Magia nei dettagli! Quale rituale ha aiutato il Real Madrid a vincere tre Champions League di fila?

Cosa serve per vincere il trofeo più prestigioso del club? Giocatori di qualità, fiducia, buona salute, grande tattica e, non ultima, fortuna. Sono necessari diversi fattori per vincere la Champions League, ma ci si può aiutare un po’ con la superstizione, come ha fatto il Real Madrid.

Nel calcio ceco, lo Slavia Praga è noto per le sue superstizioni, in particolare per la sua squadra di attuazione. Jindřich Trpišovský insieme a Zdeněk Huštěcký e Jaroslav Köstl hanno eseguito diversi rituali, che non sono cambiati se hanno vinto.

Tuttavia, tali ossessioni non sono rare, poiché sono abbastanza comuni ai livelli più alti. Quando il Real Madrid ha vinto una tripletta in Champions League nel 2016-18, ha completamente riscritto la storia del calcio, poiché nessuna squadra è mai riuscita a difendere questa competizione, figuriamoci due volte di seguito.

I giocatori dei Los Blancos aiutano anche con i loro rituali, in cui credono e portano loro fortuna. Pertanto, a Milano nel 2016, a Cardiff 2017 e a Kiev 2018 hanno osservato la stessa cosa.

Prima di entrare in cabina, diamo un’occhiata ai rituali della prima squadra. Il Real Madrid è entrato in finale nel 2017 e nel 2018 con una formazione completamente identica. E non è solo l’impostazione in campo, i giocatori sono modellati allo stesso modo durante i tiri di squadra.

Vengono persino presi dalla loro ossessione per un rituale così perfetto che le loro mani sono esattamente nello stesso posto. Modrič e Isco hanno la mano sinistra sul ginocchio sinistro, la mano destra sulla destra del compagno. Carvajal tiene con entrambe le mani i suoi compagni di squadra, Marcelo ha entrambe le mani sulle cosce dei suoi compagni di squadra. Casemiro aveva entrambe le mani sui piedi.

READ  Italia - Verso un pass verde a due velocità

Nella prima fila è interessante rivedere Cristiano Ronaldo. In entrambe le foto mette le mani su Benzem e Modric, ma non li tocca mai e li lascia per aria. Il tiro della squadra del Real Madrid contro la Juventus a Cardiff ha portato fortuna, quindi lo ha ripetuto in un anno contro il Liverpool. E porta di nuovo fortuna.

Ma ci sono più rituali. Il Real Madrid porta i suoi tifosi in un documentario dietro il sipario della preparazione “Nel cuore del decimo,” in traduzione: al centro de la decimy, il decimo titolo del club in Champions League. Los Blancos ha poi pubblicato lo stesso documento altre tre volte, solo con il titolo Undici, dal dodicesimo al tredicesimo».

Ed è in questi documenti che i tifosi possono vedere l’ossessione dei giocatori del Real per i loro rituali. Uno dei giocatori più scaramantici è Sergio Ramos, che ha fatto intravedere ai cameraman del club il loro allenamento in sala nei giorni di gara.

Il rituale Ramos inizia con la musica. La musica ad alto volume è stata trasmessa in tutta la stanza e il Capitano Real ha spiegato: “Prima di lasciare la stanza faccio sempre qualcosa per farmi muovere, e poi un po’ di flamenco. Suono anche questa fantastica canzone del mio amico Marc Anthony, che mi motiva molto”, disse Ramos.

Quindi ha proceduto a indossare il vestito e i gioielli. “Ho sempre messo tutto nello stesso ordine. Questo è il mio rituale.” ha spiegato il capitano del Real Madrid. “Tutte le collane sono state un regalo di mia madre. La Mano de Fatima, la croce, le mie iniziali, la croce Caravaca e l’occhio della felicità. Questo è l’amuleto che ho ancora. Spero che mi porti felicità come in altre finali”. ha ricordato a Ramos la strategia coerente nell’ultima battaglia.

READ  Suono l'organo per il principe danese, dice il romanziere storico

Quando il cameraman ha detto che Ramos non stava facendo colazione al mattino, lo spagnolo ha declassificato un altro rituale. “No, non sono mai giù nei giorni delle partite. Mi piace stare nella mia stanza con le mie cose, concentrarmi e tutto il resto”. Ma l’elenco dei rituali non finisce qui. “Dormo sempre sul lato sinistro del letto. Sempre. Lo faccio da anni”, disse Ramos.

Mentre l’icona del club reale si prepara a partire, non dimenticherà di menzionare ancora una volta il fattore molto importante per il successo. “Queste sono le mie cuffie del Real Madrid che ci hanno dato molta fortuna, quindi siamo pronti”. aggiunse Ramos.

Ma anche altri giocatori del Real Madrid mantengono il rituale. Ad esempio, lvaro Arbeloa ha rivelato in un documento che non faceva nemmeno colazione nei giorni delle partite. Toni Kroos deve riavere le sue scarpe da calcio, nessun portiere le toccherà.

Fonte: Real Madrid, Facebook | madridista

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.