Numero due con un anno di ritardo

Il campionato di F1 di quest’anno ha preso il via con la Ferrari che ha verificato quanto sentito nella sua presentazione e confermando il ruolo di favorita. Charles Leclerc dopo appena tre gare guadagnando un cuscino di sicurezza in vetta alla classifica, la Scuderia ha approfittato dei guai e dei fallimenti dei suoi diretti rivali in fabbrica, in una situazione che sembra se non altro favorevole, considerando il seguito. Tuttavia, in tutto questo, c’è una contraddizione, che viene chiamata con il nome di Carlos Sainz. No, non è una novità che lo spagnolo sia chiaramente dietro al compagno di squadra, ma ci si aspetta davvero qualcosa del genere, dopo la fine dello scorso anno?

Guardando indietro nel tempo, l’annuncio della sostituzione di Sebastian Vettel con Carlos Sainz nell’estate del 2020, ha naturalmente creato la percezione che il team italiano avesse scelto un pilota sicuro che non avrebbe causato polemiche e problemi all’interno, con Leclerc sempre il numero uno indiscusso . Gli sviluppi stagionali potrebbero non confermare quanto ascoltato. Sainz ha avuto una grande carriera, è probabilmente il pilota più coerente, dopo due sfidanti per il titolo e, soprattutto, conosce il suo nuovo ambiente di squadra più velocemente tra coloro che scelgono di cambiare campo. Ha quattro podi – tre se battiamo l’Ungheria dove ha sfruttato l’eccezione di Vettel – mentre in otto occasioni è stato in grado di andare più veloce in qualifica, contro ottimi qualificati come Leclerc. Il culmine di tutto questo è il quinto posto nella classifica piloti di fine stagione, davanti ai compagni di squadra. Una conseguenza incomparabile e un gigantismo minimo da aspettarsi da esso.

Ciò è supportato anche dagli anni mediocri trascorsi dallo stesso Leclerc, se teniamo conto delle sue capacità e dei suoi talenti. Entro il 2022, si è saputo prima della fine dell’anno precedente che la Ferrari si stava preparando per un importante contrattacco, che era giunto il momento per il cavallino rampante di correre in una nuova stagione di F1, un ritorno all’antica gloria e al successo. così carente in rosso negli ultimi 15 anni. Dai test di sviluppo infatti è emersa la F1-75, diventata in pratica un punto di riferimento, una vettura che fin dall’inizio ha avuto velocità, stabilità e affidabilità rispetto alla concorrenza diretta. Continuando dall’anno scorso, è stata una buona opportunità per Carlos Sainz di rivendicare direttamente la sua prima vittoria in questo sport e qualcosa di più è possibile. Tuttavia, dopo tre partite quest’anno, non solo questo non è confermato, ma crea un senso di inganno, che può sembrare eccessivo, a coloro che credono nella dinamica, me compreso.

Immagina l’intrigo e il fascino che creerebbe una famiglia contro la Ferrari. Una battaglia tra due piloti. Certo, se guardiamo indietro alla ricca storia della F1, non si trova quasi mai in una situazione del genere in una squadra che rivendica il titolo, non ha un lieto fine. Le ragioni ci sono, ma la realtà conferma quanto vale a inizio 2021. Sainz è sicuramente il numero due, cosa che si certifica con un anno di ritardo. Anche se ammettiamo di essere a un punto molto iniziale della stagione, a rischio di essere completamente smentito, Carlos Sainz non solo non minaccerà Charles Leclerc, ma avendo giocato come lui nelle sue precedenti partite in Australia, gli sta dando il spazio e il diritto di sfidare le sue capacità. Da quando il suo primo tentativo in Q3 è stato interrotto sabato e poi, lo spagnolo ha perso l’equilibrio e si è comportato spensierato, con un finale deludente. Questo è quando lo farà la Ferrari Dovrebbero per chiarire finalmente il ruolo in esso. Sainz doveva sostenere adesso, non poteva fare altrimenti.

Negligenza come quella di Melbourne è costata punti preziosi alla sua squadra ed è certo che gli inseguitori non saranno costantemente e costantemente ad affrontare fallimenti e disgrazie, nella maratona di quest’anno. Se avessimo considerato la questione in modo obiettivo, ci si sarebbe potuti aspettare. A Maranello si contano i fagioli, la priorità è determinata da una procedura breve, senza pensarci due volte. Dopo l’era Villeneuve-Pironi, quattro decenni fa, ci sono stati diversi casi in cui due nomi potenti sedevano nell’abitacolo di due vetture della Scuderia. Ma è sempre chiaro chi ha il sopravvento e chi ha un ruolo di supporto, sia all’improvviso che in modo evidente. A distanza di anni dal successo, Leclerc sembra aver gettato le basi per il suo ritorno al trono, quindi è tempo di gettare le basi. Potremmo non sapere mai quale fosse l’apice delle abilità di Carlos Sainz, almeno non nell’ambiente in cui si trova ora, ma a giudicare dal breve tempo che gli è stata data l’opportunità di sbloccarle, allora è probabilmente un pilota mediocre, che raggiunge i cieli, il cielo.

Qualcuno me lo dirà, ma ha due podi e questo è un numero Terzo in classifica. Certo, ma dimmi quale macchina stava guidando e in quali condizioni ha segnato 33 punti all’ora. In Bahrain ha approfittato della doppia rinuncia delle Red Bulls ea Jeddah della sfortunata situazione del pit stop di Sergio Perez. In entrambi i casi, non sembra essere fondamentalmente una minaccia per i suoi compagni di squadra e, soprattutto, non aiuta nella battaglia strategica, quando l’auto rossa viene minacciata da un toro furioso. Carlos Sainz è un degno seguace delle opere di Irvine, Barrichello, Massa, Raikkonen. Se si stabilizza e allevia lo stress che lo governa, si posizionerà accanto ai nomi sopra citati e contribuirà al successo di tutti che indicano che presto seguiranno. Tutto questo fino a quando la Ferrari non ha trovato qualcosa di meglio e lo ha sostituito. Round numero due Maranello…

Seguici su Indonesia, Instagram, Youtube, Disputa e Spotify

Riccarda Fallaci

"Imprenditore. Comunicatore pluripremiato. Scrittore. Specialista di social media. Appassionato praticante di zombie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.