lex Saab: zia Camila Fabri arrestata in Italia per riciclaggio di denaro – Unità Investigativa

L’indagine che le autorità italiane svolgono dal 2019 sul movimento di denaro lex Saab da Barranquilla nel Paeseappena pubblicato i primi risultati.

Arianna e Patrizia Fiore, 47 e 45 anni, Sono stati arrestati nelle ultime ore nell’ambito di un’indagine svolta dal Nucleo monetario della Guardia di Finanza di Roma dal 2019.

Si tratta di zia Camila Fabri, attuale moglie del famoso personaggio Nicolás Maduro. Inoltre è stato emesso un mandato di cattura nei confronti di Lorenzo Antonelli, cognato di Fabri.

Gli arresti delle due donne sono legati a un’indagine condotta congiuntamente dalle autorità britanniche e italiane intorno alla fiducia che ha messo sul radar un partner Saab e uno dei suoi cugini.

(Sull’argomento: lex Saab controllerà l’oro venezuelano tramite il cognato italiano)

Infatti, EL TIEMPO ha denunciato il sequestro di beni per un valore di 10 milioni di euro relativi modello Fabri, proprietario di immobili di lusso che, in tutta onestà, faranno parte di una mega operazione di riciclaggio di denaro legata al regime di Nicolás Maduro.

Alex Saab e Camila Fabri.

Foto:

Cattura contro Fabri e Saab

In alcune conversazioni di Fabri con sua zia, ha detto loro di acquistare abiti firmati da Saab e di prepararsi a gestire un’attività di carbone e nichel, quando si sono stabiliti negli Emirati Arabi Uniti.

Il Corriere Della Sera ha rivelato l’identità delle donne che sarebbero rimaste detenute a Roma. Ed è stato confermato che c’era anche un mandato di cattura per Fabri e per Saab.

La modella resta in Venezuela dopo essersi rifugiata a Mosca a seguito di un’indagine del tesoro italiano mentre suo cognato sarà negli Emirati Arabi Uniti, dove risiederanno.

Così si legge in alcune chat di Fabri alla zia dove dice loro di comprare abiti firmati da Saab e prepararsi a gestire l’attività di carbone e nichel, una volta stabiliti negli Emirati Arabi Uniti.

(Avanti: gli Stati Uniti descrivono il trucco di Maduro passando Alex Saab come diplomatico)

chat e oro

Nicola Maduro

Nicolás Maduro ha confermato che Saab era il suo ambasciatore in Africa.

Foto:

EFE/ RAYNER PEÑA R.

Per prima cosa devono andare da Luis Vuitton, Dior. Questo è il seme, almeno quattro per uno, ecco cosa vuole Lex“, si legge in una delle chat che Fabri ha inviato a sua zia dal Venezuela.

“Hanno firmato qualcosa, hanno aperto un conto”ha detto loro in un altro messaggio.

Nel messaggio ci sono più informazioni che saranno la chiave per trovare ricchezza nascosta di Saab e del suo entourage.

(Anche: chiacchiere e pergamene che provocano tempeste sulla stampa nazionale)

Secondo il fascicolo, parte del denaro riciclato in Italia è stato convertito in euro e nascosto in Russia e in diversi paradisi fiscali.

Al riguardo, a suo tempo EL TIEMPO ha rivelato che, nell’ottobre 2019, il tesoro italiano ha sequestrato l’appartamento del valore di 4,8 milioni di euro tramite Condotti di Roma.
La proprietà è stata acquisita tramite una società londinese. Lo dimostrano i documenti detenuti dalle autorità in cui si parla anche di 120 chilogrammi d’oro depositati a nome del modello in una banca svizzera.

Appartamento Alex Saab

Gli appartamenti Saab a Parigi si trovano su Boulevard Saint Germain, un quartiere di lusso.

Sono accusati di far parte di un programma di riciclaggio di denaro che prevede l’acquisto appartamenti di lusso e fondi in un conto corrente con 1,8 milioni di euro in una banca italiana.

(Vi invitiamo a leggere: Odebrecht: cosa cercano gli agenti dell’FBI in Colombia?)
Quello che è successo finora è che la zia e il cognato di Fabri faranno da burattini. per nascondere denaro a Saab e ai suoi rapporti corrotti con il regime.

Camila Fabbri

È evidente che la modella italiana, Camila Fabri, è stata allertata per un intervento chirurgico a suo carico nel 2019.

Pressione per Saab

Gli arresti potrebbero avere un impatto sulla situazione di Saab negli Stati Uniti, che lavora con la DEA dal 2018 è fuggito in Venezuela.

(Vedi qui tutti gli articoli dell’Unità Investigativa EL TIEMPO)

Questo mercoledì si è tenuto un nuovo processo contro di lui e la sua difesa ha confermato che era un diplomatico competente, la cui detenzione era illegale.Ma era chiaro alle autorità che si trattava di una persona corrotta che aveva trasmesso informazioni sui vescovi del regime.Inoltre, sono stati indagati i suoi affari e i parenti del modello di Fabri nella gestione dell’oro in Venezuela.

UNITÀ DI INDAGINE
u.investigativa@eltiempo.com
@UinvestigativaET

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.