Netflix pagherà milionari in Italia per dirimere contenzioso fiscale | Economia

Si chiude così l’inchiesta sul gruppo statunitense per evasione fiscale. Le autorità italiane hanno raggiunto accordi simili con giganti della tecnologia come Facebook, Google, Amazon e Apple.

Gigante dello streaming Netflix pagherà all’erario italiano 55,8 milioni di euro (circa 59 milioni di dollari a cambi correnti) per chiudere un contenzioso fiscale con lo Stato in riferimento al periodo compreso tra il 2015 e il 2019.

La Procura di Milano ha comunicato in una nota di aver raggiunto un accordo con la multinazionale affinché effettui il versamento di “55.850.513 euro in un’unica rata di tasse, sanzioni e interessi per saldare i debiti tributari pendenti con l’Amministrazione finanziaria italiana per il periodo compreso tra ottobre 2015 e 2019”.

Si chiude così un’indagine aperta tre anni fa dalle autorità italiane nei confronti di un gruppo americano per evasione delle tasse.

Netflix, dal canto suo, ha aperto lo scorso gennaio la sua prima sede fisica in Italia, costituita nella capitale, Roma.

Le autorità italiane hanno raggiunto accordi simili in passato con giganti della tecnologia come Facebook, Google, Amazon e Apple.

Facebook ha raggiunto un accordo nel 2018 per pagare 100 milioni di euro all’erario italiano per regolare la propria situazione fiscale, mentre Apple ha accettato a dicembre 2015 di pagare 318 milioni di euro, Google ha accettato a maggio 2017 di pagare 306 milioni di euro e il colosso del commercio online Amazon si è impegnato a pagare 100 milioni di euro a dicembre 2017.

L’anno scorso, l’OCSE ha raggiunto un accordo con 136 paesi per stabilire a Tassa minima globale del 15% per le multinazionali con l’obiettivo di realizzare un sistema fiscale più equo e di impedire loro di usufruire dei regimi fiscali compiacenti e non imponibili in cui operano.

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.