L’Italia ha sequestrato uno yacht presumibilmente appartenente a Putin

Rinnovare: 06/05/2022 23:01
Rilasciato da:

Roma – L’Italia ha sequestrato lo yacht di lusso Scheherazade, che sarebbe appartenuto al presidente russo Vladimir Putin. Lo ha riferito stasera il ministero delle Finanze locale. La nave, lunga oltre 140 metri, è in manutenzione in un porto della Toscana. Secondo il ministero, l’armatore della nave ha legami con importanti rappresentanti del governo russo, ha riferito Reuters.

Nel corso delle indagini, la Guardia di Finanza italiana ha scoperto che la nave aveva legami economici significativi con enti e persone nell’elenco delle sanzioni Ue. Tuttavia, non ha commentato le loro identità.

Il team di analisi del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny aveva precedentemente affermato che la nave, stimata in 700 milioni di dollari (più di 16 miliardi di corone), apparteneva a Putin. Tuttavia, questa informazione è stata smentita dal proprietario della compagnia che mantiene la nave in Italia. I proprietari di yacht di lusso di solito si nascondono dietro le aziende in cui è difficile rintracciare il proprietario finale.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, Roma ha confiscato alcune navi di lusso e immobili appartenenti a persone nell’elenco delle sanzioni dell’UE. Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha invitato il Paese a prendere un’azione decisiva in questo campo durante il suo discorso ai legislatori italiani.

Italia Russia Ucraina diplomazia contro le sanzioni

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.