Le lezioni di leadership di Zelensky in cinque mesi di guerra




Prima dell’inizio della guerra in Ucraina, il 24 febbraio, cinque mesi fa, La figura di Volodímir Zelensky ha poca rilevanza mondiale. Tuttavia, nonostante la sua limitata esperienza politica in un Paese che lo ha visto nascere prima come comico e poi come presidente, non ci vuole molto per diventare dove Julián Reyes, autore di ‘Il metodo Zelenski. Come guidare dalle emozioni Considera “a un esempio di leadership ispirata, umanistica ed empatica”.

“Da quando Barack Obama nessuno ha usato, a mio avviso, l’arte del linguaggio della leadership è così potente e con un tale impatto”, ha spiegato Reyes a RTVE.es. Nel suo libro, da dove parte dei profitti sarà utilizzata per aiutare ucraini, giornalisti e ‘allenatore’ della comunicazione viaggio attraverso 17 interventi presidenziali ucrainidall’inizio dell’invasione russa, per analizzare la capacità di leadership di una figura che ha anche osato confrontarsi con altre come Winston Churchill.

Reyes assicura che “possiamo crescere tutti grazie agli strumenti che Zelensky applica” e fornisce ai lettori alcune chiavi per applicare le tecniche di leadership utilizzate dal presidente ucraino nelle sue comunicazioni. Ecco alcune delle lezioni che il presidente ucraino ha insegnato durante la guerra dei cinque mesi.

Il fattore umano e l’aspetto di un vero leader

Il 24 febbraio, Zelensky ha recitato nel suo discorso finale indossando camicia e giacca. Poche ore dopo, ha messo da parte l’immagine del politico con la tuta e… Ha parlato con gli ucraini indossando la sua ormai iconica maglia verde, quello che ha visto dall’inizio dell’attacco: “Non è stata solo un’esplosione […] è il suono della nuova cortina di ferro”, ha detto nelle sue osservazioni.

Quindi usa quella che per Reyes è una delle più potenti fonti di comunicazione: la metafora; e apre così il primo di una serie di interventi tra i quali gli autori evidenziano chiavi quali: fermezza, chiarezza, impegno, trasparenza, umiltà o esempio. Il tutto, accompagnato da un’estetica inconfondibile.

Reyes salva tra le righe la definizione di leader coniata dal giornalista americano Lou Dobbs. “Questo è Winston Churchill con una maglietta”; e in “Il metodo Zelenski”, l’autore pone una domanda. “Il presidente ucraino sarebbe collegato allo stesso modo se apparisse in una tuta con messaggi identici?”

Zelensky è rimasto bloccato nell’armadio delle identità, hanno scelto di essere accompagnati da un clima sereno e hanno adottato un modo concreto di comunicare. Tutti gli elementi che circondano la sua figura, ovviamente, comunicano anche. Come rivela il libro, la missione del presidente è difendere il suo Paese e i suoi cittadini, e la sua estetica deve trasmettere lo stesso messaggio al suo pubblico.

Leader esemplare: “Ho vissuto qui”

“Ho vissuto nella capitale, ho vissuto con la mia gente”Zelensky ha dichiarato in uno dei suoi primi discorsi al popolo ucraino dopo l’inizio della guerra. Lo ha fatto tra le voci che aveva lasciato il paese e le offerte di protezione lanciate da paesi come gli Stati Uniti.

Per mettere a tacere anche la stessa voce pubblicare video autoregistratitiene il telefono in modalità ‘selfie’ ed è circondato dai suoi consiglieri, per dimostrare che mentre spinge gli ucraini a difendere il loro territorio, lui rimane a Kiev, facendo lo stesso.

A quel tempo, Zelensky mostra uno dei valori sostanziali nella leadership, secondo l’autore: esemplare. “Sono sicuro che le 100.000 persone che lo sostituiranno non ce la faranno fino al 26 febbraio, ma quest’uomo ha dentro di sé uno spirito di leadership sconosciuto che è emerso, come è successo a Churchill, in un momento davvero unico”, ha affermato Reyes a RTVE. .

Conosci il pubblico e cattura “dalle emozioni”

Quando il presidente ucraino ha parlato al Parlamento degli Stati Uniti, ha alluso a “I have a dream” di Martin Luther King e ha creato la sua formula, “Ho un bisogno”, e ha incoraggiato il suo pubblico a “ricordare” due eventi che hanno segnato il paese . storia, l’attacco a Pearl Harbor e gli attacchi dell’11 settembre. Con la memoria, spiega il libro, si attivano processi emotivi.

Una cosa è comunicare e un’altra è connettersiha detto Reyes. Ecco perché, quando parla al parlamento tedesco, parla di “abbattere i muri”; in Italia ha parafrasato le parole che gli aveva rivolto papa Francesco; in Spagna cita il bombardamento di Guernica; In Giappone, riporta il tuo pubblico al disastro di Fukushima; e in Israele, ricorda come lo stesso giorno di febbraio in cui iniziò l’offensiva russa sull’Ucraina nel 2022, nel 1920, fu fondato il Partito nazista.

Zelenski, al Congresso Usa: “Vi chiedo di ricordare Pearl Harbor, 9/11… Il nostro Paese sta vivendo quel male”

Inoltre, sostiene Reyes, “Zelensky sa cosa dire a ogni pubblico”, e fino a che punto puoi spingerti con ciascun pubblico. Per questo, mentre in altri paesi fa espliciti riferimenti a determinati eventi, in Giappone, ad esempio, non menziona la parola Fukushima, anche se racconta quanto accaduto a Chernobyl e parla di fermare la “brutale invasione tsunami” dell’Ucraina .

“Non l’ha detto, ma il punto del suo discorso era cercare di connettersi emotivamente e ottenere Le minacce nucleari, qualunque esse siano, toccano il cuore e il cervello Pubblico giapponese”, ha spiegato. “Una volta che iniziano a sentire Fukushima, sono più vicini a ciò che sta accadendo in Ucraina e possono essere sensibili al processo decisionale, alle azioni concrete che Zelensky suggerisce”.

S. XXI capofila, strumento audiovisivo e presenza in rete

Zelensky era riuscito ad attraversare il confine senza spostarsi dal suo paese, e una delle chiavi di quel successo era gestione attenta delle nuove tecnologie e della loro presenza nei social network. Il presidente ucraino oggi ha 16,9 milioni di follower su Instagram, dietro solo a Joe Biden (17,7 milioni). I due hanno vinto con una valanga di voti al rango successivo, Justin Trudeau, che ha quattro milioni di followers.

Queste cifre, spiega l’autore, si traducono in capacità di influenza. Usa la rete con saggezza con un messaggio chiaro e diretto che raggiungono il loro obiettivo di essere visti dal mondo. “Può già comunicare direttamente attraverso la sua comunicazione sui social network in modo che poi fare notiziaha detto Reyes.

Secondo lui, Zelensky “ha vinto, tra virgolette, guerra di comunicazione con Putinperché con tutto ciò che dice, unito alla sua performance, alla sua autenticità, alla sua umiltà, alla sua semplicità, è in grado di avere un impatto”.

Zelensky, invece, ha creato le proprie risorse portate dalla pandemia: intervento video. In esso, gestisce perfettamente il linguaggio del corpo e ama il contatto visivo completo che si traduce in sguardi costanti verso la telecamera. Inoltre, aveva persino usato videoproiezione nel loro intervento in parlamento, come negli Stati Uniti. Una risorsa molto comune, ad esempio, nella comunicazione d’impresa, che non è così comune nell’intervento politico, e che è molto efficace in termini di lancio di messaggi.

Opportunità di influenzare e portare gli spettatori in azione

Nel suo discorso in Spagna, davanti al Congresso dei Deputati, Zelenski grazie alla compagnia spagnola che “ha smesso di finanziare la macchina militare russa”. Tuttavia, poco dopo, è passato a un altro… nominarli direttamente, come in Francia con altre società – “così hanno smesso di fare affari con la Russia”. Come ricorda Julián Reyes nel suo libro, lo stesso giorno Porcelanosa, una di quelle citate, ha annunciato che stavano terminando gli accordi commerciali con la Russia.

Se Zelensky sa fare qualcosa, significa prendere “ogni intervento, ogni discorso, ogni momento di visibilità” come “opportunità di avere un impatto‘ nelle sue orecchie. È per questo, scegli un messaggio chiaro da lanciare in ogni messaggio, Gestisce gesti e parole al millimetro e utilizza risorse diverse a seconda del pubblico a cui è destinato e di ciò che vuole ottenere.

I discorsi sono generalmente brevi. Il più ampio di quelli analizzati nel libro, al Congresso degli Stati Uniti, non sono più di 18 minuti; il più breve, ai Grammy Awards, è stato di poco più di un minuto e mezzo.

Tuttavia, che sia attraverso tappe che presuppongono parallelismi, allusioni alla personalità di un riferimento nel pubblico previsto, l’uso di ricorrenze, o il ricordo di un bene che il pubblico può trovare necessario restituire. , sempre si sforza di emozionare il pubblico lanciando un messaggio chiaro, diretto e personalizzato.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.