La Germania reagisce al piano della BCE a sostegno dell’Europa meridionale

La BCE sta cercando di ridurre lo spread sui rendimenti Nord-Sud utilizzando i rendimenti delle obbligazioni tedesche e di altre scadenze per acquistare più debito italiano, greco, spagnolo e portoghese.

Presidente della Bundesbank Gioacchino Nagel sfidando la promessa della Banca centrale europea di rinnovato sostegno al blocco meridionale indebitato durante la riunione di emergenza del mese scorso, ha rianimato spacco tra la BCE e il suo maggiore azionista, riferiscono Reuters fonti esperte in materia.

I politici della BCE si impegnano alla riunione di emergenza su 15 giugno acquistare più obbligazioni da paesi ad alto debito per limitare il divario crescente tra i loro costi finanziari rispetto alle loro controparti tedesche mentre la banca centrale si prepara ad aumentare i tassi di interesse.

Tuttavia, Nagel non sono d’accordo con la decisione, sostenendo che l’attenzione della BCE dovrebbe essere sulla lotta all’inflazione elevata, hanno affermato le tre fonti, che hanno chiesto di non essere nominate perché le deliberazioni del Consiglio direttivo sono personali.

I rappresentanti della BCE e della Bundesbank hanno rifiutato di commentare.

Le riunioni tenute in videoconferenza sono chiamate notifiche qualche orail che significa che i banchieri centrali hanno avuto poco tempo per rivedere i documenti preparatori e non tutti sono stati in grado di partecipare, hanno affermato le fonti.

I politici della BCE parlano dopo l’incontro, incluso il banchiere centrale belga Pierre Wunsch e gli olandesi Klaas Nodo, due “aquile” chiave, sostengono l’impegno del presidente della BCE nella lotta alla frammentazione. Ciò significa che l’opposizione di Nagel è impossibile da trasformare in una non può essere superato vincolo. Ma è stato il primo conflitto visto tra Nagel e Lagarde da quando Lagarde è entrato in carica a gennaio.

La Bundesbank è stata per anni il più grande critico delle politiche “denaro facile” della BCE, una storia che ha caratterizzato il rapporto di Nagel con i predecessori di Lagarde: Jens Weidmann e Mario Draghi.

Da allora Lagarde e Nagel hanno cercato di superare queste differenze, con il primo che ha dato maggiore voce al capo della banca centrale nazionale nelle riunioni politiche e il secondo che ha evitato di criticare pubblicamente la decisione. Tuttavia, Nagel ha accettato pressione in Germania, dove c’è la percezione che le politiche della BCE siano progettate per sostenere paesi indebitati come Italia e Grecia piuttosto che tenere sotto controllo l’inflazione.

La BCE sta cercando di ridurre lo spread sui rendimenti Nord-Sud utilizzando i rendimenti delle obbligazioni tedesche e di altre scadenze per acquistare più debito italiano, greco, spagnolo e portoghese. Anche lui sta lavorando su uno nuovo strumento acquistare più obbligazioni dell’Europa meridionale con denaro fresco.

È probabile che ciò porti la Germania a scendere al di sotto della sua quota di obbligazioni detenute dalla BCE. Inoltre, la Bundesbank registrerà una perdita se sarà costretta a vendere obbligazioni tedesche per proteggere gli acquisti di altri debiti sovrani, sebbene una tale vendita sia per ora improbabile.

Va notato che il nuovo strumento della BCE sarà probabilmente accompagnato da condizioni, come ad esempio il debito sovrano da sostenere deve essere sostenibile o deve esserci conformità fiscale con le raccomandazioni della Commissione europea.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.