La NASA rivela un’immagine che mostra resti stellari con i raggi X

Misurare la polarizzazione dei raggi X non è facile, perché è necessario raccogliere molta luce e la luce non polarizzata funge da rumore di fondo. Potrebbe volerci un po’ di tempo per rilevare un segnale di polarizzazione.

Il 9 dicembre 2021 la NASA in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana ha lanciato la prima missione dedicata alla misurazione della polarizzazione dei raggi X di resti di supernova o buchi neri supermassicci, e c’è già un’immagine di riferimento.

L’11 gennaio l’Osservatorio IXPE, che ha il compito di svolgere questo compito, ha iniziato a “osservare i suoi primi obiettivi scientifici ufficiali. Questa è Cassiopea A o Cas A, i resti di una stella massiccia esplosa in una supernova circa 350 anni fa, nella nostra stessa galassia, la Via Lattea”, come la descrivono Nasa.

primo risultato

Questa immagine è stata recentemente condivisa dalla NASA. La Cassiopea A è stata osservata con la tecnologia a raggi X:

NASA/CXC/SAO

Investigatore principale della missione presso il Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Martin Weisskopf, ha precisato che “l’inizio delle osservazioni scientifiche dell’IXPE ha segnato un nuovo capitolo per l’astronomia a raggi X” e ha aggiunto “una cosa è certa: possiamo aspettarci l’inaspettato”.

Nel pre-lancio dell’osservatorio, gli scienziati avevano affermato che il progetto sarebbe stato innovativo in termini di acquisizione dei dati a raggi X: “analizzeremo i risultati nei prossimi decenni”.

Come dettagliato dalla National Aeronautics and Space Administration, IXPE fornirà informazioni importanti “sulla struttura del Cas Un campo magnetico che non può essere osservato in altro modo”.

Studiando la polarizzazione dei raggi X, gli scienziati possono determinare la struttura dettagliata del campo magnetico e siti in cui queste particelle aumentano la loro velocità.

“Misurare la polarizzazione dei raggi X non è facile”, ha detto. Weisskopf. “Devi raccogliere molta luce, e la luce non polarizzata funge da rumore di fondo. Potrebbe volerci un po’ di tempo per rilevare il segnale polarizzato“.

A loro volta, sottolineano, le osservazioni di questi enormi resti stellari (CAS), da parte di IXPE, durerà circa tre settimane.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.