La Germania fa causa all’Italia per la richiesta di risarcimento della seconda guerra mondiale

La Germania ha citato in giudizio l’Italia davanti alla Corte internazionale di giustizia, sostenendo che, nonostante le precedenti decisioni dei tribunali, i tribunali italiani continuano a considerare le richieste individuali di risarcimento per i crimini commessi dalla Germania nazista durante la seconda guerra mondiale.

Berlino ha anche chiesto di impedire la vendita forzata di proprietà tedesche in Italia per dirimere le cause fino alla fine della controversia, hanno riferito i media mondiali, hanno riferito Radio Free Europe (RFE).

La Corte internazionale di giustizia ha annunciato che la Germania ha intentato una causa contro l’Italia il 29 aprile davanti al tribunale perché l’Italia sta ancora chiedendo un risarcimento per i crimini della seconda guerra mondiale, che non hanno rispettato “l’immunità di giurisdizione” della Germania, secondo Agence France-Press.

La Corte Suprema delle Nazioni Unite ha stabilito nel 2012 che l’Italia non aveva adempiuto ai propri obblighi consentendo alle vittime dei crimini nazisti tra il 1943 e il 1945 di presentare richieste di risarcimento contro la Germania.

Nonostante la sentenza, enunciata nella causa di Berlino, i tribunali italiani hanno “considerato un gran numero di nuove cause dal 2012 … che violano l’immunità sovrana della Germania”.

Secondo l’AFP, la causa tedesca sottolinea in modo specifico la sentenza della Corte costituzionale italiana del 2014, che consente “di avviare azioni legali individuali contro le vittime di crimini di guerra e crimini contro l’umanità contro uno Stato sovrano”.

La Germania ha affermato che la sentenza è stata “accettata in consapevole violazione del diritto internazionale e dell’obbligo dell’Italia di conformarsi alle decisioni dei principali organi giudiziari delle Nazioni Unite”.

Secondo la Corte internazionale di giustizia, la Germania sostiene che almeno 25 nuove cause sono state intentate contro Berlino davanti ai tribunali italiani, e in almeno 15 hanno “considerato e deciso cause contro la Germania riguardo alla condotta del Reich tedesco durante la seconda guerra mondiale. “

La Corte Internazionale di Giustizia, con sede a L’Aia, è stata istituita nel 1946 per risolvere le controversie tra le nazioni. L’AFP ha sottolineato che mentre la sentenza è vincolante e non può essere impugnata, la Corte internazionale di giustizia non ha modo di confermarla.

La controversia si è svolta nel 2008, quando la più alta corte italiana ha stabilito che la Germania doveva pagare circa un milione di euro ai parenti di nove persone che erano tra le 203 persone che uccisero le truppe tedesche in Toscana nel 1944, afferma la BBC.

La Germania afferma di aver pagato miliardi di euro ai paesi colpiti dalla seconda guerra mondiale dalla fine del conflitto del 1945.

Il deposito dinanzi alla Corte internazionale di giustizia citava parte di una sentenza del 2012, in cui si affermava che l’Italia, ammettendo azioni legali nei suoi tribunali, “ha violato i suoi obblighi di rispettare le immunità di cui la Repubblica federale di Germania gode ai sensi del diritto internazionale”.

Non è stata ancora fissata la data del processo e potrebbero volerci anni prima che la Corte internazionale di giustizia prenda una decisione, ma, secondo il servizio pubblico britannico, la Germania chiede alla corte di agire per impedire all’Italia di vendere all’asta proprietà tedesche mentre il caso viene considerato.

Nella sua causa, Berlino ha affermato che in molti casi iniziati in Italia dopo il 2012, i tribunali hanno condannato la Germania a pagare un risarcimento, secondo Reuters.

Per dirimere le pretese in entrambi i casi, i tribunali italiani hanno cercato di confiscare proprietà a Roma di proprietà dello Stato tedesco.

La Germania ha dichiarato di aver ora depositato una causa presso la Corte internazionale di giustizia, dopo che un tribunale in Italia ha annunciato che avrebbe deciso il 25 maggio se ordinare la vendita di edifici, alcuni dei quali sono utilizzati dalla cultura, dall’archeologia, dalla storia e cultura. istituzioni educative.

Berlino ha chiesto al tribunale di intraprendere le cosiddette azioni provvisorie per garantire che l’Italia non venda la proprietà in un’asta pubblica, considerando il caso più ampio sulle richieste di risarcimento. Non è stata fissata una data per l’azione cautelare, ma, secondo Reuters, è prevista nelle prossime settimane.

La Germania afferma di aver pagato un risarcimento per le ingiustizie della seconda guerra mondiale in ampi accordi di pace e riparazione con i paesi colpiti, pagando miliardi di euro dalla fine della guerra con la sconfitta del regime nazista nel 1945.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.