La lite a Ostrava si è conclusa con la morte. Mi stavo solo difendendo, la ragazza ha pianto in tribunale

Tuttavia, l’Alta Corte non ha accettato le sue argomentazioni e ha confermato la condanna a otto anni. “Abbiamo respinto il suo ricorso come infondato. La conclusione del tribunale di primo grado è vera e corretta.


Fiori per ragazze… La gente di Ostrava onora la memoria delle vittime del folle tiratore

La sua difesa fu chiaramente confutata, dicendo che avrebbe agito in difesa se necessario, o che ci sarebbe stata una lesione dai suoi motivi che poteva essere scusata. Nessuna violenza domestica è stata rilevata dalla parte lesa”, ha affermato Stanislav Cik, portavoce dell’Alta Corte.

Gelosia

Secondo l’accusa, il movente dell’atto era la gelosia. Durante la navigazione nel cellulare di Tomáš, la ragazza scopre che sta comunicando con una donna straniera. Ha svegliato l’uomo che stava dormendo dopo aver bevuto più alcol e ha iniziato a incolparlo.

I pubblici ministeri hanno affermato che l’ha colpita con un pugno, poi l’ha tagliata e poi l’ha pugnalata con un coltello di quasi trenta centimetri. A quel tempo, un amico aveva in sé più di tre millesimi di alcol.

Mi tortura

La donna, d’altra parte, ha insistito sul fatto che stava semplicemente resistendo all’attacco. Tomáš avrebbe abusato di lei per molto tempo, beveva spesso alcolici ed era aggressivo nei confronti dei suoi ubriaconi.


La questione della violenza sessuale nella Repubblica Ceca è ancora associata a una serie di domande senza risposta

Sondaggio: le donne tacciono sulla violenza sessuale per paura e sfiducia nelle autorità

“Ha bevuto la prima lega”, ha detto Kateřina B. Anche in quel fatidico giorno di febbraio, l’alcol li stava attraversando. Tomáš poi è andato a letto, Kateřina ha preso il suo cellulare.

“Ho visto che c’era un messaggio sul suo telefono, quindi l’ho guardato. Una donna gli ha scritto. L’ho svegliato sul serio”, ha detto, aggiungendo che Tomas era sconvolto.

“Ha causato una lite. Mi ha preso a pugni sulla spalla, schiaffeggiato, preso a calci. Mi ha pestato lo stomaco, quasi soffocandomi”, ha aggiunto la donna che ha preso un coltello da un cassetto della cucina. “Sono preoccupata per la mia vita. Ho combattuto colpi di coltello veloci”, ha detto.


Laila femmina attualmente in un canile, 10 dicembre 2021 a Ostrava.

La piccola Laila ha attraversato l’inferno, l’abbaiare l’ha salvata dalla morte

Tuttavia, come affermato dall’Alta Corte, nessuna traccia di violenza è stata trovata sul corpo di Catherine B.. La donna è stata dichiarata colpevole di lesioni personali risultate mortali. Rischia da otto a sedici anni di carcere. Oltre alla condanna a otto anni, il tribunale gli ha chiesto di pagare a suo padre Tomáš 712 mila scudi ea sua madre e sua sorella centomila scudi. Il verdetto è definitivo e non ci può essere appello contro di esso.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.