Mario Draghi pulisce | politico

Si parlava da tempo di riforme in Italia: il nuovo presidente del Consiglio iniziò ad attuarle.

In italiano c’è una parola alata: “Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare”. su un ponte progettato e mai realizzato sullo Stretto di Messina.

Il rapporto tra l’Italia continentale e la Sicilia è stato discusso in Italia fin dai tempi di Garibaldi. Centinaia di milioni di euro sono stati spesi per studi e piani di costruzione, ci sono progetti pronti da realizzare e un consorzio chiamato Eurolink dovrebbe realizzare un ponte di tre chilometri. La macchina da costruzione non è mai stata utilizzata, ma l’esercito di avvocati ha citato in giudizio lo stato italiano per conto di Eurolink per 700 milioni di euro di danni dopo che il progetto del ponte è stato fermato politicamente.

Finora, la maggior parte delle riforme sono state simili: ogni nuovo governo – e negli ultimi dieci anni ce ne sono stati otto – annuncia piani per modernizzare l’Italia e rendere l’economia di nuovo competitiva dopo due decenni di crisi. Ma ancora e ancora il mare era tra i due. L’ex speranza, Matteo Renzi, ha promesso “riforma ogni mese” con vigore giovanile nel 2014 – due anni dopo ha fallito a causa del suo progetto principale, la revisione della costituzione.

L’unica riforma degna di nota negli ultimi anni è stata attuata da Mario Monti nel 2012: ha portato l’età pensionabile a cinque anni. Nel 2019, queste riforme sono state annullate sotto la pressione dell’allora ministro dell’Interno populista di destra Matteo Salvini. Tuttavia, l’ex capo della Bce e primo ministro in carica Mario Draghi non ha né il desiderio di riforma né le competenze necessarie per affrontare la tardiva ristrutturazione dell’Italia. A testimonianza della sua determinazione si trova il “Piano nazionale per la ricostruzione e la resilienza” (PNRR) che il governo ha inviato il 30 aprile alla Commissione dell’Unione Europea.

Ha descritto il progetto di utilizzo di circa 200 miliardi di euro che l’Italia vuole affrontare grazie all’aiuto del fondo UE per la ricostruzione Next Generation. Il capitolo sui piani di riforma del PNRR conta ormai quaranta pagine: nella precedente bozza di governo di Giuseppe Conte era solo una pagina. Le riforme più importanti che il nuovo governo ha intrapreso riguardano l’amministrazione dello Stato e quindi la burocrazia ridondante e la magistratura inefficiente.

Fare un uso migliore dei soldi dell’UE

Si tratta di due ambiti che da decenni paralizzano il Paese e l’economia e mettono a rischio anche la realizzazione di vari progetti di ricostruzione. Il pericolo principale non è che 200 miliardi penetrino in qualche canale oscuro o vengano sprecati in progetti inutili: che ciò non accada, Draghi si considera una garanzia. Al contrario, la preoccupazione più grande del presidente del Consiglio è che i soldi non fluiscano in primo luogo poiché i burocrati e le istituzioni italiane non saranno in grado di attuare i progetti pianificati entro le scadenze ravvicinate fissate dall’UE.

Le preoccupazioni di Draghi sono fondate: tra il 2014 e il 2020, infatti, l’Italia ha richiesto solo il 40 per cento circa dei fondi approvati da Bruxelles ai fondi strutturali dell’Ue. A causa della non chiara delimitazione delle competenze tra Stati e regioni, nonché delle innumerevoli possibilità di ricorso e dei lunghi procedimenti biblici da parte dei tribunali, in Italia sono bloccati da anni decine di grandi progetti per un volume complessivo di quasi 120 miliardi di euro, nonostante la loro finanziamento garantito a lungo.

A metà aprile Draghi ha nominato un totale di 29 commissari per questi 57 grandi progetti che, grazie a poteri speciali, sono stati in grado di aggirare gli ostacoli burocratici e promuovere l’attuazione dei progetti. Tuttavia, la nomina di un commissario straordinario non è una soluzione permanente.

Draghi dovrà modificare o abolire innumerevoli leggi affinché l’efficienza dell’emergenza diventi la norma nelle operazioni amministrative quotidiane. Ha dovuto anche dare una mano con una normativa che in realtà sembrava indispensabile, come la severa normativa antimafia: Perché molti funzionari: addetti ai lavori lavorano per paura di essere accidentalmente presi di mira dai pubblici ministeri – e preferiscono lasciare i progetti in un cassetto evanescente solo per evitare fare errori.

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.