L’Ucraina invita i civili a formare l'”Esercito di droni”

kyiv: in un prato alla periferia della capitale ucraina, un pick-up rutta polvere mentre scivola lungo un pendio, i suoi passeggeri cantano canzoni della commedia di successo degli anni ’80 “Police Academy”.

Questo non è un veicolo delle forze dell’ordine statunitensi ma un Mitsubishi L200 dell’esercito ucraino, che sta inseguendo un drone da ricognizione quadricottero.

Questi soldati sono addestrati per fungere da occhi per l’esercito ucraino, che ha iniziato una massiccia espansione della sua flotta di droni di sorveglianza. Oggi, dieci soldati stanno imparando a guidare i loro motori da veicoli in movimento.

“È molto importante avere droni in ogni unità di combattimento, perché sono i nostri occhi nel cielo”, ha affermato il tenente. Anton Galiachinsky, 40 anni, esperto di analisi dei dati visivi che ha preso parte all’esercizio.

Mentre dall’inizio del conflitto si è parlato dei droni da combattimento turchi dell’esercito ucraino, che hanno inflitto gravi danni ai veicoli corazzati russi, l’Ucraina prebellica ha perso i droni da ricognizione.

Senza un’unità speciale, ha dovuto fare affidamento sul patriottismo e sulle donazioni per l’equipaggiamento e l’addestramento dei piloti.

I soldati frequentati dall’Afp hanno seguito corsi presso la Global Drones Academy, azienda gestita da Anton Veklenko, pilota di droni dal 2015 e “molto richiesto” dall’inizio della guerra.

Difficile da riconoscere»

“Uno degli aspetti più importanti dell’allenamento è la sicurezza”, ha detto Veklenko all’AFP.

Lo specialista della fotografia con droni Anton Veklenko, 35 anni, ora insegna come essere un pilota, ma soprattutto come non essere preso di mira dal fuoco russo.

“All’inizio della guerra, molti dei nostri soldati sono morti perché non sapevano di essere osservati”, ha detto. “Abbiamo sviluppato un metodo che permette al pilota di non rivelare la sua posizione”, ha proseguito senza aggiungere altro.

Questi minuscoli droni hanno permesso a Kiev di condurre ricognizioni lungo la linea del fronte, di avvistare truppe e equipaggiamenti russi e persino di dirigere il fuoco dell’artiglieria a distanza. Hanno salvato vite ucraine, ma erano costose e poche.

Entrambe le parti utilizzano anche macchine radiocomandate più piccole, ma Kiev afferma che le contromisure della Russia contro le interferenze elettroniche con i loro sistemi di comunicazione sono sempre più efficaci.

All’inizio di luglio, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto donazioni per l’acquisto di una flotta mondiale di droni militari per formare l'”esercito di droni” ucraino.

Sono stati raccolti circa 13,5 milioni di euro, che finanzieranno la prima serie di 200 macchine dotate di termocamere, GPS e software cartografico.

“La cosa principale è che sono difficili da identificare, quindi sono difficili da rimuovere”, afferma il sito Web collegato all’applicazione di Zelensky.

Dronazione»

Secondo Yury Shchygol, capo della Cyber ​​Security and Intelligence Agency dell’Ucraina, è stato firmato un contratto con il produttore polacco e sono stati ricevuti quattro droni tattici.

La sua squadra sta studiando possibili contratti in Portogallo, Stati Uniti, Giappone e Israele, ha aggiunto in un incontro con la stampa questa settimana.

Il sig. Zelensky ha anche chiesto una “dronazione” di dispositivi più piccoli da effettuare in Ucraina, negli Stati Uniti o in Polonia. Gli appassionati e i piloti commerciali di droni hanno iniziato a donare i loro dispositivi per supportare il “Drone Army”, ma l’Ucraina punta più in alto.

“Abbiamo ricevuto 30 droni nell’ambito del programma ‘Donate your drone’, sia dall’Ucraina che dall’estero. Il nostro obiettivo è raccoglierne 1.000”, ha affermato Shchygol.

La campagna ha anche preso una svolta urgente questa settimana, con avvertimenti da parte di funzionari statunitensi che affermano che la Russia intende procurarsi centinaia di droni da combattimento dall’Iran.

Imparare a far funzionare un drone civile richiede due settimane, ha detto Yuri Shchygol, mentre i piloti di droni militari da ricognizione riceveranno un mese di addestramento.

Ma crede che l’esercito di droni ucraino darà i suoi frutti al di fuori del conflitto con la Russia. Dopotutto, voleva credere, “Elon Musk si è detto che le guerre future saranno decise dai droni”.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.