La dura storia di un colombiano che ha sposato un italiano e ha vissuto maltrattamenti e abusi in Europa

Italia. EFE / EPA / CESARE ABBATE / Archivio

Il mese scorso è venuto alla luce il caso di una donna colombiana che ha sposato un tedesco e che ha subito più aggressioni fisiche, psicologiche e verbali. Il caso, reso popolare dal social network, fornisce un monito alle donne che desiderano viaggiare all’estero e possono essere sfruttate dalle reti di tratta di esseri umani.

Secondo El Tiempo, questo tipo di violenza, che di solito inizia con i matrimoni tra schiavi, è stato condannato da diverse donne nel Paese. Anche alla fine dello scorso luglio, l’ufficio del difensore civico colombiano ha avvertito della crescita dei casi di tratta di esseri umani nel 2021, perché finora quest’anno ha fornito assistenza legale a 99 vittime, rispetto alle 88 del 2020.

Ora l’agenzia Efe ha rilasciato il caso di una cittadina colombiana di nome Sonia, che nel 2013 ha vissuto una situazione di abuso da parte del marito italiano, dopo essersi trasferita nel Paese europeo. La storia della donna inizia con un contatto al lavoro che le chiede di collaborare con talenti stranieri.

Sonia lavora come rappresentante musicale e un’amica produttrice di un altro paese suggerisce che, così come negozia con il talento colombiano, dovrebbe fare lo stesso con gli europei. “Gli ho detto di darmi un curriculum per vedere cosa potevamo fare” ed è così che ha contattato Max, il potenziale colpevole..

Dopo aver visionato il curriculum, i rappresentanti hanno contattato Max e altri musicisti italiani per organizzare un evento. Tutto ha funzionato, ma nel processo il soggetto ha finito per sedurlo e chiedergli di uscire. All’inizio Sonia non era così sicura perché aveva tre figli ed era divorziata ed era un po’ spaventata dall’amore, ma ad un certo punto e dopo aver parlato con alcune persone ha deciso che era ora di darsi una nuova possibilità.

I primi mesi è andato tutto bene e Sonia e Max hanno avuto un ottimo rapporto. Tutto era così positivo che si sono fidanzati e il 27 dicembre 2012 si sono sposati in Colombia. Poi lo straniero partì per sistemare i suoi affari personali mentre Sonia sistemava tutto in Colombia per poter restare in Italia.

A sei mesi, il colombiano ha viaggiato: “Sono arrivato in Spagna a marzo 2013. Mi ha pagato il biglietto e da lì a Roma l’ho pagato io. Normale”. Il giorno in cui fa un passo sul suolo italiano, inizia il dramma. “Era inverno, faceva molto freddo, non avevo un telefono e ci ha messo più di un’ora per venirmi a prendere. Ho chiesto al telefono dell’assistente di volo numero e quando ho chiesto perché non è venuta, ha detto: “Cosa ne pensi? Sono al lavoro”. È arrivato molto tardi e credo che mi abbia accolto”, ha detto la donna.

Ma le cose sono peggiorate, perché quando è arrivato nell’appartamento che era al sesto piano, si è accorto che era sporco e c’erano vestiti, assorbenti e altro.

“Era disgustoso e la prima cosa che voleva era fare sesso con me. Ho rifiutato, ero di cattivo umore e stanco. Mi fa male lo stomaco.” L’italiano si è scusato, ma aveva seminato in lui i semi della sfiducia, inoltre, quando ha fatto la denuncia e gli ha chiesto di ripulire, la risposta del soggetto è stata “tu sei per questo”.

Ma i litigi e le liti non sono finiti qui, perché un giorno stava parlando al telefono e l’uomo arrabbiato lo lasciò andare e lo lasciò senza alcun contatto. “Mi ha lasciato senza chiamate, senza internet.” Tutte le promesse di lavoro nel paese sono state infrante, infatti, ha scoperto che Max stava parlando con i suoi contatti professionali in Colombia e chiedendo informazioni sulle trattative e sui suoi guadagni. “Quando mi sono lamentato con lui mi ha detto che tutto ciò che possedevo era in concorrenza con lui”.

Di giorno in giorno le cose peggiorarono, al punto che secondo le parole di Sonia, Max la molestava in modo molto perverso.

“Sono stata violentata. Mi ha detto che le colombiane devono essere donne sexy, tutto era molto avvilente. Usava siringhe, bottiglie di soda, era una pervertita. Avevo attrezzature ginecologiche, mi ha detto che dovevo essere elastica “La donna ha raccontato molto tristemente e ha aggiunto che quando si è rifiutata di continuare a tollerare tutti gli abusi, l’uomo ha iniziato a trattarla con parolacce.

Stanco della situazione e dopo aver chiesto al soggetto di dargli la chiave, visto che l’ha addirittura chiusa a chiave, si rivolge al consolato colombiano per chiedere aiuto, ma uno dei funzionari locali giustifica il comportamento dell’aggressore, sostenendo che dovrebbe dargli tempo. . La giustizia gli ha persino voltato le spalle perché “Il giudice qui ha detto che le donne colombiane sono prostitute e ladre. Hanno anche detto che la mia intenzione era solo quella di ottenere soldi da mio marito”.

Non ricevendo alcun aiuto e senza un soldo, la colombiana torna nell’appartamento e continua a pensare a come fuggire, finché un giorno Sonia sta scrivendo sul suo computer di casa. “Mi ha detto cosa stava facendo e io gli ho detto che stavo lavorando al mio curriculum. Diventò isterico”. Pochi minuti dopo, sentì solo dolore per il pugno in faccia. “Mi ha colpito con una caffettiera. Soffrivo molto, ma pensavo solo a scappare”.

Nonostante si fosse difeso, il soggetto, approfittando del fatto che era più grosso, lo colpì in vari modi fino a fargli perdere i sensi, ma proprio quando Sonia pensava che tutto sarebbe finito lì, vide il vetro sul pavimento e la minacciò fino a quando non ha potuto raggiungere l’ingresso e scappare. Quando ha lasciato l’appartamento, un colombiano lo ha aiutato e lo ha portato in ospedale. Lì lo hanno aiutato, hanno chiamato la polizia e hanno attivato un percorso di protezione.

Alla fine, scopre che il soggetto che ha sposato voleva solo che lei entrasse nel circolo del traffico di esseri umani. Al giorno d’oggi, Ha continuato la sua causa contro Max in Italia, ma senza successo e non è stato in grado di riprendere i suoi contatti per lavorare in Colombia, poiché il soggetto gli ha chiuso tutte le porte, compresa la sua famiglia, con la quale non è attualmente imparentato. parlare.

CONTINUA A LEGGERE

Il CNE formerà gli influencer nel paese in modo che conoscano le norme elettorali
L’omicidio di lvaro Gómez: la confessione che ha messo nei guai Carlos Antonio Lozada al JEP

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.