Norbert è tornato dietro i fornelli

L’M6 sta ancora cucinando! A partire da questo lunedì, il canale trasmette ogni giorno un nuovo programma di cucina a partire dalle 18:40. In “Chefs domicile”, Norbert Tarayre, che ha condotto diversi programmi su M6 dalla sua apparizione in “Top Chef” nel 2013, affronta a turno l’ex candidato simbolo della competizione, la cui tredicesima stagione è in corso.

Immagina il menu dalle istruzioni

Questo pomeriggio e per il resto della settimana sarà Merouan Bounekraf, il candidato “Top Chef” di tre anni fa, a cucinare al fianco di Norbert. In questo nuovo programma adattato dal programma tedesco, ognuno di loro deve immaginare un pasto per ospiti che hanno determinate aspettative: un pasto di compleanno, una cena con gli amici… La difficoltà? Gli chef hanno solo pochi indizi per indovinare cosa vogliono i loro clienti per la giornata.

Il conduttore Jérôme Anthony, con la famiglia o gli amici che degusteranno il menu, invia foto, messaggi o persino musica agli chef per dare loro un’idea, in forma crittografata, dei loro gusti. Quando iniziano a preparare i loro piatti, gli chef devono spesso rivedere le loro idee quando nuovi indizi si rivelano l’opposto di ciò che pensavano di aspettarsi, costringendoli a cambiare costantemente le loro ricette. “Un cuoco per me, deve essere un camaleonte, che sa adattarsi a tutte le situazioni”, ha detto Merouan. E questa capacità è testata in “Home Chefs”. Nessuno spreco, però: tutte le preparazioni che non finiscono nel piatto vengono allegramente assaporate dal team tecnico, o da Jérôme Anthony, al quale gli chef portano una ‘doggy bag’ oltre al menù.

Lo chef si improvvisa come fattorino di cibo

Difficoltà aggiunta: i menu vengono consegnati dallo chef stesso, su un furgone nei colori dello spettacolo. Pertanto, è necessario fornire cibo che rimanga ordinatamente nella sua scatola e non richieda tempo di viaggio. M6 dice di volersi avvicinare ai nuovi confini che molti ristoratori conoscono dall’inizio della crisi sanitaria.

Ogni giorno, i due chef vengono giudicati dagli ospiti, per determinare il vincitore finale del duello alla fine della settimana. Dopo Merouan, Norbert affronterà Mohamed Cheikh, che l’anno scorso ha vinto “Top Chef”, poi Pierre Augé, il candidato simbolo per la prima stagione, e Noëmie Honiat, che ha gareggiato nella stessa stagione di Norbert.

Norberto sotto pressione

Con questo programma, Norbert è tornato dietro ai fornelli, come abbiamo visto di recente come giudice a “La Meilleur boulangerie de France”. Per lui era un desiderio e una fonte di stress: “Recentemente sono diventato più un business manager, quindi ho chiesto a M6 di tornare in cucina. Ecco, sono stato servito! I primi giorni ero molto teso”, ha detto.

Sullo schermo è ancora un comico, ma ammette che internamente ha meno assicurazioni. Aveva persino paura dell’alto livello del suo avversario. Ma soprattutto ha realizzato il “sogno” che custodiva da tempo: competere con Pierre Augé, chef che aveva fatto colpo fin dalla prima stagione di “Top Chef”.

Se c’è un punto su cui i cinque chef sono d’accordo, è nell’intensità del ritmo imposto loro da questa competizione: “Dopo una settimana, sono esausto! ricorda Noëmie. Passano i giorni, la competizione si intensifica solo tra gli avversari, determinati a fare sempre di più rispetto al giorno prima.

Un programma che dovrebbe rispecchiare la realtà della cucina

Mentre gli accenni a volte possono sembrare eccentrici (per indicare che a un ospite non piacciono i frutti di mare, Jérôme Anthony gli chiede di cantare: “Su una spiaggia abbandonata… senza conchiglie…”), tutti gli chef dicono che questo è molto simile alle condizioni in cui lavorano ogni giorno. Pierre ritiene che sia prezioso avere “giudizi non dello chef ma del cliente”, mentre Norbert promette: “Vedrai cosa sperimentiamo ogni giorno nel nostro ristorante”.

“Domicilio degli chef”, servito da Jérôme Anthony, dal lunedì al venerdì dal 25 aprile alle 18:40 sulla M6.

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.