Non mettere in imbarazzo la Russia, nonostante i suoi errori con l’Ucraina – Sostieni Macron e i suoi avversari

Emanuel Macron è sostenuto dai suoi oppositori francesi nella nuova faida scoppiata tra il presidente francese e il governo di Volodymyr Zelensky in Ucraina in occasione del suo appello a non mettere in imbarazzo la Russia.

L’umore nelle relazioni franco-ucraine si è intensificato nel fine settimana dopo che Macron ha detto alla stampa regionale francese che, nonostante gli “errori storici e fondamentali” commessi da Vladimir Putin nell’attaccare l’Ucraina, gli alleati “non dovrebbero mettere in imbarazzo la Russia”. insediamento pacifico.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

La prima reazione arrabbiata di Kiev è arrivata dal ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba, che ha affermato che tali colloqui “solo la Francia può mettere in imbarazzo qualsiasi altro paese”. Perché la Russia si sta umiliando. Meglio concentrarsi su come mettere la Russia al suo posto. “Questo porterà pace e salverà vite”, ha detto Kuleba in un post su Twitter.

Il testimone è stato poi preso dal presidente ucraino Zelensky, che si è detto “scioccato” dall’insistenza di Macron. “Alcune persone vogliono essere leader. “Per essere un leader, non devi pensare a te stesso in questo modo, ma comportarti in questo modo”, ha commentato Zelenski in modo tagliente, aggiungendo: “Come possiamo raggiungere un cessate il fuoco sul territorio ucraino senza ascoltando la posizione dello Stato e senza ascoltare la posizione del leader di questo Paese? È stato molto, molto impressionante”.

Macron ha cercato di costruire un ponte tra la Russia e l’Occidente, descrivendo il ruolo della Francia come “potenza di mediazione”. Ha ricordato di aver parlato più volte con Vladimir Putin – su richiesta del suo omologo ucraino Zelensky – dal 24 febbraio, quando il presidente russo ha inviato truppe in Ucraina. Nonostante i suoi sforzi per mantenere il Cremlino aperto al pubblico, non è stato in grado di ottenere concessioni dalla Russia, che ha ulteriormente intensificato le sue tattiche brutali sul campo di battaglia. Nei paesi dell’Europa orientale, dove i ricordi del totalitarismo sovietico e dell’occupazione militare sono ancora freschi, credono i leader “Politica di pacificazione ingenua” chiede il mantenimento di linee di comunicazione aperte con Mosca.

Melanson – Le Pen sostiene Macron contro Kiev

Le relazioni franco-russe hanno una lunga storia e, nonostante la loro campagna contro Macron alla vigilia delle elezioni parlamentari francesi, sia il neocomunista Jean-Luc Melanson che il leader di estrema destra dell'”Allarme Nazionale” ed ex candidato alla presidenza, Marin Le Pen , si precipitò contro Kiev. “L’Ucraina non dovrebbe parlarci in questo modo, perché la Francia invia loro armi, è presente e sostiene il popolo ucraino”, ha detto ieri Melanson alla radio francese France Inter. “Tra 10 o 15 anni, la Russia tornerà al tavolo dei negoziati”.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Macron: Putin ha commesso “un errore storico e fondamentale” con la guerra in Ucraina, isolata a livello internazionale

La dura critica di Zelensky a Macron: per essere un leader, devi comportarti anche così

Nel frattempo, Lepen ha osservato che Macron era “vero che sta cercando di trovare un modo per porre fine alla guerra attraverso il dialogo”. Ha aggiunto di non aver compreso le critiche di Zelensky a Macron, poiché il presidente ucraino aveva affermato che “l’unica soluzione è attraverso la diplomazia”.

Come le relazioni Macron-Zelensky “si sono rotte”

Il rapporto di Macron con Zelensky ha avuto un inizio forte, poiché i due leader avevano la stessa età ed erano considerati estranei nella lotta per il potere. Macron aveva effettivamente invitato Zelensky in Francia nel giugno 2019.

Ma dallo scorso febbraio, il clima tra Parigi e Kiev è peggiorato poiché Macron si rifiuta di definire le azioni della Russia in Ucraina un “genocidio” e Putin un “dittatore”. Macron è uno dei pochi leader europei che non ha visitato Kiev dall’inizio dell’invasione.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO LA PUBBLICITÀ

Parlando in un’intervista alla televisione italiana il mese scorso, Zelensky ha detto che Macron aveva suggerito diversi modi per l’Ucraina di cedere il suo territorio alla Russia per porre fine alla guerra. I consiglieri presidenziali francesi negano che abbia mai chiesto a Kiev di fare concessioni a Mosca e insistono sul fatto che Macron coordini sempre la sua posizione con Zelensky prima di parlare con la sua controparte russa.

Seguilo su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, su

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.