L’Italia introduce la vaccinazione obbligatoria per gli over 50 – Politica

L’Italia si è spinta ancora una volta avanti e ha reso obbligatoria la vaccinazione per tutti gli over 50 – per tutti i residenti nel Paese, compresi gli stranieri. Dopo una riunione del Consiglio dei ministri lunga e apparentemente molto importante, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha affermato che le nuove misure mirano a proteggere la fascia di età particolarmente a rischio di infezione da Sars-CoV-2, e quindi ad alleviare la pressione sugli ospedali.

L’Italia ha recentemente contato 219.000 nuovi contagi in un solo giorno, giovedì il bilancio delle vittime è stato di 198. Più di 1.400 posti nelle unità di terapia intensiva sono occupati da pazienti affetti da coronavirus. Gli esperti avvertono che il sistema potrebbe raggiungere il suo limite già a febbraio.

All’inizio c’era confusione circa l’attuazione pratica del nuovo decreto. Tanto ormai si sa: dall’inizio di febbraio, le persone con più di 50 anni devono essere in grado di dimostrare di essere state vaccinate almeno una volta o di essersi riprese da un’infezione, l’ultima delle quali non poteva essere più di sei mesi fa. Per i lavoratori residenti si applica quanto segue: dal 15 febbraio solo gli ultracinquantenni vaccinati o guariti da poco potranno lavorare, sia nel settore pubblico che in aziende private.

2,3 milioni di persone sopra i 50 anni non sono ancora vaccinate

L’assenza dal lavoro è considerata “imperdonabile” e non retribuita. Chi viene sorpreso al lavoro senza un “Super Green Pass” valido, ovvero senza prova del 2G, rischia una multa da 600 a 1500 euro. Saranno sanzionate anche le aziende e gli uffici preposti al controllo che non lo faranno – da 400 a 1.000 euro. Le aziende possono sostituire il personale non vaccinato, ma i dipendenti cattivi non possono essere licenziati. L’obbligo di vaccinare incide anche sulla disoccupazione, ma non è chiaro come questa possa essere controllata. Sono escluse le persone con certificati medici.

Per il momento, la norma è in vigore fino a metà giugno. Chi compie 50 anni prima del 15 giugno dovrebbe essere vaccinato. Sommando tutte le persone in Italia dai 50 anni in su che non sono state vaccinate, si ottengono circa 2,3 milioni – con 1,07 milioni, tra i 50 ei 59 anni che contribuiscono maggiormente a questa categoria. In Italia, il 90 per cento delle persone di età superiore ai dodici anni è stato vaccinato.

giornale Repubblica scrive di “momenti storici” della storia del Paese e dei suoi cittadini. È vero che l’Italia ha una lunga tradizione di vaccinazione obbligatoria: i bambini italiani devono essere vaccinati contro dieci malattie prima di poter andare a scuola. Per la prima volta, tuttavia, sono stati emessi requisiti generali di vaccinazione per gli adulti di una determinata fascia di età. Il costituzionalista Michele Ainis ricorda l’articolo 32 della Costituzione italiana, che recita: “La Repubblica deve salvaguardare la salute come diritto fondamentale dell’individuo e nell’interesse della società e assicurerà cure gratuite a chi è nel bisogno. Nessuno può essere costretto a ricevere alcune cure mediche. , tranne che per ordine legale.” In questo caso si tiene conto del bene collettivo.

È stato inoltre esteso l’obbligo di ottenere un certificato

I partiti socialdemocratici e i governi di sinistra vogliono andare oltre, alcuni sostengono la vaccinazione generale obbligatoria a partire dai 18 anni. Lo stesso Draghi ha fatto campagna per gli over 40 durante l’incontro, ma la resistenza di Cinque Stelle e della Lega di destra è stata troppo grande. I ministri della Lega, in particolare, si sono opposti perché ritenevano che fossero ristrette troppe libertà dei cittadini, quando l’età media dei ricoverati negli ospedali con gravi malattie era di gran lunga superiore ai 50 anni. Hanno minacciato di rinunciare al voto in Consiglio dei ministri. Tuttavia, il compromesso di Draghi ha messo tutti in riga e la decisione è stata presa all’unanimità.

Ciò include una serie di altre azioni. Ora tutto il personale universitario deve essere vaccinato. Finora questa vaccinazione professionale obbligatoria è stata applicata a tutti i dipendenti del settore sanitario e delle case di cura, nelle scuole e con le forze di sicurezza. Inoltre, è stato esteso l’obbligo di ottenere un certificato. Draghi e la sinistra vogliono rendere obbligatorio il 2G per visitare banche, uffici postali, parrucchieri e centri commerciali. Ma l’opposizione all’interno del governo era troppo grande su questo punto: alla fine si è raggiunto un accordo sul 3G per tutti questi luoghi. Pertanto, è necessario almeno un nuovo test negativo.

Draghi ha così giustificato le nuove misure: “Con questa ordinanza vogliamo garantire il buon funzionamento degli ospedali e allo stesso tempo mantenere aperte le scuole e l’economia”. Ora il problema è rallentare la curva dei nuovi contagi e far vaccinare tutti gli italiani non vaccinati.

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.