La caduta del Movimento 5 Stelle: la stella populista italiana guarda nel baratro

Nella prima metà dell’Europa si rideva dell’emergere in Italia dei partiti guidati dai comici. Quando il progetto UE scettico di Beppe Grillo è diventato la forza più forte del Paese, la gente è rimasta scioccata. Ma non appena è apparso quel movimento a 5 stelle, ora sembrava che stesse scomparendo di nuovo.

In quale altro modo puoi chiamarlo se non la caduta di una mossa a 5 stelle? Nelle elezioni parlamentari del 2019, M5S – abbreviazione di partito – è diventato il partito più forte in Italia con quasi il 33%. Solo due anni dopo, nel fine settimana, nessuno dei 23 sindaci in corsa per la rielezione era arrivato al secondo turno elettorale. A Milano la festa è crollata al 3 per cento e addirittura ha festeggiato il 19 per cento a Roma come un successo. Disastro? catastrofe? Fallout è ancora la descrizione più amichevole.

Il Movimento 5 Stelle è stato, di cui possiamo tranquillamente parlare nell’umile passato, il più grande bluff politico della recente storia italiana. Diamo un’occhiata alle loro origini per capire perché un elettore su tre è caduto vittima della truffa del M5S – che è stata ben fatta – due anni fa. Il “movimento”, che rifiutano di definirsi “il partito”, è il prodotto delle ambizioni politiche di un comico italiano, Beppe Grillo.

Grillo era così divertente. A metà degli anni ’80 gli fu vietato di apparire sulla televisione di stato RAI perché aveva osato raccontare la seguente barzelletta: “Bettino Craxi è in visita di stato in Cina. Il capo del governo cinese mostra con orgoglio i milioni di cinesi che acclamano Tiananmen Square a Pechino e in Cina dice: “Compagno Craxi, tutti in Cina sono socialisti”. Craxi si voltò inorridito e chiese: “Ma a chi hai rubato?”

Grillo incanala la sua frustrazione

Dopo la fine del socialismo come partito nei primi anni ’90, quando la corruzione fu smascherata nei processi “Mani Pulite”, il magnate dei media di Milano Silvio Berlusconi divenne la forza dominante nella politica italiana. Di conseguenza, l’attivismo politico di Grillo è stato diretto a Berlusconi quando l’imprenditore politico è tornato a capo del governo italiano nel 2001. A partire dal 2006, Grillo ha usato il suo blog per chiedere la formazione di “meeting”, incontri di base basati sul modello americano. I primi 40 incontri degli autoproclamati “Amici di Beppe Grillo” erano ancora tutti auto-organizzati. I partecipanti si impegnano a livello locale, combattendo sul posto contro le fabbriche di incenerimento e i politici corrotti.

Grillo è entrato nella grande scena politica l’8 settembre 2007 in occasione di un evento di massa a Bologna, il “V-Day”. Dove la “V” sta per “Vaffanculo”, la comune versione italiana di Götz-von-Berlichingen dice “Leccami”. Con sorpresa di tutti, centinaia di migliaia di persone sono venute a Bologna. Grillo è riuscito a incanalare le frustrazioni di molti italiani sui partiti, sulla corruzione dilagante, sulle irregolarità legali della maggioranza del governo Berlusconi e sulla rabbia per la debole opposizione dei socialdemocratici nel grande giorno del “Vaffanculo”.

Esperimento Internet

Poco dopo, Grillo iniziò a candidare il proprio candidato alle elezioni amministrative. All’inizio la popolarità era sotto controllo: il 3 per cento a Bologna era già considerato un successo. Il movimento di base, che decideva “tutto localmente” e democraticamente sul posto, è diventato rapidamente un movimento rigorosamente dall’alto verso il basso e su misura solo per il blog di Grillo. Gli incontri tra “incontri” sono vietati immediatamente, tutta la comunicazione può essere fatta solo attraverso il blog del comico. Gli attivisti M5S devono registrarsi lì fornendo tutti i loro dati personali. C’è uno stretto controllo su chi entra. Dal 2009 il consulente di direzione Gianroberto Casaleggio di Milano curerà la pagina del blog di Grillo.

Il giornalista torinese Iacobo Iacoponi ha definito il “sistema” Casaleggio/Grillo come “un grande esperimento sociale nell’era di Internet”. Una piccola azienda chiamata “Webegg”, fondata da Casaleggio, sta sperimentando tecniche per influenzare le persone attraverso Internet. Casaleggio teorizza che una persona possa influenzare l’opinione pubblica attraverso post, “storie”, “voci”, autopromozioni, petizioni, tutto solo su Internet. Il blog di Beppe Grillo è molto ben fatto. Ha argomenti a dir poco stimolanti: il governo Berlusconi è caduto nel 2011, una nuova “grande coalizione” ha salvato l’Italia dalla bancarotta, ma grazie all’alleanza del Partito Democratico (PD) con Berlusconi, il PD ha avuto la “verginità” come “vera” “L’opposizione ha perso.

Fai finta di partecipare

Voci di protesta contro tutto e tutti – compresi giuramenti e complottisti di ogni tipo – si offrono sulla piattaforma con il blog Grillo. Funziona tutto per il massiccio movimento di protesta di Grillo, che è stato registrato come soggetto politico dal 2013. Esteriormente, si tratta di “partecipazione”, democrazia dal basso, democrazia di Internet. Ogni cittadino deve poter votare, il programma e ogni decisione del movimento M5S saranno votate su Internet. Questa sembra davvero una democrazia di base, la democrazia su Internet. In questa faccenda la dirigenza del M5S è solo nelle mani di Grillo, gli iscritti a pieno titolo sono solo tre, come prevede l’attuale statuto 2013, tenuto segreto: Grillo, il nipote Enrico Grillo e il suo fisco consigliere Enrico Nadasi. Ma per i fan questo è un piccolo dettaglio. Credevano nelle buone intenzioni di Grillo.

Chiunque si registri come membro sulla pagina del blog può votare. Ci sono attualmente 110.000 membri del blog registrati. Ma furono Grillo e il suo amico Gianroberto Casaleggio a stabilire la linea politica. Dopo la sua morte, il figlio di Davide comandò Casaleggio. Le proteste contro la leadership antidemocratica del blog hanno lasciato i dipendenti di Casaleggio – e rimangono anonimi: firmato “Staff” (inglese per “impiegati”). Non c’è un controllo indipendente sul suono, come ha sempre promesso Grillo. La società di Casaleggio si controllava, tutto questo si sapeva già nel 2019, prima dell’ultima grande vittoria dei 5 stelle, quando alle elezioni parlamentari raggiunsero quasi il 33 per cento dei voti. Gli italiani sembrano non curarsi delle contraddizioni.

Nominato alla responsabilità

Il declino del partito di movimento noto come “Grillini” in Italia è iniziato quando hanno mostrato il loro colore politico quando si trattava di governare. Il partito aveva fornito il suo primo sindaco all’inizio del 2013, ma a parte Parma, questi erano solo piccoli comuni. Quando Roma, Torino e Livorno sono cadute nelle mani del sindaco del M5S nel 2016, sembrava essere arrivata una nuova era. Ma nessuno dei sindaci M5S ha superato il test. O si sono dimessi subito dal movimento Grillo, come il sindaco di Parma, o hanno fallito perché non hanno mantenuto la loro grande promessa. A Roma è una montagna di spazzatura che da più di cinque anni si accumula davanti alle case romane, a Torino è una questione di sicurezza. Ovunque i “grillini” sono caratterizzati da una vergognosa incapacità di regolamentare anche il minimo numero di vere amministrazioni.

Nel frattempo, la linea politica è un unico zigzag. Come il suo rivale populista di destra, Matteo Salvini, Grillo si è opposto ai migranti che arrivano in Italia attraverso il Mediterraneo: “Se dovessi migrare, otterremmo risultati elettorali come i codici telefonici”, ha detto nel 2013. Al Parlamento europeo, l’istruzione A l’epoca in cui formò il gruppo con l’UKIP nemico di Nigel Farage dell’Unione Europea, poiché Grillo è anche scettico nei confronti dell’Unione Europea e dell’euro. Hanno anche provato a far passare un referendum contro l’euro, ma la raccolta delle firme è fallita.

“Grillini” lo fanno con tutti?

Ma l’inizio della fine è stato il governo, la partecipazione del movimento Grillo al governo “Conte 1”, “Conte 2” e ora il sostegno del governo Mario Draghi. Tutto è iniziato con “Conte 1”, quando 5 stelle hanno elevato a capo del governo il giurista Giuseppe Conte, fino ad allora in gran parte sconosciuto, con le voci populiste di destra della Lega Matteo Salvini e i “Fratelli d’Italia” post-fascisti sotto Giorgia Meloni. , che abbondava in Mussolini e aveva sostenitori di Hitler nelle proprie file. Ma quando Salvini ha vinto le elezioni europee con un enorme margine, ha concluso la sua alleanza con Grillini in una frenesia di splendore. Alla luce dei sondaggi in calo, formarono una coalizione di centro-sinistra con i Democratici, che fino ad allora erano nemici mortali.

Infine, nel febbraio di quest’anno, 5 stelle hanno preso parte alla coalizione totalitaria guidata da Draghi, nella quale anche l’avversario di tutti i tempi di Grillo, Silvio Berlusconi, era rappresentato con il suo partito “Forza Italia”. Rimaneva solo il Meloni postfascista. Nel frattempo, più di 100 parlamentari hanno salutato il partito. Il M5S è ai ferri corti su qualsiasi argomento, oppositori anti-vaccinazione e teorici della cospirazione spesso danno il tono. A metà del 2021, i parlamentari del M5S si separarono dalla società di Casaleggio; rilevare il proprio blog, ma il caos dei contenuti rimane.

Alla fine vince la “noia”

L’idea del Movimento 5 Stelle “Siamo contro tutto e tutti, facciamo tutto”, che all’inizio ha avuto tanto successo, prima è fallita nelle pianure della politica locale, dove gli autobus devono correre in orario, la spazzatura è da raccogliere e le strade non devono essere buche nell’asfalto. Il sindaco M5S non ottiene nulla di tutto questo. Quindi le valutazioni di approvazione stanno crollando a livello di base. Questo è stato seguito da un completo caos politico a livello nazionale. In due anni e mezzo hai deciso tutto e il contrario di tutto con tutti.

Rimane l’immagine del politico che è stato scelto come candidato attraverso il casting internet di Grillo, ma che ora, dopo cinque anni di pratica, si è rivelato del tutto inadatto alle cariche pubbliche. Quello che è iniziato come un esperimento di “influencer” nazionale è miseramente fallito. La stella populista, Anti-Euro-Anti-Vaccination-Anti-Everything, è caduta alle elezioni locali del primo fine settimana di ottobre, il movimento 5 stelle è tornato a una cifra. Il contendente più importante del piano populista, Matteo Salvini e la sua Lega, è proprio sopra questo. Quelli che vincono sono persone di mezza età “noiose”, “scomode” che spesso non hanno nemmeno un account Twitter. La turbolenza cronica nella politica italiana rischia di essere un po’ più leggera per il prossimo futuro.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.