L’Italia attende il nulla osta Ue per il Monte dei Paschi – fonti

Di Giuseppe Fonte e Valentina Za

ROMA, 15 giu. (Reuters) – L’Italia spera di raggiungere presto un accordo informale con le autorita’ Ue sui nuovi obiettivi di ristrutturazione del Monte dei Paschi di Siena (Mps) e di avere piu’ tempo per la banca statale per tornare in mano ai privati. , secondo due fonti.

Dopo l’interruzione dei colloqui con UniCredit su un possibile acquisto di MPS lo scorso anno, la Roma è stata costretta a chiedere una proroga del termine di inizio 2021 per vendere l’entità.

L’Italia ha il 64% delle banche più antiche del mondo dopo il salvataggio del 2017.

Svantaggiata dai tassi di interesse negativi e dalla recessione economica, MPS non ha rispettato gli impegni di ristrutturazione che il Ministero delle Finanze italiano ha accettato di completare il suo piano di salvataggio del 2017 con l’UE.

Il Ministero delle Finanze ha negoziato una nuova scadenza per la riduzione della sua partecipazione al MPS e un nuovo obiettivo di ristrutturazione. In base ai precedenti accordi con l’UE, il mancato rispetto degli impegni significava che Roma avrebbe dovuto accettare obiettivi più severi.

Due persone informate sui colloqui tra Roma e Bruxelles, che hanno chiesto di non essere nominate per la delicatezza della questione, hanno affermato che il Tesoro è vicino al raggiungimento di un accordo.

Una delle fonti ha affermato che la Roma spera di raggiungere un accordo informale prima che il nuovo amministratore delegato di MPS, Luigi Lovaglio, presenti un piano industriale per la banca il 23 giugno.

La prossima settimana, MPS delineerà anche i passi necessari per raccogliere nuovo capitale, mentre il Tesoro coprirà il 64% del suo ultimo fabbisogno di cassa.

In un piano precedente, che Lovaglio ha esaminato da quando è subentrato a febbraio, MPS aveva proposto una raccolta fondi da 2,5 miliardi di euro (2,6 miliardi di dollari).

Il mese scorso, diverse fonti hanno detto a Reuters che le banche e il Tesoro stavano lavorando per mantenere i dati sulla domanda di liquidità sostanzialmente invariati nonostante i piani rivisti. Le autorità europee avranno l’ultima parola sull’iniezione di denaro.

La Roma vuole anche estendere la scadenza per la riprivatizzazione di oltre due anni per dare a MPS il tempo di aumentare la sua redditività e attirare acquirenti, ha affermato una delle fonti.

Un portavoce della Commissione ha affermato che l’organo esecutivo dell’UE è in contatto con le autorità italiane e segue da vicino gli sviluppi dell’MPS, avendo approvato il salvataggio del 2017 “nell’ambito di un efficace piano di ristrutturazione e sulla base di alcuni impegni assunti dall’Italia rispetto al banca”.

“Come al solito, gli Stati membri devono adempiere agli impegni di assistenza pubblica e sono loro che devono proporre modi per adempiere a tali impegni”, ha affermato il portavoce.

“Spetta quindi all’Italia decidere e proporre una via per uscire dalle partecipazioni di MPS tenendo conto degli impegni di aiuto pubblico 2017”.

MPS ha rifiutato di commentare.

(1 dollaro = 0,9593 euro)

(a cura di Benjamín Mejías Valencia in spagnolo)

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.