La nuova Presidente del Parlamento Europeo è Roberta Metzola

L’eurodeputata e antiabortista Roberta Metzola è stata eletta in sostituzione di David Sassoli alla presidenza del Parlamento europeo.

Metsola, membro del gruppo maltese del PPE di estrema destra, era tra i quattro candidati alla carica, insieme a Sira Rego dalla Spagna (sinistra radicale), Kosma Zlotowski dalla Polonia (ECR, euroscettici) e Alice Bah Kuhn dalla Svezia ( Svezia). ).

L’eurodeputato maltese, 43 anni, è stato eletto al primo scrutinio.

Metsola è deputato al parlamento dal 2013 e vicepresidente del parlamento dal 2020. Recentemente i parlamentari conservatori hanno acquisito visibilità assumendo le funzioni di Sassoli, assente dalla Camera per diverse settimane per malattia.

Nemico dell’aborto

Allo stesso tempo, come riportato da euronews.com è stato ampiamente criticato dai suoi coetanei per le sue opinioni contro l’aborto, che sono molto diffuse a Malta, l’ultimo paese dell’UE dove l’aborto è ancora completamente illegale.

Conscio delle obiezioni sollevate in merito, assicura che, se eletto, “sarà suo dovere rappresentare le posizioni del Parlamento”, compresi i diritti sessuali e riproduttivi.

Chi sostiene Metsola?

Tradizionalmente, le elezioni suppletive per il Parlamento europeo si sono quasi sempre alternate tra la sinistra e la destra.

Metsola, 43 anni, inizialmente avrebbe dovuto beneficiare di un accordo tra le tre principali forze politiche del PPE, S&D (Socialdemocratici) e Renew Europe (centristi e liberali): i gruppi avevano concordato nel 2019 di sostenere la candidatura del socialista Sassoli e poi il Candidato del PPE a candidarsi per la seconda metà della sua legislatura.

Tuttavia, come riportato da euronews.com, Alla luce dei recenti successi elettorali, in particolare in Germania, il gruppo S&D ha contestato il suo sostegno, con il leader del gruppo che ha spiegato di voler difendere un candidato “secondo le (sue) priorità e valori”.

I tre gruppi hanno finalmente raggiunto un nuovo accordo lunedì, sulla base di una dichiarazione politica che delinea una serie di priorità, tra cui la lotta alla violenza contro le donne e l’uguaglianza di genere, la riforma della tassazione europea e l’attuazione delle direttive sul salario minimo.

L’accordo concede anche al gruppo S&D cinque seggi di vicepresidente in parlamento, oltre a una serie di seggi in commissione.

All’estrema destra, il gruppo Identità e Democrazia (ID), che comprende la RN francese e la Lega italiana, ha sostenuto il candidato euroscettico Kosma Zlotowski di Conservative and Reform Europe.

Cosa ha detto nel suo discorso

Intervenendo prima del voto, ha definito la perdita di David Sassoli il “campione d’Europa”.

“Il nostro Parlamento è il miglior esempio d’Europa”, ha affermato.

Ha osservato che “il Parlamento europeo dovrebbe avere un vero ruolo di leadership. Siamo un’istituzione unica al mondo. Dobbiamo rafforzarla. Non dobbiamo temere le riforme. La prossima parte della legislatura avrà una finestra di opportunità per rendere il nostro Parlamento più moderno, più efficiente.” e più efficiente. Dobbiamo sfruttare le opportunità per assicurarci di essere in grado di svolgere il nostro ruolo nella rappresentanza dei cittadini, nel controllo, nelle indagini, nella legge”.

Roberta Metzola ha sottolineato che “la lotta per la vera uguaglianza deve trascendere l’immagine. Deve permeare ciò che facciamo. Sarei orgogliosa di essere il Presidente a guidare questa lotta. Per onorare l’eredità di coloro che l’hanno preceduta”.

“Il presidente del DPR deve essere colui che può unire il popolo. “Dovrebbe essere in grado di aiutare i parlamentari a colmare il divario tra i cittadini europei e il processo decisionale”.

“Vi assicuriamo che questa Ue rappresenta le libertà che abbiamo combattuto così duramente per garantire ai nostri cittadini”, ha detto in un video pubblicato sui social media per promuovere la sua candidatura.

“Siamo qui per stabilire record per tutti in modo che i cittadini possano essere orgogliosi di far parte di un’Europa, in cui i cittadini possono sentirsi al sicuro ovunque provengano, indipendentemente da chi amano”, ha affermato.

“I dittatori non ci divideranno”

Lo scorso settembre, nelle sue dichiarazioni ad APE-MPE ed ERT ed in particolare nelle domande riguardanti la sua visita in Grecia e le discussioni avute con il Primo Ministro greco sulla protezione delle frontiere esterne, ma anche sulla sua strumentazione “Prima che colpisse l’epidemia di coronavirus, noi hanno visto la Turchia usare le persone, le persone più vulnerabili, nel tentativo di destabilizzare il confine”, ha affermato Roberta Metzola. “A volte dimentichiamo e parliamo del confine finlandese o lituano, ma non diciamo che sia il confine dell’UE”. Ha anche sottolineato che “dobbiamo assicurarci di avere le frontiere esterne più forti possibili ed è su questo che, come Parlamento europeo, ci concentriamo quando discutiamo di nuove iniziative legislative sull’immigrazione, quando vediamo che abbiamo vicini, come è il caso ora con la Lituania e la Polonia al confine con la Bielorussia, dove c’è un dittatore, un regime che vuole provare a dividerci Il nostro messaggio dall’UE è che i dittatori non ci divideranno e le nostre frontiere esterne non saranno usate per destabilizzareUnione Europea e i suoi Stati membri”.

Seguilo News247.gr su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.