L’ex Cebollitas Marcelo Italiano ricorda un’esperienza difficile dalla registrazione: “Non l’ho mai detto a nessuno”

In questi mesi molti attori hanno fatto parte Porro, I ragazzi di Telefe si spogliano degli anni ’90, parlano delle varie situazioni di abuso in cui sono stati durante la registrazione. Marcello Italia, che interpretava “Sammy”, si è unito alla storia e ha dato una testimonianza straziante. a parte quello si riferisce a una situazione specifica che, come spiega, per umiltà non ha mai osato dirlo alla sua famiglia.

In un’intervista a intruso (America), fiore V Ha chiesto ad Italiano se c’era una situazione che non è stata divulgata pubblicamente, e l’attore ha risposto con enfasi: “Nel mio caso personale, ne ho uno che non racconto mai. Non l’ho mai detto a nessuno; anche i miei genitori, ai quali raccontavo loro molte cose“.

In quel momento, ha esitato a dirlo a mezz’aria, fino a quando ha finalmente rivelato: “Questa è una situazione a cui stavo solo pensando mentre guidavo. Ho fatto un percorso da casa mia al canale e ho detto ‘L’ho detto o non l’ho detto’“.

Poi questo giovane che ora è laureato in Lettere, ha detto che avrebbe raccontato storie per sensibilizzare: “In un certo senso, devi servire e aiutare in modo che ciò non accada di nuovo e se c’è qualcuno che ascolta dall’altra parte e quello che dico gli è utile, funziona davvero per quello, per migliorare. E se funziona per una persona su milioni di persone guarderà sicuramente il programma Questo è sufficiente per me“.

Marcelo Italiano interpreta Sammy on the Onionriprese video

Con sicurezza, ha ricordato l’esperienza traumatica vissuta da bambino. “Ho qualcosa che mi sta succedendo e… per me è molto grave. Se ho il tuo tempo e rispetto, lo condivido. È stato davvero qualcosa di molto forte per me e imbarazzante, ecco perché non ho mai osato dirlo prima, nemmeno ai miei genitori”, ha detto.

Marcelo Italiano svela la sua peggiore esperienza sul set di Cebollitas

A sua volta, ha dettagliato: “A un certo punto è venuto da fuori, vicino allo studio, che era a Martínez. Eravamo in ritardo e non siamo riusciti ad arrivare in tempo; Così, ci attaccano. Ho dovuto togliermi i vestiti, andare nello spogliatoio dove condividevamo con tutti i ragazzi e cambiarmi. Ho raggiunto lo spogliatoio e non ho trovato i miei vestiti e ho spiegato alla toeletta. borbottò, porgendomi un altro armadio. Mi stavo cambiando nel corridoio e mentre lo stavo facendo è venuto un produttore, mi ha preso la mano e mi ha condotto in studio. Gli ho detto ‘aspetta un attimo, devo andare in bagno’, ma lui mi ha detto di no, di andare in studio e abbiamo iniziato a girare la scena“.

Poi ha spiegato che a causa dei limiti delle riprese, non è arrivato in tempo per andare in bagno. “Sono molto eccitato, e Ho finito per farmi la pipì addosso mentre giravo quella scena“, ha ricordato, aggiungendo in seguito che il suo partner che interpretava “Don Víctor” lo aveva notato e voleva aiutarlo. Tuttavia, i suoi sforzi furono vani.

“Questo attore, di fronte al ridicolo di alcuni ragazzi, ha detto al regista che dovevo andare in bagno. L’uomo ha detto ‘no, continuiamo a girare, le riprese sono a petto in su’, e la scena continuaL’Italia conclude.

Ha parlato anche Daniela Nieremberg, che ha partecipato alla serie nel 1998 intruso la sua esperienza lavorativa e ha assicurato che era “eccellente”. Ha però fatto una precisazione riferendosi ai suoi ex compagni di squadra: “Non sto dicendo che altre persone non abbiano avuto brutte esperienze. Perché altrimenti, sembra che qualcuno voglia negare qualcuno.

Inoltre, ha chiarito che prima di parlare pubblicamente, ha avvertito i suoi ex colleghi ed ha espresso il suo disagio con espressioni frizzanti usate da diversi attori di disapprovazione: “L’ho detto nel gruppo. Anche a loro. Esci e pronuncia le parole abuso e abuso, e generalizza che è tutto così mi sembra forte; soprattutto perché ci sono cose giustecosa è successo, e ci sono cose che non sono vere per me e per molti altri. Va bene per equilibrare”.

D’altra parte nega che lavorino 15 ore al giorno come suggeriscono alcune scienze esatte e assegna la responsabilità a chi è più responsabile di ogni bambino. “Abbiamo i nostri genitori dietro di noi, non siamo soli. io Ho visto i genitori che quando l’Associazione degli attori argentini è arrivata a controllare che smettessero di registrare, l’hanno nascosto dietro il set perché volevano che il figlio continuasse a registrare. Succedono anche queste cose. Il problema più grande è con i genitori.“, lui ha indicato.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.