La storica ondata di caldo paralizza l’Europa

Che gran parte della penisola iberica stia soffocando con un termometro sopra i 40 gradi può sembrare tipico di ogni estate. Anche le immagini degli incendi boschivi di oggi a Zamora o in Portogallo non sono poi così strane, né lo sono la tragica perdita di vite umane che può accompagnarli.

Invece, questo scenario si sposta in aree dell’Europa comunemente descritte come “fredde”, piovose o addirittura un rifugio per chi scappa dal caldo per una vacanza estiva. Che si tratti della Galizia o dei Paesi Baschi, nel caso della Spagna, o della Bretagna, nel caso della Francia, ma anche di Londra, della Germania occidentale, del Belgio e dei Paesi Bassi.

Il “canicule” francese ha messo in allerta 64 città, per lo più lungo la costa atlantica, in ciascuna di esse record nella storia, come ha avvertito martedì il servizio meteorologico francese. Tra questi, nella città di Nantes, con 40,3 gradi. In 73 dei 101 dipartimenti francesi si applica un secondo livello di allerta; su 15 coste atlantiche già ai massimi livelli.

A Londra è stato superato questo martedì, per la prima volta da quando questo record è stato salvato, il voto di 40 gradi. All’aeroporto di Heathrow, a ovest della capitale, è stata registrata una temperatura di 40,2 gradi intorno alle 13:00 ora locale, ha affermato il British Met Office. Il record precedente era di 38,7, registrato il 25 luglio 2019 a Cambridge. “I vigili del fuoco sono sottoposti a un’enorme pressione”, ha avvertito sul suo account Twitter il sindaco della capitale britannica, Sadiq Khan.

Questi record di temperatura sono “un vivido promemoria che il clima è cambiato e continuerà a cambiare”, ha affermato Stephen Belcher, capo della scienza e della tecnologia presso il Met Office. “Questo estremo diventerà sempre più estremo”ha avvertito, assicurandosi che l’unico modo per stabilizzare il riscaldamento fosse raggiungere rapidamente la neutralità del carbonio.

Incendio a Londra

Ci sono stati diversi incendi nella capitale, le case sono state minacciate e centinaia di vigili del fuoco si sono mobilitati, preparandosi ad agire di fronte a quello che è stato dichiarato un “incidente grave”. Una trentina di chilometri a est di Londra, Martedì pomeriggio un imponente incendio ha avvolto la città di Wenington.dove un centinaio di vigili del fuoco hanno cercato di controllare l’incendio, che aveva divorato una vasta area di vegetazione e diversi edifici e case.

La situazione è di emergenza, in un Paese e in una capitale che non sono abituati a queste condizioni climatiche. Intanto nei paesi dell’Europa meridionale il traffico ferroviario è stato interrotto in tempo solo nelle parti colpite da incendi boschivi, nel Regno Unito è stato interrotto in alcuni paesi. Martedì i treni non stavano circolando lungo la costa orientale della Gran Bretagna, mentre le autorità britanniche hanno chiesto ai residenti di cambiare i loro piani di viaggio.

Non si tratta di un provvedimento “leggero”, ha spiegato alla BBC una fonte della rete ferroviaria. Gli ingegneri dell’azienda dovrebbero rivedere la capacità di resilienza della sua infrastruttura ferroviaria a queste temperature. Un sacco di rotaie e rotaie deformate.

Non solo l’itinerario del treno è stato influenzato, ma anche voli sospesi o deviati a destinazione o all’arrivo all’aeroporto di Luton di Londra, a causa di danni alla pista a causa dello scioglimento dell’asfalto. Qualcosa che accade anche su molte strade.

Dalla Germania, la Deutsche Bahn – la compagnia ferroviaria – offre ai viaggiatori la possibilità di cambiare il biglietto senza costi aggiuntivi a fronte di previsioni che registrano livelli record anche nel grande Paese dell’Europa centrale. Le temperature massime sono previste da martedì fino almeno a questo giovedì. partendo da ovest e poi andando ad est.

Tra le zone più colpite dall’arrivo dell'”hitzwelle” (ondata di caldo, in tedesco) c’è il Nord Reno-Westfalia. Ovvero la ‘terra’ più popolosa dell’ovest che esattamente un anno fa ha sofferto, insieme alla vicina Renania-Palatinato, terribile alluvione che ha portato via città, ponti, autostrade e 185 vite umane. Poi, i disastri climatici si riflettono nella rabbia dei fiumi straripanti; ora, in stime superiori al massimo nazionale assoluto, a luglio 2019 sono stati registrati 41,2 gradi, nella città di Duisburg, in Renania.

Per situazioni di emergenza in queste aree teoricamente ‘fresche’ – seppur sempre più rare – del centro o nord Europa si uniscono gli incendi che si verificano nei paesi più vulnerabili agli incendi boschivi dal sud Europa. In Toscana, i cittadini di varie città sono stati evacuati, mentre in città come Firenze e Perugia le giornate erano soffocanti.

Olivo schiacciato a Creta

Migliaia di ulivi sono stati bruciati sull’isola di Creta, nel contesto di 1.850 ettari di foresta bruciata. La Grecia, paese che anno dopo anno soffre di incendi, è una sorta di oasi in questo contesto, con temperature che possono essere meglio descritte come miti per un’estate ellenica di -30 gradi. A fine settimana previsto aumento, anche se non drammatico, della temperatura della regione, Nel frattempo, gli aiuti dell’Europa settentrionale dovrebbero arrivare all’inizio della prossima settimana.

“Le ondate di calore stanno diventando più comuni a causa dei cambiamenti climatici”, ha affermato Petteri Taalas, segretario generale dell’Organizzazione meteorologica delle Nazioni Unite da Ginevra. Per questo organismo, c’è stato l’effetto del “doping” nell’atmosfera, iniettando più gas serra di quanti ne possa gestire. Anche se il cambiamento climatico si fermasse, le ondate di caldo estremo dureranno almeno fino al 2060, ha avvertito Taalas.

In concomitanza con l’arrivo dell'”hitzwelle” in Germania, il suo ministro degli Esteri, la verde Annalena Baerbock, mettere in guardia contro qualsiasi decisione che implichi l’annullamento di una guerra climatica, per la necessità di altre crisi come, ad esempio, la crisi energetica, innescata dalla guerra in Ucraina.

La lotta al cambiamento climatico “non può essere ritardata”, ha sottolineato, in un discorso davanti al cosiddetto Petersberg Dialogue, che accoglie rappresentanti di quaranta paesi e io considero i preparativi per la Conferenza sul clima -COP27- che si terrà in Egitto.

Lo stima un rapporto del ministro dell’Economia e del Clima, l’altrettanto green Robert Habeck la crisi climatica ha causato danni per 80.000 milioni di euro alla prima potenza europeacausati da inondazioni o calore estremo.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.