“Luce” e “oscurità” nella versione aggiornata …

“La battaglia della democrazia contro il totalitarismo”. Così è stata presentata dai partiti e dal personale borghese la guerra in Ucraina, e con questo argomento si è cercato di giustificare il massiccio sostegno militare del governo ucraino da parte degli Stati Uniti – NATO – Unione Europea per affrontare la Russia “sul terra” .

Ma per giustificare il coinvolgimento della Grecia nella guerra, che non si limitava alla consegna di equipaggiamento militare. Invece, include “strutture” per le forze USA-NATO per avanzare verso est. Europa, partecipazione alle sanzioni euro-atlantiche, “NATO NATO” difende tutte le ideologie volte a mobilitare il popolo nella guerra “per i valori occidentali”, come presentato dal confronto imperialista sul territorio dell’Ucraina.

Il falso dipolo “democrazia – totalitarismo” ha dominato la propaganda di guerra parallela sin dal primo giorno di guerra. Nella versione più volgare, questo si traduce come segue dal potere dell’arco euro-atlantico: “Chi non è con la Nato, gli Stati Uniti e l’UE in questa guerra, è con il totalitarismo russo e si allea con i nemici della democrazia”.

Non hanno inventato… la ruota

Naturalmente, la borghesia e il suo staff non hanno inventato … la ruota della propaganda sul “totalitarismo” con la guerra in Ucraina. Il concetto di totalitarismo si formò negli anni ’30, periodo di preparazione alla seconda guerra mondiale, e cercò propagandisticamente di “unire” i nemici della democrazia borghese, individuando due cose completamente diverse: Fascismo – Nazismo da un lato e Comunismo – Socialismo da un lato l’altro. d’altra parte.

Fu sfruttato in particolare alla fine degli anni ’30, quando, in risposta all’Accordo di Monaco, che spinse la Germania nazista “verso est” contro l’Unione Sovietica, la reazione del primo stato operaio fu il Patto di non aggressione Ribbentrop-Molotov. . Questa teoria è stata divinizzata dopo la guerra e oggi trova la sua espressione nell’equazione fascismo – comunismo, che è l’ideologia ufficiale dell’UE.

La realtà è ovviamente molto diversa. Il fascismo non è nato al di fuori del capitalismo, ma al suo interno come corrente politico-ideologica. Fu sostenuto da importanti rappresentanti politici ed economici. Grandi uomini d’affari, politici borghesi di ogni spettro politico, associazioni di imprenditori, industriali, banchieri, hanno investito nel fascismo e nel nazismo. Lo hanno sostenuto e lo hanno aiutato a salire in Germania e in Italia, legalmente, parlamentare, attraverso la stessa democrazia borghese, come opzione.

Sostenere il fascismo tedesco e italiano fu la scelta delle forze di altre democrazie borghesi occidentali, come Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti, per diventare potenti forze anticomuniste e antisovietiche.

Ciò che il fascismo e il nazismo garantirono alla loro borghesia statale fu la distruzione del movimento operaio, il pestaggio dei comunisti, la militarizzazione dell’economia e la completa preparazione per una nuova guerra. In questa direzione usa apertamente anche l’esercizio del potere della dittatura borghese.

Ma questo non è esclusivo dei regimi fascisti. L’imposizione dello stato di emergenza e l’imposizione di misure dure contro coloro che reagiscono alla guerra sono sempre state una caratteristica della preparazione alla guerra. Vediamo, ad esempio, quali sono le caratteristiche del regime in Ucraina, che attualmente si batte “in nome della democrazia mondiale”, come si suol dire.

Questo è un regime di “emergenza”, che ha una bandiera anticomunista. Ha bandito il Partito Comunista Ucraino, ma anche almeno 11 partiti borghesi ritenuti “filorussi”. Insieme alla NATO, ha identificato, creato e addestrato battaglioni d’assalto nazisti di tipo “Azov” e “Settore destro”, che ora sono entrati a far parte dell’esercito e dell’apparato statale. Quindi di che tipo di “democrazia liberale” stanno parlando?

Il loro specchio è la Russia capitalista e Putin

In effetti, per “proteggere” l’argomento sul “totalitarismo”, e mostrare cosa li “ferisce”, non hanno esitato a presentare la Russia capitalista e il governo Putin come una continuazione dell’Unione Sovietica socialista!

La Russia di oggi, tuttavia, è un riflesso dell’Occidente capitalista “democratico”. Biden, Soltz, Johnson e altri vedono Putin come un riflesso. Fu sostenuto all’inizio della sua carriera politica da USA e Unione Europea, per promuovere la “liberalizzazione” dell’economia russa, aprendo nuovi proficui campi d’azione per i gruppi monopolistici.

La loro è Putin, la “carne della carne” della loro “democrazia”, che ha “vinto” dopo i moti controrivoluzionari nell’ex Unione Sovietica e in altri paesi socialisti!

Ma i capitalisti russi del 1991, anche del 2000, non hanno nulla a che fare con oggi. Il suo crescente potere economico e militare lo ha ora reso un “avversario strategico” della NATO, che minaccia una guerra nel cuore dell’Europa. In qualche modo, il vecchio “partner” è diventato il “nemico”. E per affrontarlo stanno scavando gli assi del “totalitarismo”, fornendo un confronto imperialista tra loro su sfere di influenza, strade e fonti di energia caratteristiche della guerra per la rapida difesa della democrazia.

Tuttavia, per avere un quadro migliore di cosa e chi è realmente in conflitto in Ucraina, vale la pena menzionare alcuni fatti che mostrano che sia nell’Ucraina “democratica” che nella Russia “totalitaria” si sperperano capitali e si bevono capitali, a scapito della Russia ucraina e di altre persone.

In Russia, il 13% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà nel 2020, 1,2 milioni di persone in più rispetto al 2019. Il livello minimo di sussistenza in uno stato militare ed energetico forte è di 168,2 euro per i lavoratori e di 103 euro per i pensionati.

In Ucraina, rispettivamente, uno su quattro vive al di sotto della soglia di povertà ufficiale. Altre fonti rendono questa cifra tre volte superiore, dimostrando la rilevanza di questi indicatori per la realtà di milioni di famiglie a basso reddito. Soprattutto rispetto a come potrebbero e dovrebbero vivere, in base a possibilità reali.

In Russia, il 3% della popolazione possiede circa il 90% di tutte le attività finanziarie, depositi e contanti. Nel 2018, l’82% della ricchezza del Paese era concentrato nelle mani del 10% più ricco dei russi. In un anno, i milionari in dollari in Russia sono aumentati del 30%.

Allo stesso modo, in Ucraina, la povertà affligge le persone nei paesi ricchi, che hanno registrato le seguenti prestazioni impressionanti: è 1 in Europa nelle riserve di uranio, 2 in Europa e 10 nel mondo nelle riserve di titanio, 1 in Europa in terreni fertili. Indipendentemente, la produzione ucraina può soddisfare le esigenze nutrizionali di 600 milioni di persone! Altrettanto impressionante è la sua performance nella produzione industriale.

Quanto è “piena” la democrazia occidentale?

Esattamente allo stesso modo, e con elementi incomparabili, gli antagonismi di classe sociale si stanno acuendo in tutto il mondo capitalista, sia che si parli di Stati Uniti e Unione Europea, sia di Russia e Cina. Eppure, nonostante gli elementi comuni di sfruttamento in Occidente e in Oriente, i lavoratori godono di maggiore libertà negli Stati Uniti e nell’UE “democratici” rispetto ai regimi “autoritari” eurasiatici o indopacifici?

Vediamo allora quanto sono “abbondanti” le democrazie occidentali, che invitano le persone a versare il proprio sangue dalla parte della NATO per difenderla dall'”autoritarismo” e dal “totalitarismo”…

  • A partire dalla stessa Ucraina, un colpo di stato occidentale “democratico” ha rovesciato il governo di Yanukovich nel 2014 e ha istituito un governo pro-USA-pro-UE, lanciando pogrom contro la popolazione di lingua russa e di lingua russa, sfruttando i resti di persone addestrate e attrezzate. .
  • Nell’odierna Ucraina “democratica”, che si dichiara candidata all’adesione all’UE, il russo non è ufficialmente riconosciuto, nonostante 1/3 della popolazione del Paese lo consideri la propria lingua madre! Rispettivamente, nel 2014, il parlamento ucraino ha approvato una legge che vieta “l’uso delle lingue minoritarie, come greco, russo e ungherese”, con la comunità greca che ha successivamente denunciato “violazioni dei diritti umani”, che sono “diritti umani”. speciale “regime totalitario”!
  • Negli Stati baltici “democratici”, che sono anche membri dell’UE, come in altri paesi ex socialisti, la carneficina di massa della persecuzione contro i comunisti va avanti da anni, con anni di carcere per anziani veterani dell’antifascista lotta, bando del partito comunisti e comunisti, ideologia e azione comuniste. Il monumento all’Armata Rossa fu distrutto e, d’altra parte, i criminali che facevano parte della banda fascista Waffen SS e altri famigerati collaboratori del nazismo furono riconosciuti come “eroi della resistenza”.
  • Gli Stati Uniti, descritti come il centro della democrazia occidentale, hanno sostenuto o orchestrato colpi di stato e colpi di stato militari in America Latina, Africa, Asia e altre parti del mondo in collaborazione con le forze civili di quei paesi. Anche il nostro Paese ha vissuto un’amara esperienza dai 7 anni della giunta. La “primavera araba”, parte del piano euro-atlantico per un “nuovo Medio Oriente”, ha lanciato anche una serie di nuovi cambiamenti al regime “non gradito”, con la cosiddetta “rivoluzione colorata”. È così che la “rivoluzione arancione” avvenuta in Ucraina nel 2004, ha aperto la sacca di Eolo, che ci porta qui.
  • Nell’UE “democratica” e negli Stati Uniti, in nome della “guerra al terrore”, alcune leggi “antiterroristiche” sospendono o minacciano di abolire anche i diritti umani e le libertà fondamentali. Le leggi contro la radicalizzazione servono come alibi per avvolgere sulla carta i lavoratori comunisti e altri militanti perché sono loro i responsabili. Allo stesso tempo, viene promossa un’ulteriore militarizzazione delle Forze di sicurezza e il loro coordinamento – secondo gli standard della NATO – contro i “nemici interni”. Con lo stesso obiettivo, i soldati vengono addestrati in un ambiente urbano per affrontare i manifestanti!
  • Gli Stati Uniti e l’Unione Europea condividono certificati di democrazia e autoritarismo, in regimi alleati e rivali, a seconda dei loro interessi in un dato momento, nel mezzo dell’intensificarsi della rivalità imperialista. Ad esempio, fino a pochi mesi fa, il governo Erdogan era classificato come “asse del male” nell’alleanza euro-atlantica, denunciando a sua volta il coinvolgimento degli Stati Uniti nel colpo di stato del 2016. Russia, funzionari dell’USNATO “hanno gocciolato miele” per il governo Erdogan. Anche la persecuzione e la “liquidazione” dell’opposizione sono scomparse dal loro vocabolario.
  • Un altro esempio: in Francia, le forze politiche liberali borghesi dell’Unione Europea hanno chiesto un “pan-esercito democratico” per affrontare Le Pen al secondo turno delle elezioni, attribuendolo alla “Russia autoritaria”. In Ucraina, invece, lavano e nutrono i neonazi Azov, che presentano come patrioti!

Il capitalismo si scontra con il capitalismo

Quindi non c’è conflitto tra “democrazia” e “totalitarismo”, “luce” e “oscurità”. In gioco c’è il capitalismo con il capitalismo, nell’interesse del monopolio, indipendentemente dalle varie forme di potere che gli sono imposte in ogni paese e in ogni momento della storia. Le persone non hanno nulla a che fare con questo falso dilemma!

Il lato giusto della storia in sé non è con un polo nella rivalità imperialista, con gli Stati Uniti e l’Unione Europea contro Cina e Russia o viceversa. Non per scegliere ladri. Il lato giusto della storia è organizzare la propria lotta indipendente, sulla base dei propri bisogni moderni e con l’obiettivo di rovesciare la dittatura del capitale, il socialismo.

  • Ripubblicato da “Weekend Radicals” 16-17 aprile 2022

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.