“Nuovi dati in greco-turco”

L’imminente concorso elettorale in Turchia ha portato al culmine della retorica aggressiva di tutto lo spettro politico sulla “zona grigia”, la smilitarizzazione delle isole, la “patria blu”, ecc.

Ciò significa che anche in caso di sconfitta di Erdoan e dominio kemalista, la possibilità di un percorso consensuale verso la giurisdizione internazionale è zero. Gli sviluppi dell’Ucraina evidenziano ulteriormente il ruolo della Turchia nella NATO, quindi anche le possibilità di una pressione occidentale su di essa sono scarse. Quindi le possibilità di essere ancora più scoraggiati sono molto alte.

Ma cosa c’è in gioco qui? Urlando e urlando per i forti dell’isola e immaginando cambi di nome e altri idioti non ha nulla a che fare con la realtà da cui ci proteggiamo. Potrebbero non aver firmato alcun trattato internazionale sul diritto del mare, ma le piattaforme continentali di quei paesi esistono ipso facto e non abbiamo bisogno di alcun trattato con loro per dichiararli e installare, ad esempio, la nostra potenza sottomarina e quella di Israele Linee. Per la sistemazione della ZEE sono necessari accordi con i vicini, fianco a fianco o contrari. Abbiamo bisogno della ZEE con l’Italia e abbiamo bisogno dell’Albania, della Libia e dell’Egitto per continuare lo sfruttamento degli idrocarburi in Ionia e nel sud-ovest e nord di Creta. Ma così lontano.

Nonostante il riaccendersi dell’interesse per l’attività mineraria, il problema è – vista la crisi climatica e l’accordo per cambiare il mix energetico – anticipare, maturare condizioni, considerare in modo efficiente anche i suddetti appezzamenti marini, che sono stati ricercati e premiati in ambito internazionale gruppi. A parte i pozzi oggi conosciuti, in nessun altro posto del Mediterraneo orientale si svilupperebbe l’estrazione di idrocarburi, perché non c’era alcuna preparazione. Quindi il nostro accordo con la Turchia sulla delimitazione della ZEE su entrambi i lati del 30° meridiano non ha ovviamente conseguenze economiche. Quindi, anche se ciò non è accaduto, Venezia ha perso l’ago.

Un’altra cosa è ogni tentativo dei vicini, di cercare, di impedire in pratica i nostri accordi con Egitto e Libia -quando c’è un governo lì-. Questo è un caso di acquisto.
Naturalmente c’è il Mar Egeo. Lì, la pesca e ora forse le più importanti fonti di energia rinnovabile (parchi eolici, oceani e piccole isole, in seguito anche l’energia delle onde) rendono essenziale la pianificazione dello spazio marino.

Abbiamo bisogno dell’approvazione del vicino per questo? Ovviamente no!

L’estensione delle acque territoriali a 12 miglia nautiche è un diritto sovrano non negoziabile. Insieme copre il 72% del Mar Egeo. Risolvi tutti i problemi da solo.

Non abbiamo assolutamente bisogno di essere aggressivi. Possiamo annunciare che se non ci saranno progressi sostanziali entro il nostro ragionevole e chiaro periodo di discussione, allora andremo avanti. L’obiettivo principale a questo proposito è mettere gli attori internazionali in un dilemma chiaro e tempestivo e mobilitarsi per prevenire la prevista crisi acuta.

Una buona preparazione potrebbe essere, nel frattempo, l’ampliamento della nostra zona di pesca a 12 miglia nautiche. Ciò è richiesto dal Regolamento n. 1380/2013 Consiglio d’Europa 11/12/2013 (articolo 20) sulla politica comune della pesca.

Restano i problemi di Cipro…

Alberta Trevisan

"Analista certificato. Esploratore a misura di hipster. Amante della birra. Pioniere estremo del web. Troublemaker."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.