L’Istituto statale di sanità pubblica ha richiamato l’attenzione sul rischio del vaiolo delle scimmie. Si diffonde in tutta Europa iROZHLAS

Secondo l’Istituto statale di sanità pubblica (SZÚ), i medici dovrebbero anche considerare il vaiolo, che si è verificato in diversi paesi europei, durante la diagnosi di persone con sintomi tipici. Finora nella Repubblica Ceca non sono emersi casi o sospetti, ha affermato venerdì la portavoce di SZ těpánka echová. Secondo il sito web di SZÚ, i primi sintomi includono febbre, brividi, mal di testa o dolori muscolari e una tipica eruzione cutanea compare dopo uno o tre giorni. L’insorgenza di questa malattia è stata appena confermata dalla Germania.




Aggiornato
Praga / Berlino / Parigi / Ottawa
(Aggiornato: 13:02 20 maggio 2022)

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Secondo il National Institutes of Health (SZÚ), i medici dovrebbero anche considerare il vaiolo, che si è verificato in Spagna, Portogallo e Inghilterra, durante la diagnosi di persone con sintomi tipici. | Foto: Barbora Novotna | Fonte: Radio Ceca

“È importante informare i professionisti e il pubblico in generale sul potenziale rischio di diffusione del vaiolo, in particolare nella comunità di uomini che hanno rapporti sessuali con uomini o persone che hanno rapporti sessuali occasionali o più partner sessuali”, ha affermato l’EAA.

L’eruzione cutanea appare spesso prima sul viso, quindi si diffonde ad altre parti del corpo. Nei pazienti della comunità maschile hanno rapporti sessuali con uomini, dove la malattia si manifesta all’estero, il più delle volte sui genitali. La vaccinazione contro il vaiolo protegge anche dalla varicella.

“Se nel paese è disponibile un vaccino contro il vaiolo, (…) la vaccinazione dei parenti ad alto rischio dovrebbe essere presa in considerazione dopo una valutazione del rapporto rischio-beneficio. Nei casi più gravi, può essere preso in considerazione il trattamento con un farmaco antivirale registrato se il farmaco è disponibile nel paese”, ha scritto l’EAA.

La malattia di solito dura da due a quattro settimane, la maggior parte dei pazienti guarisce. Gli studi in Africa hanno mostrato un tasso di mortalità di circa il 3,6 per cento, fino al dieci per cento di coloro che non sono vaccinati contro il vaiolo. Le persone con un’immunità indebolita sono particolarmente a rischio e la mortalità è più alta tra i bambini e i giovani adulti.

Nuovi casi in Europa occidentale

Il primo caso in Germania oggi è stato identificato dall’istituto di microbiologia militare locale vicino a Monaco. Le persone infette sviluppano una caratteristica eruzione cutanea, ha affermato l’agenzia senza ulteriori dettagli.

I primi due incidenti sono stati segnalati anche dal Belgio. Il contagio è avvenuto in due persone di città diverse, che però, di recente, hanno partecipato alla stessa festa in un luogo non specificato. Entrambi hanno un decorso lieve della malattia. Il virologo Steven Van Gucht dell’agenzia di salute pubblica belga Sciensano ha detto a Reuters che si aspettava un ulteriore aumento dei casi, ma il Belgio ha detto che avrebbe il virus sotto controllo.

In Francia, la malattia si è manifestata in un uomo di 29 anni che proveniva da un paese in cui il virus si stava già diffondendo, hanno affermato oggi le autorità sanitarie francesi. Il decorso della sua malattia non è stato grave, quindi è stato ricoverato in una casa di isolamento. I contagiati vivono nella zona di Parigi.

Anche il Canada segnala un’infezione

Giovedì l’Agenzia per la salute pubblica canadese ha dichiarato di aver confermato i primi due casi della malattia, noti principalmente dall’Africa. Le autorità del Quebec stanno indagando su un totale di 17 casi sospetti.

Regno Unito, Spagna, Portogallo, Italia e Svezia hanno confermato la malattia questa settimana. Basato su BBC nove casi sono stati confermati nel Regno Unito. La Spagna ha riportato sette confermati con la malattia, il Portogallo cinque. Italia e Svezia segnalano un caso alla volta.

Gli Stati Uniti mercoledì hanno scoperto un caso di vaiolo in un uomo dello stato del Massachusetts, che aveva precedentemente visitato il Quebec. Gli esperti descrivono che la frequenza di trasmissione da uomo a uomo è molto alta. Ciò può comportare la trasmissione della comunità senza un precedente viaggio in aree in cui si verifica il vaiolo.

Il vaiolo è stato registrato per la prima volta negli anni ’70 nella Repubblica Democratica del Congopoi in altri paesi dell’Africa centrale e occidentale. Il numero di casi in Africa occidentale è aumentato negli ultimi dieci anni. Dagli animali all’uomo, la malattia può essere trasmessa attraverso morsi, graffi, preparazione di carne di animali selvatici o contatto con i loro fluidi corporei, ma anche attraverso materiali contaminati, come la biancheria da letto.

Tomáš Hana, CTK

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.