La Russia lascia Chornobyl, ma i combattimenti continuano altrove in Ucraina

KIEV, Ucraina — Le truppe russe hanno restituito il controllo della centrale nucleare di Chornobyl all’Ucraina e hanno lasciato il sito fortemente contaminato all’inizio di venerdì, più di un mese dopo la presa in consegna, hanno affermato le autorità ucraine, mentre i combattimenti infuriano alla periferia di Kiev e su altri fronti . .

La compagnia elettrica statale ucraina Energoatom ha affermato che il ritiro da Chornobyl è avvenuto dopo che i soldati hanno ricevuto una “dose significativa” di radiazioni mentre scavavano una trincea nella foresta nella zona di esclusione intorno al centro che era stata chiusa. Ma non c’è stata alcuna conferma indipendente di questi fatti.

Il ritiro arriva tra le crescenti indicazioni che il Cremlino sta usando i colloqui di riduzione dell’escalation in Ucraina come copertura per riorganizzarsi, rifornire le sue truppe e ridistribuirle per un’offensiva rafforzata nell’est del paese.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che il ritiro della Russia dal nord e dal centro del paese è solo una tattica militare e le truppe stanno preparando una nuova forte offensiva nel sud-est.

“Conosciamo le loro intenzioni”, ha detto Zelensky nel suo discorso video serale alla nazione. Sappiamo che si allontanano dalle aree in cui li abbiamo colpiti per concentrarsi su altre aree davvero importanti che potrebbero essere difficili per noi. Ci sarà una battaglia avanti. »

Evacuazione Mariupol

Un convoglio di 45 autobus si è diretto a Mariupol in un altro tentativo di evacuare i residenti della città portuale assediata dopo che l’esercito russo ha accettato un cessate il fuoco limitato nell’area. Ma le truppe russe hanno bloccato gli autobus e solo 631 persone sono riuscite a lasciare la città, secondo il governo ucraino.

Dodici autobus ucraini sono stati in grado di consegnare 14 tonnellate di cibo e forniture mediche a Mariupol, ma gli aiuti sono stati sequestrati dalle forze russe, ha detto giovedì il vice primo ministro Iryna Vereshchuk.

La città fu teatro di alcune delle peggiori sofferenze della guerra. Decine di migliaia di persone sono riuscite a fuggire da Mariupol nelle ultime settimane attraverso corridoi umanitari, riducendo la sua popolazione dai 430.000 prima della guerra a circa 100.000 la scorsa settimana, ma altri soccorsi sono stati vanificati dai continui attacchi russi.

Trattative e bombardamenti

Un nuovo round di colloqui è previsto per venerdì, cinque settimane dopo l’inizio di una guerra che ha ucciso migliaia di persone e cacciato quattro milioni di ucraini dal Paese.

All’inizio di questa settimana, la Russia ha dichiarato che ridurrà drasticamente le operazioni militari nell’area intorno a Kiev e nella città settentrionale di Chernihiv per creare fiducia tra le due parti e facilitare i negoziati.

Ma, nella regione di Kiev, giovedì il governatore Oleksandr Palviuk ha dichiarato sui social media che le truppe russe hanno aperto il fuoco su Irpin e Makariv e c’erano combattimenti intorno a Hostomel. Pavliuk ha detto che c’è stato un contrattacco ucraino e un ritiro russo intorno alla periferia orientale di Brovary.

Anche Chernihiv è stato attaccato. Almeno una persona è rimasta uccisa e quattro sono rimaste ferite nel bombardamento russo di un convoglio di autobus umanitari inviato a Chernihiv per evacuare i residenti tagliati fuori da cibo, acqua e altre forniture, ha affermato il commissario ucraino per gli Affari esteri Lyudmyla Denisova.

L’Ucraina ha anche riferito di attacchi di artiglieria russa dentro e intorno alla città nord-orientale di Kharkiv.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che l’intelligence ha mostrato che la Russia non stava riducendo le sue operazioni militari in Ucraina, ma stava cercando di riorganizzarsi, rifornire le sue truppe e rafforzare la sua offensiva nel Donbass.

“La Russia ha ripetutamente mentito sulle sue intenzioni”, ha detto Stoltenberg. Allo stesso tempo, ha detto, restano pressioni su Kiev e su altre città e “possiamo aspettarci ulteriori azioni offensive per portare più sofferenza”.

Donbass al centro della conversazione

Il Donbas è un’area industriale prevalentemente di lingua russa dove i separatisti sostenuti da Mosca combattono le forze ucraine dal 2014. Controllano il Donbass, che comprende le regioni di Donetsk e Luhansk, inclusa Mariupol.

Il principale leader ribelle di Donetsk, Denis Pushilin, ha dato l’ordine di formare un governo municipale rivale per Mariupol, secondo l’agenzia di stampa statale russa, un segno dell’intenzione della Russia di controllare e amministrare la città.

Con la ripresa dei colloqui tra Ucraina e Russia via video, sembra improbabile che le due parti risolvano la controversia in tempi brevi.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che le condizioni non erano ancora “mature” per un cessate il fuoco e che non era pronto per un incontro con il presidente Zelensky fino a quando i negoziatori non avessero fatto più lavoro, ha detto il primo ministro italiano Mario Draghi dopo una conversazione telefonica con il leader russo.

In un altro sviluppo, i servizi di emergenza ucraini hanno affermato che il bilancio delle vittime è salito a 20 nell’attacco missilistico russo di martedì contro un edificio dell’amministrazione governativa nella città meridionale di Mykolaiv.

Sabotaggio e sfida

Mentre i funzionari occidentali cercavano indizi su quale potrebbe essere la prossima mossa della Russia, giovedì un alto funzionario dell’intelligence britannica ha riferito che i soldati russi disillusi in Ucraina si sono rifiutati di eseguire gli ordini, hanno sabotato la propria attrezzatura e abbattuto accidentalmente il proprio aereo.

In un discorso nella capitale australiana, Canberra, Jeremy Fleming ha detto che il presidente russo Vladimir Putin sembrava aver “giudicato male” l’invasione. Sebbene i consiglieri di Putin appaiano troppo timorosi per dire la verità, “questo livello di errore di valutazione dovrebbe essere chiaro al regime”, ha affermato Fleming, a capo dell’agenzia di spionaggio elettronico GCHQ.

Funzionari dell’intelligence statunitense hanno fornito valutazioni simili sul fatto che Putin fosse stato male informato da consiglieri che avevano troppa paura di dargli una valutazione onesta.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.