L’Italia combatte centinaia di incendi

Ci sono così tanti incendi in Italia che le autorità non possono inviare i vigili del fuoco da nessuna parte. Secondo i vigili del fuoco, la maggior parte degli incendi sono provocati da comportamenti sconsiderati o dolosi.

In Italia, i soccorritori continuano a combattere i numerosi incendi in tutto il Paese. L’area ha chiesto l’aiuto degli aerei dei vigili del fuoco 34 volte, ha annunciato giovedì scorso l’autorità di protezione civile. Le indagini sono arrivate dalla Calabria nel sud Italia, dal Lazio – dove si trova la capitale Roma – e dalle isole di Sicilia e Sardegna.

Le autorità non sono state in grado di inviare l’aereo ai tre incendi. Lì i vigili del fuoco hanno dovuto spegnere l’incendio nel campo. La maggior parte degli incendi è stata causata da comportamenti sconsiderati o dannosi, ha affermato l’agenzia.

Siccità, caldo e forti venti

A livello nazionale, i vigili del fuoco hanno parlato di 240 incendi in cui è stato dispiegato. Gli incendi divampano sull’isola turistica della Sardegna dallo scorso fine settimana, causando enormi distruzioni e danni a milioni di persone. Giovedì sera i vigili del fuoco locali hanno segnalato una nuova fonte di incendio nella provincia di Oristano, nella parte occidentale dell’isola.

Nel sud Italia, quella notte, i vigili del fuoco hanno segnalato decine di missioni. Evacuata una tendopoli a Scanzano Jonico, in Basilicata. Ad Agrigento, in Sicilia, i vigili del fuoco stanno davanti a una fila di cinque chilometri di vigili del fuoco. Nell’area intorno alla città di Palermo, le squadre di soccorso sono uscite più di 40 volte in relazione all’incendio.

La siccità, il caldo e il vento a volte forte negli ultimi giorni hanno permesso agli incendi di estendersi ancora di più. Al contrario, recentemente nel nord Italia sembrava molto diverso. Le forti piogge hanno causato allagamenti e smottamenti lì. Particolarmente colpita è stata la provincia lombarda del Lago di Como.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.