l’inflazione continua a crescere, a +8% a giugno

I prezzi al consumo in Italia sono aumentati dell’8% a giugno su base annua, ancora trainati dai costi dell’energia, in aumento rispetto a maggio (+6,8%), secondo i dati intermedi pubblicati venerdì dall’Istituto nazionale di statistica (Istat). L’inflazione, che ha raggiunto il livello più alto dal gennaio 1986, è stata trainata ancora una volta principalmente da un aumento dei prezzi dell’energia del +42,6%, mentre i prezzi dei prodotti alimentari trasformati hanno registrato un aumento dell’8,2% nel corso dell’anno.

Aumento maggiore dal gennaio 1986

In un mese, secondo l’Istat, i prezzi sono aumentati dell’1,2% a giugno. L’indice di inflazione calcolato secondo lo standard di armonizzazione dell’Unione Europea (IPCA) è aumentato a giugno dell’1,2% nel mese e dell’8,5% durante l’anno. “A giugno l’inflazione è aumentata di nuovo, salendo a livelli che non si vedevano dal gennaio 1986L’Istat ha spiegato nei suoi commenti.

L’andamento dell’inflazione continua a diffondersi dai materiali energetici ad altri settori, sia beni che servizi“, ha proseguito l’Istat. “L’accelerazione dei prezzi dei generi alimentari, sia trasformati che non trasformati, ha ulteriormente spinto al rialzo i prezzi del paniere di riferimento (+8,3%, al livello più alto da gennaio 1986)“, ha chiuso l’Istat.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.