La star televisiva Ruth Maria Kubitschek (90) – perché questa è la mia ultima intervista – le persone

La star televisiva Ruth Maria Kubitschek, 90 anni, si è trasferita cinque settimane fa. Dal comune svizzero di Fruthwilen sul Lago di Costanza all’ex villaggio di pescatori di Ascona con le sue case dai colori vivaci e il clima mediterraneo sul Lago Maggiore, nella parte italiana della Svizzera.

“Amo l’italiano, sfortunatamente non so una parola di italiano, non ho davvero talento nella lingua”, ha detto Ruth Maria Kubitschek a BILD am SONNTAG. “Ogni cameriere qui parla tedesco. Altrimenti, la lingua dei segni funziona”.

Ci sono tre ore e mezza di macchina tra la vecchia casa, dove la popolare attrice è stata felice per 30 anni, e la nuova casa, che è più piccola ma più confortevole.

Sul Lago di Costanza abita in due appartamenti (complessivamente 280 mq) con ampio giardino (4000 mq), agente immobiliare cerca acquirente.

A gennaio trova un appartamento (120 mq) con loggia sul Lago Maggiore. Nel centro del centro storico del paese di Borgo, con strade tortuose, gallerie, gelaterie. Il lungolago è a cinque minuti di distanza. Il suo unico figlio, il musicista Alexander Friedrich (65), ha contribuito alla sua creazione. Un mix di tessuti luminosi, mobili antichi, autoritratti e statue di Buddha.

Dal tavolo del soggiorno, “Kubi” (come chiama il suo defunto partner, il produttore ZDF “Traumschiff” Wolfgang Rademann, 81 anni) guarda le palme e le buganvillee rosa, dalla loggia e dalla sala di meditazione vede abeti e ortensie fiorito di bello. “Non è bello?” Sorrise. “Posso vedere lo splendore di questa pianta, ma non devo più occuparmi del giardino da solo. Che sollievo.”

BILD am SONNTAG: Ti sei ritirato deliberatamente dagli occhi del pubblico e non rilascia più interviste.

Ruth Maria Kubitschek: “Sì. Per quasi sei anni. Questa conversazione con te è anche l’unica che avrò mai da quando ci conosciamo da così tanto tempo. Dopo che Wolfgang se n’è andato a gennaio 2016, avevo bisogno di questa serenità. Anche di questa solitudine. Mi sono ritirato in la grotta. Io, quasi non volevo vedere le persone. La sua morte mi ha portato via. Wolfgang è stato molto più presente e più grande nella mia vita di quanto vorrei ammettere nei nostri quarant’anni insieme. Poi, lo scorso autunno, ha attraversato il mio testa: va tutto bene ovviamente, ma senza alcun contatto con il mondo esterno… manca qualcosa.

Ad un certo punto tutto è pensato, tutto è risolto. Improvvisamente era brutto essere soli. La vita significa stare con le persone. Guido fino al mio posto preferito, una piccola chiesa sull’isola di Reichenau, per sedermi su un banco. Una voce interiore, forse era il mio angelo custode, mi disse: Vivere così è una rivelazione, non devi fare niente di speciale ma vivere. Ho pensato, se fosse così, allora non avrei dovuto fare nulla, tranne vivere. Ho deciso di declinare ogni responsabilità per la vendita della mia proprietà”.


1988: Ruth Maria Kubitschek nei panni della proprietaria del birrificio Margot Balbeck nella serie di successo

1988: Ruth Maria Kubitschek nei panni della proprietaria del birrificio Margot Balbeck nella serie di successo “The Legacy of the Guldenburgs”Foto: image Alliance / dpa

Lasciarsi andare è un’arte.

Kubitschek: “Mi manca la felicità di Wolfgang, il suo comportamento malizioso. È una costante nella mia vita. Non mi manca affatto il mio grande appartamento. È qui che ho trovato la forza per dire addio al mio ‘Giardino di Afrodite’. Lago di Costanza. Solo qui ad Ascona posso davvero piangere. Allora è fantastico. Mio figlio vive ancora a casa sul Lago di Costanza, così come la mia ragazza Heidi. Tiene tutto in buone condizioni fino a quando non c’è un nuovo proprietario. Volevo mettere in ordine le mie cose così mio figlio non avrebbe dovuto prendersi cura di loro dopo la mia morte. Molto si è accumulato nel tempo. Quando lascio la terra, voglio farlo spensierato, senza possedimenti”.


Dal 1976 fino alla sua morte nel 2016, Ruth Maria Kubitschek ha frequentato il produttore televisivo Wolfgang Rademann

Dal 1976 fino alla sua morte nel 2016, Ruth Maria Kubitschek ha frequentato il produttore televisivo Wolfgang RademannFoto: image Alliance / dpa

Perché Ascona?

Kubitschek: “Sono stato qui molte volte con Wolfgang. Sul lago di Lugano, all’Hotel ‘Villa Principe’ oa casa di Peter Alexander. Wolfgang amava molto il Ticino. Si sarebbe trasferito qui con me molto facilmente. Dopo la sua morte, devo essere stato qui cinque volte, in cerca di una casa di riposo. Ma non fa per me. A gennaio un amico mi ha invitato ad Ascona, abita a poche strade dal mio nuovo appartamento. Sono andato da lui con la decisione di cercare un appartamento. È una coincidenza che passo davanti a questa casa ogni giorno. Un cartello dice che un appartamento è in affitto. Ho chiamato, il giorno dopo sono andato con tre ragazze a vederlo e sono rimasto molto contento. Il trasferimento è stato effettuato il 2 aprile. Ora sono tornato nel bel mezzo della vita, a godermela”.

Sei in gran forma. Abbronzati, magri, di ottimo umore.

Kubitschek: “Il sole e il clima fresco mi fanno bene. Vado a fare passeggiate tutti i giorni. Uso uno stick da quando ho una nuova anca nel 2017. Mangio spaghetti e gelato quasi tutti i giorni. Tuttavia, da aprile ho perso tre chili. Sono diventato più leggero nel vero senso della parola. È una sensazione incredibile poter riprendere il controllo della mia vita”.

Che cosa hai fatto con tutte le tue cose?

Kubitschek: “Dato e gettato. Davanti alla casa sul lago di Costanza c’era un contenitore pieno fino all’orlo. In fondo c’era il mio diario, che un tempo consideravo la base della mia biografia. Mi dispiaceva di volerlo tirare fuori di nuovo. Ma era impossibile. di nuovo. Ho ricominciato a scrivere ora. Mio figlio e il suo partner vengono spesso a trovarmi nei fine settimana. Anche a loro piace molto la zona qui ora. “

Guidi ancora la tua Volvo bianca?

Kubitschek: “La prima volta che Alex è uscito dal mio parcheggio sotterraneo ed è entrato nel vicolo stretto davanti casa, ha detto che non dovevo provare. La macchina è troppo grande, porterò il muro con me. Ho giocato con l’idea di acquistare una delle Vespa a tre ruote che molte persone girano da queste parti. Sono ideali per il centro storico. O un’auto molto piccola”.


Star TV Ruth Maria Kubitschek (90): Perché questa è la mia ultima intervista?

Foto: BILD

Festeggi il tuo 91esimo compleanno il 2 agosto. Complimenti per il tuo coraggio!

Kubitschek: “Le prime notti in cui ho affittato un nuovo appartamento, stavo sveglio la notte pensando: Ruth, sei pazza. A 90 anni! Se ti fosse successo qualcosa! All’inizio Alex non era per niente entusiasta della mia decisione. Ma sapevo Non sarei morto in tempo. vicino. Un astrologo una volta mi ha profetizzato anni fa che sarei vissuto fino a 94 anni. Devi ancora sperimentare qualcosa. Attraverso la mia meditazione, che faccio da quaranta anni, sento di avere un potere diverso nella mia vita, in me rispetto a chiunque altro della mia età.”


Sempre una bella donna: Ruth Maria Kubitschek (allora 37enne) nel 1968 nello spogliatoio del Kammerspiele di Monaco

Sempre una bella donna: Ruth Maria Kubitschek (allora 37enne) nel 1968 nello spogliatoio del Kammerspiele di MonacoFoto: image Alliance / Georg Göbel

Chi c’è per te ad Ascona in caso di emergenza?

Kubitschek: “Fidanzata, la mia domestica. C’è anche un’associazione che si prende cura degli anziani. Ti arriva un pulsante di emergenza. Se lo premi, arriva subito un’infermiera. I dipendenti dell’associazione hanno le chiavi dell’appartamento. La mia vita è di nuovo piena di vita. in riva al lago con gli amici, la mia età, bevendo “Hugo”. Una giovane donna è venuta e ci ha parlato. Ha pensato che fossimo fantastici. Quando mi ha riconosciuto ha chiesto un selfie. Ho rifiutato. L’unica cosa che non ho fatto è stata scattare selfie. Gli ho scritto una dedica su un pezzo di carta. Ha detto che ora sono il suo modello perché a 90 anni ero molto felice e sembra avere ancora tutti i sensi. Non è mai troppo tardi, puoi sempre ricominciare da capo. . Fino all’ultimo momento, la vita significa sviluppo. E se dovessi andarmene un giorno, lascerei sicuramente questo mondo felice”.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.