci)

Ha aggiunto che la strada per “Visogorce” da Valje attraverso lo splendido scenario del Parco Nazionale del Triglav, dove hanno visitato la cascata più famosa della Slovenia – Peričnik, che consiste in due cascate: quella superiore, alta circa 16 metri, e quella inferiore , alto circa 52 metri.

– Abbiamo visitato, al passo Vršić, il complesso commemorativo della Cappella Russa. La strada ci ha portato attraverso la bellissima Valle del Trenta, il famoso e bellissimo fiume Isonzo. Concludiamo il nostro soggiorno nella valle dell’Isonzo con una visita al centro invernale sloveno di Bovec – afferma il presidente della SPU “Visokogorci” Valjevo.

Alla fine hanno visitato il centro invernale di Kranjska Gora in Slovenia, nonché il famoso centro invernale e salto con gli sci “Planica”. L’azione è stata realizzata con l’aiuto della città di Valjevo e “Visokogorci” desidera ringraziarvi per il vostro aiuto e sostegno.

Cima del Piz Boe

Vrh Piz Boe (Foto: Visokogorci)

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.