Le erbe italiane aggiungono aroma ai piatti, ma anche vari benefici per la salute

Basilico

Sebbene l’India sia considerata la patria di questa erba dalle fragili foglie verdi, è stata addomesticata in Europa circa cinquecento anni fa, grazie alla sua forte richiesta, soprattutto nel sud. Anche così, oggi è considerata l’erba italiana più caratteristica.

Ha foglie molto fragili, quindi è meglio andare fresche, seccare molto male e allo stato secco non è mai così. Se definiamo il ruolo culinario e la missione delle erbe medicinali, possiamo aspettarci meno crampi, una migliore digestione, antiflatulenza, antinfiammatorio e antibiotici blandi.

Il basilico è attualmente considerato l’erba italiana più caratteristica.

Foto: Profimedia.cz

Forme con foglie verdi e rosse in crescita, i profumi delle diverse specie e cultivar sono spesso molto diversi.

Mentre nella cucina asiatica incontriamo il basilico tailandese, l’Italia include il basilico. E questo è un ingrediente di cui non si può fare a meno di pizza, carpaccio di pomodoro e caprino o insalata. Da provare anche la pappa al pomodoro con foglie di basilico fresco.

Origano

Il nome ceco dobromysl obecná suggerisce che può avere un effetto positivo sulla psiche.

Foto: Profimedia.cz

In termini di coltivazione, l’origano è molto più resistente del basilico, quindi è diffuso anche non solo nella cucina mediterranea. Il suo nome ceco dobromysl obecná suggerisce che può avere un effetto positivo sulla psiche. Ma dal punto di vista della salute, l’origano non è tutto ciò che può fare.

Rafforza il sistema immunitario, è un antibiotico relativamente forte che protegge il corpo da vari batteri, funghi e altri microrganismi, allevia il dolore mestruale. Aiuta con le malattie infiammatorie, migliora la digestione. È inoltre ricco di antiossidanti, vitamine A, C, E, K e B6, fibre, ferro, magnesio, calcio, potassio e, ultimo ma non meno importante, acido folico.

Ma dalla farmacia passiamo alla cucina, dove trova posto anche l’origano. Ottimo per marinare carni, insaporire paste, pizze, sughi di pomodoro e insalate di verdure.

In Italia è molto diffuso al sud, al nord gli italiani preferiscono la maggiorana. L’origano ha un sapore molto forte, quindi è consigliabile utilizzarlo con parsimonia.

saggio

L’erba dalle foglie verdi grigio argento è molto apprezzata sia in Italia che nella gastronomia francese. Ma troverai anche ricette con la salvia nei vecchi libri di cucina cechi, forse appariranno lì con il nome Babské ucho.

Ancora una volta, era un’erba che sarebbe servita sia come medicina che come condimento. L’estratto può essere utilizzato come collutorio naturale, sopprimendo l’alitosi.

Troverai anche ricette sagge nei vecchi libri di cucina cechi, forse appariranno lì con il nome Babské ucho.

Foto: Profimedia.cz

È usato per preparare tisane medicinali contro l’anoressia e i problemi respiratori. Colpisce anche il sistema nervoso.

La salvia fresca e secca è ampiamente utilizzata per carne e frattaglie, in particolare per condire piatti a base di fegato, pesce, zuppe, carne macinata, pollame, legumi e pomodoro.

Timo

Un altro rimedio e spezia in un pacchetto di piante e un’altra erba coltivata in varie forme è il timo, che puoi usare sia fresco che essiccato.

Stai tossendo? Hai un fungo del piede? Hai bisogno di stimolare i reni e il sistema urinario per trattenere l’acqua nel tuo corpo? Sbarazzarsi della poppa in bocca? Timi è pronto ad aiutarti.

È usato come un tè, ma non giova alla ghiandola tiroidea in quantità maggiori, quindi puoi anche usare l’infuso più forte per gargarismi e bagni.

Puoi gustare il timo in una crema al formaggio ed è uno dei migliori condimenti per assaggiare il pollo.

Foto: Profimedia.cz

L’ingrediente aromatico e profumato degli alimenti è utilizzato fin dall’antichità e ancora oggi le ricette di tutto il Mediterraneo non possono farne a meno.

In Italia, il timo si trova molto spesso nella pasta, condita con pesce, ripieni, insalate e stufati, compresi selvaggina e agnello.

Si può gustare in una crema al formaggio ed è uno dei migliori condimenti per assaporare il pollo. Per i cibi più grassi, svolge un duplice ruolo, abbellendo il gusto e aumentando allo stesso tempo la digeribilità.

Degno di nota non solo il diffusissimo timo comune, ma anche il meno conosciuto, forse anche migliore, timo limone.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.