L’uomo che issò la pseudo bandiera in Antartide è morto

Il 28enne turco-cipriota, che sale nel punto più alto dell’Antartide e alza la bandiera di una pseudo-nazione, trova un tragico epilogo. Secondo i media turco-ciprioti, l’uomo è morto in un incidente dopo essere stato travolto da una valanga.

Il leader turco-cipriota Ersin Tatar ha offerto le sue condoglianze alla povera famiglia Birkan Uzun. Come affermato in un comunicato, “Sono rattristato nell’apprendere della morte del turco-cipriota Birkan Uzun, che ci ha reso tutti orgogliosi dei suoi successi. È nostro orgoglio portare la bandiera ‘TRNC’ in molte vette del mondo. Auguro a tutta la sua famiglia e ai suoi fan coraggio”.

Ersin Tatar sottolinea che i suoi successi, il suo coraggio, il suo duro lavoro, “Il suo patriottismo, che ha raggiunto con grande dedizione, impegno e difficoltà, sarà fonte di ispirazione per molti giovani. Birkan vivrà per sempre nei nostri cuori”.

Il 28enne Uzun, nato nel Morphou occupato e lavora come consulente aziendale per un’azienda negli Stati Uniti, ha detto all'”agenzia di stampa” che il suo obiettivo era quello di scalare il punto più alto di sette continenti. .

“È molto orgoglioso di poter sventolare la bandiera tdbk sulla vetta più alta, voglio ringraziare il paese in cui sono cresciuto”, ha detto Uzun, riferendosi allo pseudo-stato. L’ascesa alla vetta del Monte Vinson in Antartide era la quinta parte del suo piano, che chiamò le “Sette Cime”, Ha aggiunto.

Con informazioni da Phileleftheros Kyprou

seguilo La voce di Atena su Google News e sii il primo a conoscere tutte le novità

KORONODOS: Aggiornamenti in tempo reale – Cosa dobbiamo sapere sul virus KORONOS – Informazioni continue qui

READ  Italia - Tornado colpisce l'isola di Panteleria provocando due morti

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.