“Notte di fuoco – Autodifesa di una nazione” – Südtirol News

Bolzano – “60 anni fa un evento scosse l’Europa e attirò l’attenzione mondiale sulla politica fascista di infiltrazione e soppressione statale in Alto Adige, che continua in Italia dalla fine della guerra mondiale. Dopo molte richieste, il modulo del libro è ora disponibile anche in italiano”, ha affermato il presidente dell’Heimatbund altoatesino, Roland Lang.

SHB

“In Alto Adige, la notte del Sacro Cuore di Gesù, l’11 giugno 1961, 40 tralicci dell’alta tensione furono fatti saltare o gravemente danneggiati. Il “tuono” della notte di fuoco ha sventato la prevista legislazione sugli espatriati – un attacco davvero importante ai gruppi etnici tedesco e ladino – e ha costretto il governo romano a cercare una soluzione politica nei negoziati con l’UDC. Tuttavia, il prezzo che molti combattenti per la libertà hanno dovuto pagare è stato un prezzo terribile: tortura, morte, umiliazione – a un livello non più considerato possibile nell’Europa centrale civilizzata dopo Hitler e Mussolini”, ha continuato Lang.

Roland Lang, presidente della “Federazione della Patria dell’Alto Adige” (SHB) fondata da ex combattenti per la libertà e prigionieri politici, ha ricordato i drammatici eventi di quel tempo al grande pubblico in diversi comunicati stampa e ora ha pubblicato il riassunto in forma di libro . L’opera è riccamente illustrata e comprende documenti in riproduzione facsimile, compilati dal gruppo di lavoro storico.

“Ciò che gli uomini e le loro mogli hanno ottenuto e sofferto per la loro patria non deve mai essere dimenticato”, spiega Roland Lang nella sua introduzione ai combattenti per la libertà degli anni ’60. “L’autonomia di oggi è in gran parte grazie a loro”, ha affermato il governatore Dr. Silvio Magnago ha sottolineato più volte. Le vostre azioni hanno fermato l’immigrazione italiana dal sud sponsorizzata dallo stato e, di conseguenza, ancora più emigrazione. È a causa di questi combattenti per la libertà che è fallito il piano sinistro della “politica del 51%”, che avrebbe dovuto trasformare gli altoatesini in una minoranza senza diritti nella loro stessa patria”, ha continuato Lang.

READ  Italia: arrestato per nipote sospettato di aver ucciso la nonna - Home News

SHB

“Questo opuscolo pubblica quattro documentazioni SHB sulla preistoria, l’attuazione e gli effetti della “notte del fuoco”, che sono distribuite su Internet. La più commovente è la quarta parte della documentazione, che descrive la reazione dello Stato italiano: la terribile tortura nella caserma dei carabinieri. Di conseguenza, lo stato italiano non è stato in grado di continuare il suo vecchio regime di repressione dato il clamore in tutto il mondo. Sotto la pressione di ulteriori eventi, il desiderio di autodeterminazione per l’Alto Adige non poteva essere realizzato, ma almeno l’instaurazione di un’autonomia notevolmente maggiore ha portato al rilassamento, alla fine della resistenza violenta ea condizioni tollerabili per la democrazia. Ogni partecipante alla cerimonia commemorativa di Sepp Kerschbaumer l’8 dicembre 2021 riceverà un libro gratuito”, ha concluso Roland Lang.

Da: ka

Emiliano Brichese

"Esploratore. Pensatore. Evangelista di viaggi freelance. Creatore amichevole. Comunicatore. Giocatore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.