La “vecchia signora” crede nel potere di Vlahovi

.uventus difende stasera alle 21 (TV Arena 1 Premium) il trofeo di Coppa Italia contro l’Inter allo stadio “Olimpico” di Roma e aspetta il 15esimo trofeo della competizione. L’Inter non vinceva questo trofeo dal 2011 e crede di poterlo portare in classifica per la nona volta.

Nella finale della 21esima Juventus Cup, tutti gli occhi sono puntati Dusan Vlahovi. L’asso serbo è letteralmente in tutti i commenti, una domanda per molti interlocutori, perché la sua forma attuale non è all’altezza del soprannome del trasferimento invernale più costoso del mondo e del secondo marcatore di Serie A.

Allenatore di vecchia donna Massimiliano Allegri che per l’ennesima volta si è schierato a difesa degli aggressori.

Ci sono giocatori che non hanno segnato in otto partite. Al Genoa Dusan ha giocato bene dal punto di vista tecnico, sono sicuro che farà bene anche stasera e sono sicuro che sarà molto più rilassato. Più a lungo gioca per la Juventus, meglio diventa. Vedrà, dopotutto. Nessuna pressione è maggiore o minore di questa finale di Coppa Italiaha detto Allegri.

Per Cristiano Bob Vieri, l’attaccante della Juventus era lo stesso uomo che ha bruciato e bruciato alla Fiorentina fino a gennaio:

Meglio gioca la squadra, migliori sono gli attaccanti. Per me è ancora uno dei migliori in Italia”..

Tutti si aspettavano che Vlahovi fosse di nuovo un “assassino”, in modo più specifico rispetto a poco tempo fa. Allegri crede che la Juventus come squadra debba dimostrare di poter portare trofei.

La finale si gioca per vincere e portare il trofeo alla vetrina del club. Sarà una partita importante, dobbiamo essere calmi, fare tutto ciò che è in nostro potere per arrivare alla coppa. La finale di coppa non è una partita di campionato, è una partita da vincere e spero che questa squadra sappia come chiudere la partita con una vittoria”.credi Allegri.

In campionato Juventus e Inter si sono incrociate due volte, al “Giuseppe Meazza” è stato 1:1, e a Torino l’Inter ha vinto 1:0 ed eliminato i rivali nella corsa al titolo.

Non esiste una vera ricetta per la finale, secondo il tecnico dell’Inter Simone Inzagi:

Sono fortunato a giocare a giochi del genere come giocatore e allenatore e, credetemi, non esiste una vera ricetta per vincere trofei. Dobbiamo fare una partita impegnativa, con tanta corsa, concentrazione, determinazione, sapendo di avere davanti a noi un rivale di qualità. Credo che alcuni dettagli faranno la differenza”..

Juventus e Inter si sono finora affrontate due volte in finale di Coppa Italia, ed entrambe le volte ha vinto la “Vecchia Signora” di Torino. Nella stagione 1958/59. 4:1 (Charles, Cervato due, Sivori – Biciclette), mentre i club erano torinesi nella stagione 1964/65. vinto 1: 0 grazie al gol di Manicelli.

Possibile composizione

Juve: Perrin – Danilo, De Licht, Chiellini, Alex Sandro – Casaria, Rabio – Quadrado, Dibala, Bernardeski – Vlahovic.

Fra: Handanović – krinjar, De Fry, Bastoni – Dumfries, Barela, Brozovi, alhanoglu, Periši – Džeko, Lauterao Martinez.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.