Le ultime notizie dalla guerra in Ucraina, in diretta | L’attentato russo alla scuola militare di Mikolaiv provoca decine di morti | Internazionale

Cosa è successo nelle ultime ore in Ucraina

Nel 24° giorno della guerra iniziata dalla Russia contro l’Ucraina, ecco i dati chiave alle 14:00 di questo sabato 19 marzo:

I combattimenti hanno raggiunto il centro di Mariupol e l’Ucraina ha perso il controllo del Mar d’Azov. Il governo ucraino ha perso l’accesso al Mar d’Azov venerdì notte dopo che le truppe russe hanno rafforzato il controllo del porto principale, la città di Mariupol, che è stata assediata e strangolata per più di due settimane dall’esercito di Vladimir Putin. “Gli invasori hanno avuto parzialmente successo nel distretto operativo di Donetsk, privando temporaneamente l’Ucraina dell’accesso al Mar d’Azov”, ha affermato sabato il ministero della Difesa ucraino in una dichiarazione. “Non è rimasto nulla del centro città. Non c’è un piccolo pezzo di terra che non abbia segni di guerra”, ha detto ore prima alla BBC il sindaco di Mariupol, Vadym Boychenko, riferendo che le truppe russe avevano raggiunto il centro della città, dove si trovava oltre l’80% degli edifici residenziali danneggiato o distrutto e in cui la popolazione è senza acqua o elettricità.

La Russia afferma di aver utilizzato missili ipersonici a 100 chilometri dal confine della NATO. Il ministero della Difesa russo ha confermato questo sabato di aver utilizzato il missile ipersonico Kinzhal della Russia per distruggere una cantina ucraina “contenente missili aeronautici e munizioni” a Deliatin, nell’Ucraina occidentale. La struttura, a 108 chilometri dal confine con la Romania, membro della NATO, è stata “distrutta”, secondo il portavoce della difesa russa Igor Konashénkov.Questa tecnologia, che la Russia possiede dal 2018, ha la capacità di eludere le difese antiaeree e di lanciarsi da aerei da combattimento. almeno cinque volte la velocità del suono, oltre 6.000 chilometri orari.Ci sono due tipi, alianti e incrociatori.Entrambi possono manovrare per cambiare la loro traiettoria in volo e sono quasi inarrestabili sui voli bassi.

La Gran Bretagna chiama la Russia una “cortina fumogena” mentre i colloqui di pace tra Mosca e Kiev. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha avvertito questo sabato che i colloqui di pace tra Russia e Ucraina potrebbero essere usati dal Cremlino come un “velo di fumo” per raggruppare le truppe per effettuare nuovi attacchi. In un’intervista pubblicata oggi dal quotidiano britannico Volta, il capo della diplomazia britannica ha espresso questo timore, sottolineando che spettava al presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, scegliere come il suo Paese avrebbe affrontato questo dialogo di pace. Secondo il ministro, se Mosca prende sul serio questi colloqui di pace con Kiev, non utilizzerà i metodi militari attualmente utilizzati per attaccare l’Ucraina: “Se un Paese prende sul serio i negoziati [de paz]non bombardare i civili ogni giorno indiscriminatamente”, ha detto il politico conservatore.

La Polonia propone che l’UE interrompa completamente il commercio con la Russia. Sabato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha chiesto una completa interruzione delle relazioni commerciali dell’UE con la Russia, che sarebbe un drastico inasprimento delle sanzioni che l’Unione europea ha imposto a Mosca come rappresaglia per la sua invasione dell’Ucraina. “Proponiamo che il blocco commerciale venga aggiunto al pacchetto delle sanzioni il prima possibile, sia via mare che via terra”, ha affermato Morawiecki. “Fermare il commercio russo in primo luogo li costringerà a considerare se sarebbe meglio porre fine a questa guerra crudele”.

Nella foto, il salvataggio di un soldato ucraino dopo 30 ore tra le rovine di una caserma bombardata a Mikolaiv, nel sud del Paese. (kilic misto / AFP)

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.