L’Italia concorda con l’Algeria di aumentare del 40% gli acquisti di gas per ridurre la propria dipendenza dalla Russia | Economia

Il primo ministro italiano Mario Draghi questo lunedì durante la sua visita ad Algeri un accordo che consentirebbe all’Italia di ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia, un paese che importa il 40% del gas che consuma. In brevi dichiarazioni alla stampa da parte di Algeri, Draghi ha confermato che l’azienda energetica Eni e l’azienda algerina Sonatrach avevano firmato un’alleanza per aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia, pur non specificando quanto o in quale periodo. Eni ha confermato in un comunicato che aumenterà la propria fornitura del 40% per fornire 9.000 metri cubi di gas in più all’anno dal 2023 al 2024.

Draghi ha ricordato che, dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 marzo, ha annunciato che l’Italia si sarebbe mossa il più rapidamente possibile per ridurre la dipendenza dal gas russo. Ha aggiunto che l’accordo di lunedì era una risposta a quell’obiettivo strategico. E ha avvertito: “Ci sarà di più”.

Il Maghreb, principale partner commerciale dell’Italia in Africa, è attualmente il secondo fornitore di gas di Roma – con il 30% –, dietro la Russia – che vende il 40% – e l’idea del Governo è di diventare gradualmente il primo. Draghi ha inoltre spiegato che i due governi hanno firmato una dichiarazione di intenti per una cooperazione bilaterale nel settore energetico che va oltre il gas. “L’Italia è pronta a collaborare con l’Algeria per lo sviluppo di energie rinnovabili e idrogeno verde. Vogliamo accelerare la transizione energetica e creare opportunità di sviluppo e occupazione”, ha affermato.

Ho lavorato per mesi a Roma

Mario Draghi non ha chiarito nella sua breve apparizione davanti ai media se l’Algeria aumenterà i prezzi del gas in un contratto che dovrà essere rinnovato. Nel caso della Spagna, l’aumento è certo. La vicepresidente spagnola per la Transizione ecologica, Teresa Ribera, aveva chiarito il 7 aprile che l’Algeria intende aumentare i prezzi del gas alla Spagna e sperava che l’aumento fosse “moderato”. Ribera ha affermato che la società algerina Sonatrach aveva avvertito in ottobre che i prezzi attuali erano ben al di sotto del livello dei prezzi del gas sui mercati internazionali.

Il presidente italiano ha incontrato due volte il presidente Abdelmayid Tebun durante questo viaggio di un giorno. Per l’Italia, questo incontro è trascendentale, poiché importa circa il 95% del gas che consuma. Anche l’Unione Europea, che acquista il 40% del gas dalla Russia, ha iniziato a ridurre la propria dipendenza da Mosca. Ma non tutti i paesi europei ce l’hanno così facilmente come l’Italia, la cui diplomazia collabora da mesi con l’Algeria, con l’obiettivo di farne il primo fornitore. Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, e il ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, si sono recati in Algeria a novembre accompagnati da Claudio Descalzi, amministratore delegato della multinazionale italiana dell’energia, Eni.

Conosce profondamente tutte le facce della medaglia.

cliente

La nuova visita della delegazione italiana in Algeria arriva in un momento di massima tensione tra Algeria e Spagna, a seguito del cambio di politica estera di Madrid in merito al Sahara occidentale e del suo recente sostegno al piano di autonomia del Marocco per la regione come soluzione “più seria, realistica e credibile” .

Le bombole italiane trasportano tre volte più gas della Spagna

Il gas che l’Italia riceve direttamente attraverso il suo gasdotto Transmed è più del triplo di quello algerino che arriva in Spagna nel 2020 attraverso il gasdotto Medgaz, che collega con Almería: 22.000 milioni di metri cubi di gas italiano contro i 7.000 milioni della Spagna.

Da quando l’Algeria ha interrotto i servizi per il gasdotto Maghreb-Europa, che collega l’Algeria con la Spagna attraverso il Marocco, la Spagna ha smesso di ricevere direttamente 6.000 milioni di metri cubi. Attualmente a Medgaz sono in corso lavori di ampliamento volti ad aumentare la sua capacità di carico a 10.000 milioni di metri cubi. La Spagna riceve il resto di ciò di cui ha bisogno sotto forma di gas liquefatto, che viene trasportato dalle cosiddette metaniere, principalmente dagli Stati Uniti. I prezzi dei frullati sono generalmente molto più alti di quelli che arrivano attraverso il tubo.

Il gasdotto italiano funziona solo a due terzi della sua capacità totale, che arriva fino a 30 miliardi di metri cubi, quindi c’è molto spazio per aumentare l’offerta e non sono necessari nuovi investimenti in infrastrutture.

Alessandro Gili, ricercatore specializzato in infrastrutture e geoeconomia presso l’Istituto italiano di studi di politica internazionale, ha spiegato al quotidiano che i flussi di gas tra Algeria e Italia potrebbero aumentare ancora di più quest’anno, a pieno regime, a quel punto l’Algeria diventerà un Paese. Italia. principale fornitore di gas naturale, superando la Russia.

Viaggio in un altro paese

Intanto Davide Tentori, analista specializzato in geoeconomia presso lo stesso Istituto, ritiene che ci vorrà del tempo per aumentare l’offerta dall’Algeria. “E per il momento, si spera che le forniture dalla Russia non diminuiscano”, ha detto. “I Paesi dell’Ue si muovono in ordine disperso, con iniziative diplomatiche individuali. Oltre all’Italia, il principale destinatario del gas algerino è la Spagna. Forse è meglio discutere insieme come diversificare l’approvvigionamento di petrolio e gas”, ha aggiunto.

Il governo italiano ha inviato delegazioni anche in altri Paesi come l’Azerbaigian, da dove ha ricevuto l’anno scorso 7,2 miliardi di metri cubi attraverso un gasdotto che attraversa il mare Adriatico, o il Qatar, da cui importa circa 6,8 miliardi di metri cubi. Da quando è iniziata l’invasione dell’Ucraina, il ministro degli Esteri italiano si è recato anche nella Repubblica Democratica del Congo, in Angola e in Mozambico e ha assicurato che “tutti questi paesi sono disponibili ad aumentare l’approvvigionamento” di gas a Roma, anche se “c’è ancora c’è molto da negoziare”.

Il ricercatore Alessandro Gili ha spiegato che importanti sono stati i viaggi effettuati dalla delegazione italiana in questi mesi in Congo, Angola, Qatar e Mozambico, in particolare per aumentare il flusso di gas naturale liquefatto (GNL), che nel 2021 rappresentava circa il 13% del domanda di gas. Gili sostiene l’aumento del numero di tre rigassificatori esistenti in Italia, rispetto ai sei in Spagna, che è il Paese con il maggior numero di stabilimenti in Europa. I ricercatori ritengono che sia anche nell’interesse dell’Italia avere una nave galleggiante per la gassificazione, in grado di fornire all’Italia altri 5 miliardi di metri cubi di gas liquefatto per nave.

La strategia di Roma è quella di acquistare da altri Paesi almeno la metà dei 29.000 milioni di metri cubi di gas acquistati dalla Russia l’anno scorso. L’idea del Governo è di raggiungere questo obiettivo a partire dal 2023, perché a breve termine è impossibile pensare senza gas.

Il piano del governo prevede anche un aumento della quantità di gas stoccato in estate – quando viene consumato meno non accendendo l’impianto di riscaldamento – per prepararsi all’inverno. Parte di questa strategia energetica è condivisa anche dalla Commissione Europea, che vuole introdurre regole che impongono agli stati membri di riempire gli spazi di stoccaggio (in Italia sono 13) almeno per il 90% della loro capacità entro ottobre di ogni anno.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.