L’uomo che ha impiegato quattro decenni per riportare la sua voce ad Angus Young (AC/DC): “Questa pazza Italia…”

Nell’ultimo episodio del podcast AC/DC oltre il fulmine (attraverso Blabbermouth.net), uno dei più grandi fan della band australiana, Filippo Olivieriha raccontato la storia di come ha viaggiato per il mondo e speso centinaia di migliaia di dollari cercando di copiare la voce di Angus Young alla chitarra, incontrandolo infine nel suo studio di registrazione.

Olivieri, inventore e amante della musica, afferma di essere riuscito a copiare perfettamente il suono di una chitarra AC/DC, in un modo che nessuno aveva mai fatto prima.

Nato in Texas e cresciuto a Roma, Filipppo Olivieri, fondatore di Solo DallasSono ossessionato “Back In Black” degli AC/DC. Nel tentativo di emulare il tono di chitarra dell’album, Olivieri iniziò ad acquistare la stessa attrezzatura usata da Angus Young, ma quando si avvicinava era chiaro che gli mancava ancora una parte fondamentale del suonare come lui.

“Nessun suono ancora”firmato da Olivieri. “Ho fatto molti errori, ho investito molti soldi… l’ingrediente segreto è qualcosa di inimmaginabile”.

Olivieri ha investito tre decenni della sua vita e migliaia di dollari, ma non ce l’ha ancora fatta. Almeno fino a quando non si è imbattuto nello Schaffer-Vega Diversity System, il dispositivo wireless che Angus Young aveva precedentemente utilizzato per correre sul palco mentre suonava, ma era obsoleto e deprecato. L’ultimo pezzo del puzzle finalmente è andato a posto.

Kiss, Eddie Van Halen, The Rolling Stones, Pink Floyd, Bootsy Collins, Peter Frampton, Frank Zappa sono alcuni degli artisti che hanno iniziato a utilizzare il dispositivo. Gli AC/DC hanno iniziato a utilizzare il sistema Schaffer-Vega Diversity come effetti in studio di registrazione da “Powerage” del 1978 a “Blow Up Your Video” del 1988.

Nel corso degli anni, l’inventore originario, Ken Schaffer, smisero di produrre dispositivi e persino gli AC/DC furono costretti a cambiare il suo suono -per caratteristiche- per i successivi 25 anni. È stato Olivieri che alla fine ha rintracciato Schaffer e ha ricevuto la sua benedizione per assumere un team di esperti di elettronica e decodificare la tecnologia, sotto il nuovo nome dell’azienda SoloDallas, e lanciare la prima unità, soprannominata The Schaffer Replica.

Durante lo spettacolo, Oliveiri esegue varie canzoni degli AC/DC che mostrano come il suono cambia quando viene utilizzata la sua invenzione. Per molti, questa macchina si è guadagnata il soprannome di “Angus istantaneo”.

Soprattutto, dopo aver visto come l’invenzione ha fatto suonare i classici degli AC/DC su YouTube, un fan ha deciso di inviare ad Angus Young una lettera scritta a mano che diceva: “Questo pazzo italiano ha questo. Devi ascoltarlo, è bello, ti riporterà indietro la voce”.

Ciò ha impressionato Angus Young e ha invitato Oliveiri nel suo studio a Vancouver per incontrarlo di persona.

“Sono con il mio eroe, non so cosa dire” ora ricorda l’inventore italiano, che poteva persino suonare la chitarra del suo eroe. “Sono pronto per essere colpito, deve essere una chitarra magica, il mio eroe usa solo cose magiche“, pensiero. “No, usa una normale chitarra e archi!”

Olivieri ha presentato Young Schaffer Replica GT #001, la prima unità ad essere prodotta. Il chitarrista australiano è rimasto così colpito dalla perfezione che questo dispositivo ha reso nel riprodurre il suo suono, che ha finito per usare Schaffer Replicas per tutti i prossimi album degli AC/DC, così come per i suoi tour dal vivo.


Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.