Lettera di protesta del direttore del Museo delle vittime del genocidio all’Ambasciatore italiano in Croazia

Il direttore del Museo delle vittime del genocidio di Belgrado, Dejan Ristic, ha inviato una lettera di protesta all’ambasciatore italiano in Croazia, Pierfrance Sacco, affermando di aver espresso solidarietà al popolo croato consegnando la lettera alle vittime di Jasenovac.

Ristic ha ricordato che i membri del popolo croato sono vittime di uno stato repressivo, dell’apparato militare e di polizia dello Stato indipendente di Croazia esclusivamente nella misura in cui le autorità li percepiscono come oppositori.

Allo stesso tempo, i membri di serbi, ebrei e rom sono chiaramente indicati nell’NDH come coloro che devono essere completamente sterminati fisicamente, identità e religiosamente, ha detto Ristic.

Non è chiaro, ha detto, a quale parte del popolo croato si riferisca la sua espressione di solidarietà nel contesto culturale del ricordo delle vittime di Jasenovac.

Ristic ha affermato che il contenuto dell’annuncio dell’ambasciata italiana in Croazia ha causato grande agitazione tra i serbi, in particolare i sopravvissuti, ovvero i discendenti delle vittime del genocidio compiuto contro centinaia di migliaia di serbi, nonché decine di migliaia degli ebrei. e Roma a NDH.

È noto, ha detto Ristic, che il sistema dei campi di concentramento e di sterminio nello Stato indipendente di Croazia lo è

Jasenovac, il cui sito visiti come parte di un memoriale per l’innocenza di serbi, ebrei, rom e altre vittime, è stato il luogo delle esecuzioni più raccapriccianti in Europa durante la seconda guerra mondiale, secondo la bestialità mostrata dall’ustascia croato.

Pertanto, il contenuto della pubblicazione, oltre a insultare i sopravvissuti al luogo dell’esecuzione di Jasenovac e centinaia di migliaia di loro discendenti in tutta l’ex Jugoslavia, è anche un’importante distorsione pubblica del genocidio contro la Serbia, l’Olocausto e l’Oceano, che questo Il museo rifiuta e condanna con forza. , ha affermato Ristic.

Ha aggiunto di aspettarsi una reazione dall’Ambasciata, che includerebbe la rimozione dell’annuncio, nonché scuse pubbliche ai sopravvissuti al genocidio commesso contro serbi, ebrei e rom nello Stato indipendente di Croazia, nonché loro discendenti.

Corrado Bellini

"Amichevole appassionato di Internet. Creatore. Appassionato di zombie impenitente. Imprenditore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.