La toccante visita di Sakellaropoulou ai paesi di lingua greca della Bassa Italia

Il Ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio accoglie con il suo messaggio la proclamazione della Presidente della Repubblica Katerina Sakellaropoulou a cittadina onoraria del villaggio di lingua greca del Salento, nella Bassa Italia.

La lettera del ministro degli Esteri italiano, letta dal presidente dell’Associazione dei Comuni di lingua greca del Salento, Roberto Casalucci, sottolinea:

“Saluto cordialmente il Presidente, la Sig.ra Sakellaropoulou, che ci ha fatto sentire onorati di visitare l’Italia per la terza volta dalla sua elezione. Questa volta, dichiarata cittadina onoraria della Grecia Salentina. In questi giorni, prima di Pasqua, il canto con la passione di Gesù, in lingua greca, ha fatto eco nel Salento, che si tramanda di generazione in generazione fino ai giorni nostri.

È un’espressione della cultura di lingua greca, legata a una tradizione millenaria, con contatti e scambi iniziati con la Grande Grecia, e serve come testimonianza del passato ma anche come base del nostro futuro europeo.

Un’Europa che vede nella diversità, nel multilinguismo e nella ricchezza di ogni identità locale, i presupposti per la costruzione di un piano di integrazione, che non annulli la sua specificità ma la utilizzi, nello stesso contesto e con gli stessi punti di riferimento. .

Sono lieto di dire che le relazioni italo-greche e la nostra cooperazione in politica estera stanno attraversando una fase molto positiva. Qui in Salento, terra di due mari, vorrei ricordare l’accordo sulla demarcazione delle zone di mare, che ho firmato ad Atene, con il mio amico e collega Nikos Dendias, nel giugno 2020.

L’accordo è entrato in vigore lo scorso novembre, a seguito della ratifica dei nostri due parlamenti. Questo trattato è un modello per l’intero Mediterraneo e dimostra che possiamo e dobbiamo raggiungere una soluzione generalmente accettata per la delimitazione della sovranità marittima, nel pieno rispetto del diritto internazionale.

Sempre riferendosi al Mediterraneo, aggiungo che l’incontro convocato dal premier Mario Draghi il 18 marzo, con la partecipazione del premier greco Kyriakos Mitsotakis e dei primi ministri di Spagna e Portogallo, è un altro esempio del ruolo che può svolgere il nostro Paese. sui grandi temi europei.

Stiamo vivendo anni difficili: parlo della pandemia, della crisi che ha creato, ma anche dell’aggravarsi delle tensioni internazionali e dell’attacco della Russia all’Ucraina. Abbiamo bisogno di un’Europa più unita e forte, capace di soddisfare i bisogni dei suoi cittadini e di affrontare le sfide internazionali. Non solo sicurezza e salute, ma anche transizione energetica, lotta ai cambiamenti climatici, nuovo slancio per l’economia, migrazione digitale e gestione dell’immigrazione.

Italia e Grecia hanno saputo fare salti di qualità nel loro dialogo, partendo spesso da una posizione ravvicinata, sapendo che insieme possiamo fare la differenza, a Bruxelles. La risposta alla pandemia e l’opportunità Next Generation Eu, è un passo fondamentale per il processo di integrazione europea. Continuiamo a lavorare, forte della nostra tradizionale amicizia e della voglia di costruire insieme il nostro futuro. “Benvenuta in Grecia Salentina, benvenuta, signora Presidente.”

Presidente nei villaggi di lingua greca

La Presidente della Repubblica, Katerina Sakellaropoulou, è stata dichiarata cittadina onoraria della Grecia Salentina questa sera nell’ambito della sua visita al villaggio di lingua greca della Puglia nel Salento della Bassa Italia, su invito del Presidente dell’Associazione Greca -parla Comune di Grecia Salentina Roberto Casal in occasione del 20° anniversario della fondazione dell’Unione.

SM. Sakellaropoulou, ha espresso la sua gioia ed emozione per questo grande onore, e ha lodato l’impegno ventennale dell’Unione Comunale Gretsia Salentina per preservare le tradizioni, la storia ei dialetti locali.

“Quando vedo giovani musicisti che scrivono le loro canzoni in greco; quando sento i bambini parlare greco. Caro signor Casaluci, con il tuo lavoro dimostra che la Grecia non è solo una regione geografica, una regione naturale. Questa è una cosa mentale, uno stato spirituale . Esiste, vive, illumina, finché noi lo nutriamo e nutriamo. Come tutti voi lo alimentate e lo alimentate, mio ​​legame. Con orgoglio per la perseveranza, la perseveranza, l’amore con cui innaffiate le vostre radici greche, io ricevere il grande onore di essere uno di voi”. “Grazie con tutto il cuore”, ha detto la signora Sakellaropoulou.

Fa anche un particolare riferimento alle relazioni greco-italiane, sottolineando che sono due membri storici della nostra famiglia europea, legati da un’amicizia forte e di lunga data. Come ha affermato il Presidente, “è imperativo che in questo momento difficile che sta vivendo l’Europa, dopo l’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia, i nostri Paesi, impegnati in principi e valori democratici comuni e nel rispetto del diritto internazionale, rimangano garanti di stabilità e buon vicinato nella più ampia regione mediterranea, ponte di amicizia, pace e cultura, che unisce i popoli fin dall’antichità”.

Ecco una replica della Presidente della Repubblica Katerina Sakellaropoulou nel corso di una cerimonia speciale presso il Comune di Calimera, dove è stata dichiarata cittadina onoraria della Grecia Salentina:

“Difficile esprimere a parole le mie emozioni che sono qui oggi, in un luogo dove il nostro passato condiviso diventa un dono vivo, un dono di ricordi e un legame indistruttibile. Vedo i segni per le strade, l’ho sentito dalle bocche di i vecchi ma anche i giovani che lo impararono e li amarono, i Greci, questo linguaggio musicale che portava echi del lamento di Omero nelle terre della Bassa Italia, dove prosperava l’antica colonia greca della Magna Grecia; ho ancora nel mio ascolta le melodie che scaturiscono dalle meravigliose tradizioni musicali della regione, ninne nanne, necrologi, canzoni delle opere che abbiamo incontrato in Grecia dalle registrazioni della Peloponnesian Folklore Foundation e, naturalmente, la canzone “‘My man go”, la straziante canzone di esilio e addio .scritto dal raffinato poeta e musicista Franco Corliano Attraverso tutto questo, ma soprattutto attraverso le apparenze e i sorrisi delle persone, attraverso il loro raro ethos, il mix di umiltà e nobiltà, dignità e gentilezza, ho visto incarnate leggende accattivanti, ho visto la continuazione viva della presenza greca in Puglia.

La continuità linguistica, sottolineata dai ricchi e rari elementi lessicali, semantici, sintattici e fonetici superstiti di questo bel dialetto, che possiamo assaporare se ci riferiamo al monumentale Dizionario Storico del ricercatore linguistico Anastasios Karanastasis. Il seguito storico, che secondo la leggenda inizia con il nipote dei Cretesi e Minosse, “douriklyton”, famoso per la sua lancia, come lo chiama Omero, Idomeneo, che qui si rifugiò in esilio dal suo luogo dopo la guerra di Troia, e raggiunse negli anni post-bizantini. Dori, Achei, Calcidesi, Corinti costruirono colonie e crearono il miracolo della “Grande Grecia”. Nel corso dei secoli, gli antichi cleos greci incontrarono la maestà bizantina. E la Grecia rimase sovrana, nonostante i viaggi di invasori arabi, slavi e normanni, nonostante l’inevitabile influenza di Roma, anche se la regione fu completamente isolata dal mondo greco dalla metà del XV secolo alla metà del XIX secolo, quando la Grecia fu ridotto in schiavitù. .ai turchi. Infine, cultura continua, sottolineata dalla natura circostante, dalla natura dolce, mediterranea, familiare, con gli ulivi, i fichi d’India, i vigneti.

Ciò che però particolarmente commuove nel tuo bel posto, nonostante i fili indissolubili della storia, che emergono in parte attraverso i toponimi, i cognomi dei residenti, i loro soprannomi, è la tua tenacia, di tutte Gretsia Salentina, italiane. sulla carta e nel cuore greco, come lei stesso sottolinea, per preservare gli idiomi della sua lingua e la ricchezza della sua cultura. È vero che questo linguaggio melodico esprime l’etica e i valori del mondo perduto, il mondo dell’agricoltura e dei bisogni, che sono stati lentamente spazzati via dalla metà del XX secolo ai giorni nostri dai cambiamenti economici e sociali tettonici di l’era moderna. . I parlanti greci sono diminuiti con la morte della generazione più anziana. Ma come diceva il grande pensatore europeo George Steiner, quando una lingua muore, muore con essa il modo di capire e capire il mondo. E abbiamo bisogno di lui nel modo in cui comunicavano con la natura, nel modo in cui esprimevano le loro esperienze quotidiane, nel modo in cui gli antichi greci della Bassa Italia ricordavano il loro rapporto con la Grecia. Perché un passato cancellato è un futuro peggiore. La sopravvivenza poetica e di buon auspicio dei greci, o meglio il loro ringiovanimento, rafforza il senso di identità, di appartenenza, e allo stesso tempo rafforza il legame con la Grecia che avete sempre nel cuore, nostri cari fratelli e sorelle – lo vedo da quando venni qui per la prima volta – come sacra culla, culla della vita, anima, spirito.

Donna e uomo,

La Grecia e l’Italia sono due membri della nostra storia familiare europea, legati da un’amicizia forte e di lunga data. È imperativo che in questi tempi difficili che l’Europa sta vivendo, dopo l’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia, i nostri paesi, impegnati a condividere principi e valori democratici e nel rispetto del diritto internazionale, rimangano garanti di stabilità e relazioni di buon vicinato nel Mediterraneo che più ampie . territori, ponti di amicizia, di pace e di cultura, che hanno unito le persone fin dall’antichità.

Sono quindi felice e ottimista nel vedere lo sforzo ventennale dell’Unione Comunale della Grecia Salentina per preservare le tradizioni, la storia, i dialetti locali; quando vedo giovani musicisti che scrivono le loro canzoni in greco; quando sento i bambini parlare greco. Caro onorevole Casaluci, con il suo lavoro ha dimostrato che la Grecia non è solo un’area geografica, un territorio naturale. Questa è la cosa mentale, lo stato spirituale. Esiste, vive, illumina, fintanto che lo nutriamo e ci prendiamo cura di esso. Mentre lo nutrite e lo nutrite tutti, il mio collegamento. Orgoglioso della perseveranza, perseveranza, amore con cui innaffiate le vostre radici greche, ricevo il grande onore di essere uno di voi. Grazie con tutto il cuore”.

SM. Sakellaropoulou ha partecipato ad eventi culturali, ha visitato musei, visitato biblioteche, ha partecipato all’inaugurazione della colonna commemorativa per il 20° anniversario dell’Unione dei Comuni della Grecia Salentina e parlato con i residenti del comune di lingua greca.

Il Presidente della Repubblica ha inoltre visitato i Comuni di Castrignano dei Greci, Carpignano Salentino, Melpignano, Zollino, Martignano e Sternatia.

FONTE:



Aspetto:
63

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.