L’UE dovrebbe anche rimanere aperta al dialogo con la Cina, afferma Draghi

“La Cina ha un’importante influenza geopolitica e svolge un ruolo importante nella sicurezza mondiale. È imperativo che l’Unione europea sia unita nel mantenere lo spazio per il dialogo con Pechino, che contribuirà in modo costruttivo agli sforzi internazionali (il conflitto in Ucraina)”, ha affermato Draghi. Parlamentari italiani oggi. “Dobbiamo ribadire che speriamo che Pechino non appoggi Mosca e si impegni attivamente e con forza per la pace”, ha aggiunto il premier italiano.

Draghi ha anche affermato che l’Italia e la comunità internazionale stanno cercando di fermare la guerra. Tuttavia, ha affermato, questi sforzi sono contrari agli interessi del presidente russo Vladimir Putin in un cessate il fuoco che consentirebbe ai negoziati di risolvere il conflitto. Il primo ministro italiano ha anche affermato che molti russi si sono opposti alla guerra di Putin e hanno messo a rischio la loro sicurezza protestando contro di essa. Il governo italiano sta mostrando loro solidarietà, ha aggiunto Draghi. Martedì, a seguito di un video discorso del presidente ucraino Volodymyr Zelensk al parlamento italiano, Draghi ha elogiato l’eroismo degli ucraini che hanno difeso la loro patria dall’aggressione di Putin e che hanno anche difeso la pace, la sicurezza e la libertà in Europa. “Ecco perché l’Italia vuole l’Ucraina nell’UE”, ha aggiunto martedì Draghi.

La Cina non si è chiaramente schierata in questa guerra. Non ha condannato l’invasione russa, iniziata il 24 febbraio, e ha affermato di inviare aiuti umanitari in Ucraina. Durante il fine settimana, l’ambasciatore cinese negli Stati Uniti, Qin Kang, lo ha descritto come disinformato sulla notizia che la Cina avrebbe fornito armi e munizioni alla Russia. L’ambasciatore ha anche affermato che le relazioni tra Russia e Cina sono state costruite nel corso degli anni e che la semplice condanna dell’invasione russa dell’Ucraina sarebbe stata inutile. Ha aggiunto che le relazioni commerciali con Mosca continuano a funzionare.

Ma secondo alcuni analisti, l’attuale guerra cinese potrebbe anche essere più distruttiva. Primo, perché lo sviluppo economico della Cina negli ultimi decenni è dipeso dalla struttura dell’economia internazionale e dalla divisione del mondo in blocchi regionali e l’instabilità generale ostacolerà l’ulteriore sviluppo della Cina, ha scritto lunedì. quotidiano Paese. Secondo lui, anche il Partito Comunista Cinese e il suo leader e presidente Xi Jinping, il cui secondo mandato scade il prossimo anno, hanno bisogno di risultati economici positivi.

Secondo il quotidiano spagnolo, le relazioni tra Cina e Russia potrebbero non essere così forti come le interpreta l’Occidente. Nonostante l’armonia personale tra Xinjiang e Putin, le relazioni commerciali sono deboli rispetto alle relazioni commerciali della Cina con gli Stati Uniti e l’Unione Europea. Secondo El País, le esportazioni cinesi nell’UE e negli Stati Uniti erano quasi dieci volte maggiori rispetto alla Russia prima della guerra e le importazioni cinesi dall’UE e dagli Stati Uniti erano circa tre volte superiori in questo confronto. Petrolio e gas dalla Russia rappresentano circa il 15 per cento delle importazioni cinesi di materie prime, ma ciò non significa una dipendenza insormontabile per Pechino, secondo i commenti del quotidiano El País.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.