Le borse europee iniziano il nuovo trimestre con calma tra i timori di recessione

Di Devik Jain

1 luglio (Reuters) – Le borse europee hanno chiuso venerdì in una posizione piatta mentre i guadagni dei titoli difensivi hanno compensato la vendita di semiconduttori e azioni legate alle materie prime, in vista del primo aumento dei tassi di interesse della Banca europea in più di un decennio.

* I dati di venerdì hanno mostrato che l’inflazione dell’eurozona era superiore alle attese e ha raggiunto un altro record a giugno. Ciò rafforza la necessità della BCE di aumentare i tassi di interesse poiché il picco dell’inflazione è ancora a pochi mesi di distanza.

* Le misure aggressive della banca centrale per ridurre l’inflazione hanno preoccupato gli investitori per il loro possibile impatto sulla crescita economica.

* L’indice paneuropeo STOXX 600 ha perso l’1,4% questa settimana e oltre il 16% per l’anno a causa delle preoccupazioni – dall’inflazione persistente al rallentamento dell’economia cinese e all’invasione russa dell’Ucraina – limitata propensione al rischio.

* “La porta è aperta affinché la (BCE) sia significativamente più aggressiva nel tentativo di frenare l’inflazione”, ha affermato Michael Brown di Caxton.

* Lo STOXX 600 ha ridotto la sua perdita di sessione fino all’1%, un giorno dopo aver segnato il suo peggior trimestre dal sell-off causato dalla pandemia all’inizio del 2020 e in linea con una sessione ribassista a Wall Street. La maggior parte dei principali mercati azionari europei ha chiuso in territorio positivo.

* I produttori di chip olandesi ASML, la franco-italiana STMicroelectronics e la tedesca Infineon sono scesi tra il 2,9% e il 5,4% dopo che Micron Technology, con sede negli Stati Uniti, ha riportato una prospettiva aziendale molto più debole del previsto giovedì.

* L’indice tecnologico europeo ha perso il 2%. I minatori sono scesi del 2,5% e anche le compagnie petrolifere e del gas sono diminuite poiché i prezzi delle materie prime sono scesi a causa delle preoccupazioni per la crescita economica.

* I servizi di pubblica utilità hanno guadagnato di più, in rialzo del 3,1%, poiché Uniper è rimbalzata dopo essere scesa di oltre il 14% giovedì quando ha chiesto aiuto al governo tedesco per le perdite causate dai cordoli del gas russo. .

* Anche altri settori difensivi come i beni di prima necessità, le telecomunicazioni e la sanità sono aumentati poiché gli investitori hanno cercato di proteggersi dai timori di recessione dopo che i dati hanno mostrato una debole attività industriale in Spagna e Italia.

(Segnalazione di Devik Jain e Susan Mathew a Bengaluru; montaggio spagnolo di Carlos Serrano)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.