L’Italia discute della sua multietnicità dopo il successo alle Olimpiadi di Tokyo

  • A una settimana dalla chiusura di Tokyo 2020, le medaglie allietano la lotta dei bambini immigrati per la cittadinanza italiana

  • Le vittorie dei velocisti Lamont Marcell Jacobs ed Eseosa Fostine Desalu hanno suscitato richieste politiche per la nazionalizzazione di giovani atleti di talento il prima possibile.

Lamont Marcelli Jacobs, l’astro nascente dell’atletica leggera italiana ed europea, l’uomo più veloce del mondo, è stato accolto come un eroe lunedì scorso all’arrivo a Fiumicino, l’aeroporto Roma. Jacobs, di madre italiana e padre afroamericano, è di carattere moderato e voce calma in pubblico, ed è un perfetto sconosciuto in Italia Fino a Olimpiadi, era grato per gli elogi e sorpreso dai momenti interessanti e insoliti che ha prodotto nel suo paese da quando il 1 agosto ha vinto la corsa dei 100 metri in 9,8 secondi, regalando all’Europa una medaglia che non aveva dal 1992.

Ma quello che non si sa con certezza è se Jacobs sapesse all’epoca che, dietro quella speranza, c’era anche una polemica scatenata pochi giorni prima su richiesta del presidente. Comité Olímpico Italiano (Coni), Giovanni Malagò, la cittadinanza è concessa ai minori stranieri, o ai genitori stranieri, che siano dotati nello sport. “Chiedo di accelerare la procedura per ottenere la citazionedritto a terra (latino per legge fondamentale) deportivo & rdquor;, ha detto Malagò, motivando la sua richiesta come una proposta utile per non perdere giovani promettenti.

Non dovrebbe essere una sorpresa. Per il pubblico italiano, Jacobs, un atleta di 26 anni nato a El Paso, che in Lombardia, la regione settentrionale dove è cresciuto, afferma di esprimersi in un inglese semplice e parla italiano con accento, è molto più di un italiano atleta. al momento. Incarna una multietnicità mai vista nella delegazione olimpica italiana, un punto a favore dei difensori di questa società modello dopo anni di polemiche sui temi migratori.

“Lo sport ha rispecchiato un Paese più in sintonia con il mondo moderno e sviluppato. Non è una questione di come e quando diventeremo una nuova nazione. Lo abbiamo già scritto, ad esempio, Il Corriere della Sera. “Dei 384 atleti della delegazione italiana a Tokyo, 46 ​​erano atleti nati fuori dall’Italia, nei cinque continenti, molti dall’Africa, dall’America, anche uno dall’Asia e l’altro dall’Australia. È la prima volta», hanno affermato dal Coni, spiegando che a questi atleti si sono aggiunti atleti nati in Italia da genitori immigrati.

Fino a 18 anni

Questo è un caso speciale di Eseosa Fostine Desalu, velocista nato a Casalmaggiore (anch’esso lombardo) da genitori nigeriani, e che è anche uno dei 70 atleti italiani ad aver conquistato 40 medaglie italiane alle Olimpiadi. In sostanza, Desalu, che con la nazionale italiana maschile vinse l’oro a Tokyo sulla pista 4×100, non poté gareggiare nei tornei nazionali fino all’età di 18 anni, quando poté finalmente richiedere la cittadinanza (al contrario di Jacobs in realtà). , che ha ottenuto il passaporto con affiliazione), come previsto dalla vigente normativa italiana.

L’intervento di Malagò ha quindi riaperto il dibattito sulla riforma della legge sulla cittadinanza, fermo da anni in Parlamento, dopo che la sua ultima versione proponeva di convertire agli italiani i minori nati in Italia, figli di immigrati. capacità. “Se aspettiamo di compiere 18 anni per essere naturalizzati [..] il rischio è che l’atleta si ritiri o vada in patria”, ha detto Malagò. Ancor più di oggi, sia Desalu che Jacobs costituiscono il 69% degli atleti olimpici italiani militari o di polizia.

Una nuova legge?

Notizie correlate

Con questo come punto di partenza, Enrico Letta, il leader del Pd, non ha sprecato l’occasione e ha detto che “sì, l’Italia ha bisogno di una nuova legge”. E anche il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, tecnocrate che di solito si alza in piedi al timone, aveva predetto che i partiti avrebbero raggiunto “una sintesi politica”. «Questi giovani dovrebbero sentirsi parte integrante della società», ha detto in un’intervista a La Stampa. Così hanno fatto Matteo Salvini, leader della Lega di estrema destra, e Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia. non ci vuole molto a reagire, anzi, naturalmente.

Quello che è paradossale – o forse prova che in Italia non c’è nulla di certo – è che, di fatto, in certi casi il Paese ha concesso la cittadinanza ad atleti di talento in passato – di nascosto, sì. È così che se lo è guadagnato nel 2019, ad esempio, il combattente cubano Abraham Conyedo Ruano, che a Tokyo ha vinto il bronzo nei 97 chili stile libero maschile. Un altro esempio del fatto che ciò che lo sport sta realmente riflettendo questa volta è una grande sfida al rumore politico.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.