Molte pagine rimangono bloccate: gli Stati Uniti rilasciano più documenti riservati sull’assassinio di Kennedy – politica

Il governo degli Stati Uniti ha rilasciato molti altri documenti sigillati relativi all’assassinio dell’ex presidente John F. Kennedy nel 1963. Quasi 1.500 documenti dei servizi di intelligence stranieri della CIA degli Stati Uniti e della polizia federale dell’FBI sono stati pubblicati mercoledì sul sito Web degli archivi nazionali degli Stati Uniti. Mostrano la portata degli sforzi degli investigatori statunitensi per trovare possibili complici o clienti dell’assassino di Lee Harvey Oswald.

Sono stati esaminati i possibili collegamenti con i servizi segreti dell’Unione Sovietica, i gruppi comunisti in Africa e la mafia italiana. I documenti mostrano anche come gli Stati Uniti abbiano spiato il governo comunista di Fidel Castro a Cuba, che era legato a Oswald e il cui rovesciamento era l’obiettivo di Kennedy.

[Wenn Sie alle aktuellen Nachrichten live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Il 22 novembre 1963, il democratico americano Kennedy fu ucciso mentre guidava un’auto scoperta a Dallas, in Texas. Molte teorie cospirative si sono sviluppate intorno al tentativo di omicidio del carismatico presidente, che ha suscitato stupore in tutto il mondo.

Le indagini ufficiali successive alla morte di Kennedy sono giunte alla conclusione che è stato colpito da un sicario solitario Oswald, che è stato a sua volta assassinato due giorni dopo dal proprietario del locale notturno Jack Ruby. Quella versione è stata ripetutamente messa in discussione dai teorici della cospirazione davanti a tutti.

[Aktuell beliebt auf Tagesspiegel Plus: „Ich bin Thomas, erinnerst du dich?“ Wie ein verpasster Kuss zwei Leben prägt (T+)]

Si ipotizza che i simpatizzanti comunisti di Oswald fossero di stanza a Kennedy da Cuba o dall’Unione Sovietica – o da gruppi ostili a Cuba con l’aiuto dell’FBI. Altri credono che dietro l’assassinio del presidente possano esserci rivali politici.

La discussione sui retroscena del tentativo di assassinio di Kennedy è divampata attraverso il film del 1991 “JFK – Tatort Dallas” del regista americano Oliver Stone. L’anno successivo, la legislazione ha ordinato la pubblicazione di quasi tutti i documenti sulla morte di Kennedy – per un totale di oltre cinque milioni di pagine – entro 25 anni, cioè nel 2017. Sono possibili eccezioni per motivi di sicurezza nazionale.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rilasciato più di 53.000 documenti in sette fasi. Secondo l’Archivio Nazionale, ciò corrisponde all’88 percento di tutti i documenti. Migliaia di altri documenti restano bloccati, con riferimento alla sicurezza nazionale. Anche il successore di Trump, Joe Biden, ha ritardato la pubblicazione del documento per evitare “danni alla difesa militare, alle operazioni di intelligence, al lavoro di polizia o alla politica estera”.

L’esperto di Kennedy Philip Shenon ha scritto mercoledì sul portale di notizie “Politico” che alcuni dei documenti potrebbero non essere mai pubblicati, alimentando ulteriormente le teorie del complotto. “Finché il governo nasconderà alcuni documenti, rafforzerà l’idea che ci sia una base di fatto per la cruda cospirazione che ha portato alla morte di Kennedy”. (AFP)

Aroldo Giovinco

"Amante della musica aspirante. Scrittore. Avido esperto di birra. Lettore pluripremiato. Studioso di social media. Esperto di cibo a misura di hipster. Pioniere della TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.