Omicron non è quello che avevamo un anno fa…

La mutazione Micron del coronavirus, che si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo, non è la stessa malattia che abbiamo visto un anno fa, ha affermato uno specialista in malattie infettive dell’Università di Oxford, secondo Bloomberg, rafforzando i rapporti sulla sua natura più mite. 19.

Il nuovo ceppo, scoperto alla fine di novembre, sembra causare malattie meno gravi e coloro che finiscono in ospedale trascorrono meno tempo lì, ha detto a BBC Radio 4 John Bell, professore di medicina.

“Le immagini spaventose che abbiamo visto un anno fa – piene di unità di terapia intensiva, molte persone che muoiono prematuramente – sono storie a mio avviso e penso che dobbiamo essere rassicurati sul fatto che questo processo continuerà”, ha aggiunto Bell.

La dichiarazione del professore a Oxford segue l’annuncio del governo britannico che non imporrà restrizioni più severe alla Gran Bretagna prima del nuovo anno. Negli altri paesi che compongono la Gran Bretagna (Scozia, Galles, Irlanda del Nord) i governi locali sono responsabili di tali azioni.

L’epidemia di coronavirus è salita a oltre 250.000 al giorno nel Paese la scorsa settimana, con il primo ministro Boris Johnson chiamato a rispondere alle richieste di azione. Il ministro della Sanità Sajid Javid ha dichiarato lunedì che sta esaminando le ultime prove della diffusione del virus e ha esortato il pubblico a essere vigile, soprattutto in vista delle celebrazioni di Capodanno.

Michela Eneide

"Pensatore. Appassionato di social media impenitente. Guru di viaggi per tutta la vita. Creatore orgoglioso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.