“Nessuno vuole protestare alla sua porta”: Siches chiede empatia per i residenti di Plaza Italia | Nazionale

Izkia Siches, candidata ministro dell’Interno, ha invitato i movimenti sociali a provare empatia per i cittadini di Plaza Italia, dopo le continue proteste. “Nessuno vuole protestare alla loro porta”, ha detto.

Il futuro Ministro dell’Interno e della Pubblica Sicurezza, Izkia SichesSi riferiva alla situazione Piazza Italia e il centro di Santiago, a causa delle proteste in corso nella zona dopo l’epidemia sociale.

Parlando a Canale 13, gli operatori sanitari hanno chiamato Organizzazione socialea causa del programma presidenziale (e) Gabriele Boric è trasformativo, ma necessario per assicurare la pace.

“Per me come nuovo ministro dell’Interno Devo garantire la pace. Voglio chiamare tutte le organizzazioni sociali. Questo programma è molto trasformativo, farà bene al Cile. Guarderà agli sfollati, ma dobbiamo anche garantire (pace)”, ha sottolineato.

Inoltre, ha rivelato che “non voglio cadere nel cliché di gioca benema chiaramente ci indeboliscono (…) La distruzione dell’ordine pubblico, la distruzione degli immobili, quello che è successo alle PMI a ground zero è qualcosa che mi preoccupa”.

“Voglio che viviamo in un paese più ordinato, che è chiaramente sviluppato, ma senza dubbio, senza permettere agli eccessi di governare il nostro Paese”Ha aggiunto.

Insieme a questo, ha dichiarato che avrebbe parlato con il direttore generale dei Carabineros, Ricardo Yáñez, di uso di armi non letali; e avanzerà nell’opera di protezione del popolo di Baquedano.

“Dobbiamo andare più a fondo, caratterizzare chi sono queste persone e, si spera, vedere come proteggere le persone che vivono nella regione. Qualcosa che è fondamentale qui è l’empatia. Nessuno voleva protestare alla loro porta.indipendentemente da dove vivi. E ci sono persone che vivono, c’è chi lavora nel commercio e le loro vite cambiano radicalmente”, ha spiegato.

Ha anche affermato che “che empatia Questo è ciò che mi aspetto da un movimento sociale che richiede richieste giuste e necessarie e per il quale lavoriamo instancabilmente, ma senza dubbio richiederà il mantenimento dell’ordine pubblico”.

Gerardo Consoli

"Studente professionista di alcol. Drogato di bacon. Evangelista del web. Pensatore per tutta la vita. Appassionato di caffè. Appassionato di tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.