La “ragazza dagli occhi verdi” vola in Italia

Una fotografia fa di Sharbat Gula un simbolo dei problemi del popolo afghano nel mondo occidentale negli anni ’80. Adesso l’Italia li ha portati a Roma.

Negli anni ’80 ha simboleggiato la sofferenza del popolo afgano: Sharbat Gula, una donna afgana conosciuta come “la ragazza dagli occhi verdi” nelle foto della stampa, è stata trasportata in Italia dopo l’ascesa al potere dei talebani. “Il cittadino afghano Sharbat Gula è arrivato a Roma”, ha detto giovedì il governo italiano. Roma “permise e organizzò” la sua partenza.

Sugar ha guadagnato la fama di “ragazza con gli occhi verdi” tre decenni fa attraverso un’immagine di copertina nella rivista “National Geographic”. L’ormai analfabeta madre di quattro figli ammette di essere arrivata in Pakistan come orfana dopo l’occupazione sovietica dell’Afghanistan.

Con questa foto Gula è diventata famosa: “Hai apprezzato la mia bellezza, ora apprezzi la mia vita” chiede un manifestante a una protesta nell’agosto 2021. (Fonte: NurPhoto/imago images)

La ragazza di dodici anni è stata fotografata lì a metà degli anni ’80 dal fotografo Steve McCurry in un campo profughi. L’immagine rappresenta la difficile situazione dei rifugiati afgani, che hanno ricevuto un’accoglienza amichevole in Pakistan. La donna afghana è stata rimandata in patria nel 2016 quando il Pakistan ha intensificato le pressioni sui rifugiati afghani affinché lasciassero il paese.

Insieme a Stati Uniti, Turchia, Regno Unito e Germania, l’Italia è stata la più coinvolta nelle missioni di evacuazione da Kabul dopo che i talebani radicali islamisti hanno preso il potere lì ad agosto. Circa 123.000 persone sono state trasportate dall’Afghanistan via aerea internazionale in poche settimane.

READ  la felicità della mamma? Traumatizzati e lasciati soli - Südtirol News

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.