Oltre alla Boemia settentrionale, gli incendi boschivi hanno colpito anche la Germania e l’Italia

Rinnovare: 26/07/2022 19:08
Rilasciato da:

Berlino/Roma – L’Europa continentale continua a essere colpita dal caldo, dalla siccità e dagli incendi mentre l’estate si riscalda. I vigili del fuoco stanno spegnendo un incendio nella Germania orientale, dove la situazione è critica, gli incendi sono inarrestabili nel Brandeburgo e in Sassonia. L’elemento si è diffuso nello stato federale vicino al confine ceco dal Parco Nazionale di eské výcarsko, dove l’incendio diffuso deve ancora essere tenuto sotto controllo. Varsavia, Bratislava e Roma hanno promesso assistenza alla Repubblica ceca. A livelli inferiori rispetto alle settimane precedenti, anche Grecia, Francia e Italia hanno subito incendi.

L’incendio nel distretto brandeburghese di Labe-Elster si è diffuso da dieci a circa 850 ettari in un giorno. Sette vigili del fuoco sono rimasti feriti nell’attacco, quattro dei quali ricoverati in ospedale per inalazione di fumo, ha scritto l’agenzia DPA. I civili non sono rimasti feriti, ma 600 di loro hanno dovuto essere evacuati. A spegnere l’incendio sono stati 450 i vigili del fuoco che dovrebbero intervenire nei prossimi giorni anche a causa dei venti segnalati.

Lunedì, l’incendio si è diffuso dal Parco nazionale ceco svizzero alla Svizzera sassone sul lato tedesco del confine. Oggi la situazione si è notevolmente deteriorata, riferisce l’agenzia DPA. Le autorità hanno fortemente esortato i turisti ad evitare questa località, altrimenti rischiano la loro salute e la loro vita. Sul posto sono presenti più di 250 vigili del fuoco.

I vasti incendi boschivi nella Svizzera ceca sono fuori controllo anche dopo tre giorni. Pertanto, la Polonia ha inviato vigili del fuoco ed elicotteri nella Repubblica Ceca. Praga ha anche chiesto un prestito di elicotteri antincendio dalla Slovacchia, che il primo ministro ceco Petr Fiala ha promesso di fornire oggi. L’Italia invierà assistenza anche sotto forma di speciali velivoli antincendio.

Tuttavia, il paese dell’Europa meridionale ha anche problemi con il clima caldo e secco, con diversi grandi incendi divampati nelle ultime settimane. L’aeroporto internazionale di Firenze ha dovuto sospendere temporaneamente le operazioni oggi a causa del fumo degli incendi boschivi che imperversavano a ovest della città. Secondo le autorità italiane, l’incendio ha iniziato a diffondersi nei pressi dei paesi di Lastra e Signa e ha rapidamente inghiottito la vegetazione circostante, uliveti, campi e boschi.

Nell’Umbria, nell’Italia centrale, l’incendio ha bruciato oltre 200 ettari di foresta e vegetazione ed è ancora attivo, secondo l’ANSA.

Anche Grecia e Francia stanno combattendo da diversi giorni contro gli incendi. Nel nord della Grecia, il Parco Nazionale di Dadia, che è uno dei più importanti del paese, è bruciato per un sesto giorno. Coinvolti centinaia di vigili del fuoco e militari, oltre a decine di volontari. L’incendio sull’isola di Lesbo è stato lentamente messo sotto controllo. Lunedì gli incendi su larga scala in Francia sono stati messi sotto controllo, ma i vigili del fuoco stanno ancora combattendo focolai più piccoli.

Tempo di fuoco di Europa Germania

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.