N. Dendias: La Grecia ha l’argomento più moderno contro la Turchia

Il ministro degli Esteri, Nikos Dendias, ha fatto un riferimento speciale alle relazioni greco-turche, intervenendo domenica durante l’assemblea generale annuale delle associazioni imprenditoriali e industriali del Peloponneso e della Grecia occidentale, svoltasi a Patrasso.

In particolare, come dice lui, “le argomentazioni del greco sono abbastanza, assolutamente convincenti, e nel suo arsenale ci sono le argomentazioni più moderne del diritto internazionale”. “Al contrario”, ha proseguito, “le posizioni della Turchia non reggono a nessuna critica, sono una manifestazione del revisionismo neo-ottomano, parte dell’ideologia della cosiddetta superpotenza regionale, che cerca di imporre la propria volontà minacciando il suo potere contro i suoi vicini».

Ha aggiunto: “Spero davvero che la Turchia veda chiaramente che questa politica è bloccata, torni sulla strada della convergenza verso l’Unione Europea, i valori europei e mondiali e capisca che la Grecia può essere un ponte verso l’Europa, un ponte verso una migliore futuro. , che credo fermamente in una parte molto importante del popolo turco e della società turca, vale a dire, ogni volta che viene data l’opportunità di parlare liberamente e fermare i tentativi di limitare la futura società turca e greca”.

Proseguendo, Nikos Dendias sottolinea che “in rivendicazioni e rivalità risalenti al secolo scorso e ad epoche passate, va spiegato alla Turchia che la politica del tiratore, la politica del grande Suleiman nel Mediterraneo, appartiene interamente ad un’altra epoca, ovvero a Su nel 19° secolo. 16, o navi da guerra nel 19° e all’inizio del 20° secolo. Ma per niente nel 21° secolo.”

“Ma non ho molto ottimismo”, ha detto Nikos Dendias, sottolineando che “la nostra risposta è l’unità nazionale, la solidarietà nazionale, la nostra capacità di promuovere la nostra posizione e la nostra convinzione che, indipendentemente dai parametri, questo Paese è forte e può, in base alla sua proprie forze armate e la forza della società e della sua economia, difendendo i diritti nazionali e il futuro della prossima generazione”.

Inoltre, Nikos Dendias ha affermato nel suo discorso che quando gli è stato conferito il grande onore di assumere la carica di ministro degli Esteri, “credo che saremo in grado di trovare un codice di comunicazione con la Turchia e risolvere le uniche divergenze che abbiamo, vale a dire quella continentale piattaforma e la zona economica esclusiva nel mare che ci circonda.”

Ha aggiunto: “Il mio ottimismo è cresciuto, perché dopo 50 anni siamo riusciti a risolvere la questione con l’Italia e abbiamo firmato il relativo accordo, abbiamo risolto il problema con l’Egitto e io ho firmato il relativo accordo, abbiamo risolto il problema con l’Egitto. “Io e l’Albania crediamo che dopo l’elezione del nuovo presidente potremo procedere con la firma di un accordo con l’Albania e sottoporre la nostra controversia all’Aia”.

“Quindi con questa percezione – ha aggiunto – pensavo che la Grecia sarebbe stata in grado di trovare un codice di conciliazione con la Turchia e di risolvere la nostra controversia, ma purtroppo questa è una previsione completamente sbagliata”.

Ha proseguito dicendo che “siamo di fronte a una continua espansione di argomenti e rivendicazioni contro il nostro Paese, al di là del diritto internazionale, al di là di ogni logica” e ha aggiunto: “Cito il memorandum turco, che condivide il disprezzo del fatto che secondo il diritto internazionale le isole Le isole hanno gli stessi diritti dell’interno, cioè le acque territoriali e anche le acque territoriali fino a 12 miglia, ma anche la zona economica esclusiva e la piattaforma continentale.

Per chiarire l’assurdità di questo accordo, immaginate la Grecia che firma una zona economica esclusiva con la Spagna, ignorando che l’Italia è nel mezzo.

E anche l’ideologia della patria blu, la percezione che le isole greche dell’Egeo orientale si trovino sulla piattaforma continentale turca e non abbiano altro diritto, ovvero che dovrebbero essere tagliate fuori dal tronco greco a cui appartenevano con il Trattato di Losanna.

Peggio ancora, hanno aggiunto l’anno scorso una nuova argomentazione secondo cui la sovranità della Grecia sulle isole dell’Egeo orientale si basa su un trattato smilitarizzato, altrimenti la sovranità greca non è assoluta, ma relativa. “Di conseguenza, viene contestato indirettamente ma molto chiaramente dalla parte turca”.

“Abbiamo risposto a tutto questo con una serie di lettere, l’ultima delle quali è stata inviata alle Nazioni Unite qualche giorno fa ed è forse la più interessante in termini di diritto internazionale”, ha affermato.

Fonte: -ΜΠΕ

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.